Chiesa

di Raffaele Dicembrino

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con la Quaresima si torna a parlare e scrivere di Chiese stazionali.

La Costituzione conciliare sulla liturgia Sacrosanctum Concilium afferma che durante la Quaresima ci si prepara alla Pasqua con una disposizione di «attesa in cammino» che invita alla conversione attraverso una vigilanza esercitata con opere di penitenza, carità e digiuno, in modo «da giungere con cuore elevato e liberato alla gioia della domenica di risurrezione» (Sacrosanctum Concilium).

La liturgia quaresimale annovera anche la messa stazionale, una celebrazione eucaristica che appartiene a una tradizione antica ma tutt’oggi viva e che grande impulso riceve dalla Pontificia Accademia cultorum Martyrum, che ha lo scopo, recita lo statuto, di «promuovere il culto dei Santi Martiri e di incrementare ed approfondire l’esatta storia dei Testimoni della Fede e dei monumenti ad essi collegati, fin dai primi secoli del cristianesimo».

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Va segnalato come nelle fonti tardo antiche la statio riguardi non solo una funzionalità logistica ma anche una disposizione dell’animo. Tertulliano nella Ad uxorem (II, IV, 1) e nel De oratione (XIX, 5) fornisce l’etimologia: Statio de militari exemplo nomen accipit, nam et militia Dei sumus, «La stazione deriva il suo nome dal mondo militare, poiché siamo esercito di Dio». Come la sentinella è a guardia dell’accampamento, così il credente deve essere sempre vigile, soprattutto durante la Quaresima.

Già nella metà del II secolo, nella quinta visione del Pastore di Erma (LIV 1, 1) si identifica nella stazione un luogo, in questo caso un monte, dove esercitare pratiche penitenziali.
L’importante cronografo del 354, la Depositio martyrum, lista dei martiri romani, riferendosi al 336, registra stazione un luogo dove la comunità si riunisce per pregare il martire lì sepolto, del quale si commemora il suo dies natalis, il giorno della morte che per i cristiani diventa la rinascita alla vera vita.

Invece nel Liber Pontificalis, che raccoglie le biografie dei Pontefici, sono nominate per la prima volta in forma ufficiale alcune stationes, in occasione del dono fatto loro da Papa Ilaro (461-468) di alcuni vasi utili alla celebrazione.
Le stationes si legano a determinati tempi liturgici e ad alcune celebrazioni solenni dedicate a santi e martiri e non si trovavano esclusivamente a Roma ma si diffondono anche altrove, specie nel nord Africa e in Europa, quale segno di fedeltà all’Urbe e della sua imitazione. San Gregorio Magno, papa dal 590 al 604, riorganizza il sistema delle stazioni e ne stabilisce la liturgia, inaugurandone la tradizione.

I santi martiri rappresentano un legame di comunicazione tra i credenti e Dio, con l’esempio del loro donarsi completamente, fino all’estremo sacrificio, pur di dichiarare e difendere la fede. La liturgia delle stazioni quaresimali dimostra proprio questo rapporto: accompagnano il tempo fino alla Settimana Santa, dando corpo alle parole di Tertulliano, Christus in martyre est (De pudicitia 22), «Cristo è nel martire». Attraverso il martirio dei santi vengono riproposta la Passione di Cristo. I martiri ci introducono al Mistero e ci aiutano nella nostra personale salita al Calvario, ci consentono di elevarci spiritualmente, di convertirci.

Le celebrazioni iniziano il Mercoledì delle Ceneri e terminano nella domenica dell’Ottava di Pasqua. A presiedere le celebrazioni era il vescovo e quindi a Roma il Papa, che si riuniva in una chiesa vicina con il numeroso seguito di vescovi, presbiteri, diaconi, suddiaconi, accoliti e fedeli con i quali recitava la “colletta” per poi muovere in processione verso la sede stazionale intonando litanie.
Le vicende storiche imprimono o tolgono impulso a questa tradizione. Ad esempio fu sospesa durante la Cattività avignonese (1309-1377) e sparì dopo la breccia di Porta Pia (1870), quando furono vietate le processioni per ragioni di ordine pubblico. Fu reintrodotta dopo i Patti Lateranensi, grazie all’impegno dell’allora magister della Pontificia Accademia «Cultorum Martyrum», monsignor Carlo Respighi.

La lista delle chiese stazionali in Roma si è formata e accresciuta nel tempo e comprende innanzi tutto le grandi basiliche di San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura. A queste si uniscono le altre basiliche e chiese che non sono rimaste immutabili nel tempo ma che sono state anche modificate per rispondere a esigenze contingenti.
Le fonti non ci aiutano a capire i motivi della lista, né l’ordine di successione, a cominciare dalla prima, la basilica di Santa Sabina. Restano soltanto ipotesi. Ad esempio per quest’ultima si pensa che la ragione sia nella sua ubicazione, sul colle Aventino, a guardare il corso del Tevere e la città sottostante e che pertanto in origine poteva essere raggiunta percorrendo la lunga salita dalla basilica di Santa Anastasia vicino al Circo Massimo, così che bene poteva rappresentare simbolicamente la fatica dell’ascesa spirituale.

Il rito inizia dalla colletta, cioè l’adunanza dei fedeli intorno al Pontefice o al vescovo, nel segno dell’unione, della partecipazione collettiva. La liturgia delle chiese stazionali è un riunirsi, un camminare insieme per raggiungere le pieghe più lontane della città, per incontrare le diverse comunità locali, riflettendo quanto riportato dalla Sacrosanctum Concilium: «La penitenza quaresimale non sia soltanto interna e individuale, ma anche esterna e sociale».

Per chi volesse approfondire il discorso ecco l’aiuto di un libro. Infatti Hanna Suchocka, già primo ministro della Repubblica polacca e quindi ambasciatrice presso la Santa Sede, è l’autrice del volume, edito dalla Libreria Editrice Vaticana, Le chiese stazionali. Un itinerario quaresimale. Si tratta di un’opera concepita in forma di diario, arricchita di fotografie a colori. Ogni capitolo è dedicato a un giorno di Quaresima, con le indicazioni necessarie per partecipare alle celebrazioni stazionali, comprese quelle itinerarie, e le letture del giorno.
Non si tratta soltanto di una guida alla storia e alle bellezze custodite nelle chiese, né quello è lo scopo principale del libro, se pur assai ricco di notazioni. È un diario che registra sentimenti, incontri e riflessioni, simile a quelli dei viaggiatori del Grand Tour tra Settecento e Ottocento, ma profondamente spirituale. La Roma moderna, rumorosa e caotica, disvela i suoi scrigni di bellezza silenziosa che invitano al raccoglimento, alla preghiera, alla partecipazione eucaristica. Queste pagine costituiscono una guida, nei giorni di Quaresima, a un cammino di verità interiore fatto di ricerca e suggestione, di preghiera partecipe e di spiritualità.

L’autrice del libro, Hanna Suchocka è specialista di diritto costituzionale. È stata membro del Sejm della Repubblica Popolare Polacca durante gli anni ottanta, ed è divenuta Primo Ministro nel 1992.
Le sue tendenze di centro-sinistra, accompagnate dalla sua forte posizione anti-abortista, la resero il candidato perfetto per soddisfare gli interessi della coalizione di maggioranza formata dalla sua Unione Democratica, dall’Unione Cristiano-Nazionale e dal Congresso Liberal-Democratico.
Hanna Suchocka è membro del Consiglio Mondiale delle Donne Leader, una rete internazionale di attuali ed ex donne presidente e primo ministro, la cui missione è di mobilitare le donne leader a più alto livello per l’azione collettiva su argomenti di importanza critica per le donne e per lo sviluppo sostenibile.
Dal dicembre 2001, Hanna Suchocka è Ambasciatore della Polonia presso la Santa Sede ed è anche membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali in Vaticano (nominata da Papa Giovanni Paolo II il 19 gennaio 1994).
Dal 22 marzo 2014 è membro della Pontificia commissione per la tutela.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano