Società

di Rachele Sagramoso

L’importanza di pregare insieme, come coppia e in famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

San Pio – racconta Cristina Righi – lo chiamava “arma”, e se nei confronti dei cristiani che pregano c’è ancora molta intolleranza, evidentemente il santo Rosario è realmente un mezzo potente per sollevare lo spirito. Antonio de Rosa – di Matrimonio Cristiano – proprio insieme a Cristina Righi, hanno avuto un’idea bellissima per coinvolgere le famiglie (soprattutto i coniugi), nella preghiera: una decina di Rosario tutti insieme, per dedicarsi alla preghiera, per ritagliarsi una manciata di minuti con Nostro Signore, chiedendo aiuto a Sua Madre. Se ognuno di noi, coppia, partecipa dicendo “Una decina a testa…” - come dice il simpatico ed evocativo titolo dell’iniziativa – “…al nemico nulla resta”!

Cristina è una donna entusiasta, che spiega con gioia perché partecipare a questa proposta comunitaria di preghiera: recitare una decina a testa, come coppie o singoli (gli impegni della famiglia e del lavoro, talvolta sono molti), è importante perché Nostro Signore, che nel mondo ha già vinto, vuole portarci in Paradiso come famiglie, come gruppi di affetti legati indissolubilmente dal sacramento del matrimonio.

Ogni settimana sarà possibile collegarsi via web e, oltre che la decina ‘scaccia-nemico’, è previsto l’accompagnamento di un Santo e di un testimone: “ospite” d’eccezione la riproduzione della Madonna delle Ghiaie di Bonate (anche chiamata Maria Regina della Famiglia). Il martedì, quindi, alle 19, Antonio porterà le intenzioni di chi parteciperà alla decina e che avrà scritto al 3388575865. Quando Antonio riceverà il messaggio di queste persone, invierà il link di partecipazione alla diretta: questo farà sì che costoro, che chiedono l’intercessione della Madonna per superare le debolezze e le fatiche della vita quotidiana, si sentano responsabili direttamente della preghiera comunitaria. La diretta sarà visibile sulla pagina facebook: Il matrimonio cristiano, Via di santità e felicità.

Ma perché una decina per famiglia? Perché è il nucleo familiare il centro degli scontri culturali moderni. Se da una parte assistiamo a uno sgretolamento delle relazioni tra uomo e donna (che si riversano moltissimo sui figli), siamo testimoni di quanto la presa di posizione immotivata contro il sacramento del matrimonio, sia causa di una sofferenza enorme dei singoli. Assumersi la responsabilità di chiedere attivamente aiuto alla Madonna, è importante perché non si rimane timidamente in disparte ma si affrontano i propri limiti direttamente, sapendo che appresso vi è una comunità orante che parimenti, nei limiti dell’umano sentire, non abbandona la singola famiglia, ma affronta con essa le difficoltà. Mettersi in gioco, per una coppia con le grandi difficoltà del quotidiano, è importante anche se non semplice: accettare di essere figli di Dio e che, come tali, possiamo affidarci a Lui che tutto sa e tutto dispone, è compiere un passo verso la nostra fragilità di uomini e donne, di coppie. Sapere che Lui, che è Padre, ci ascolta e ci fa essere protagonisti delle nostre scelte, credendo con fiducia nelle nostre possibilità (Lui ci progetta, Lui ci mette alla vita), può spaventare, può minare le certezze di esseri umani che la modernità vuole forti, sicuri, eccelsi: farsi piccoli come bambini, infatti, non è semplice. Ammettere di essere in difficoltà, potrebbe essere il primo passo per accogliere Gesù nella vita della famiglia, come lo potrebbe essere quello di donare qualche minuto a chi ne ha bisogno, a chi vorrebbe essere accompagnato nelle asperità spirituali della vita.

A tale iniziativa non si può certo dire di no, poiché ogni martedì si è guidati da persone che hanno fatto della Fede, una luce costante della vita: sono stati ospiti di questa iniziativa anche la mamma di Carlo Acutis, Antonia, i genitori di Chiara Corbella (Antonio e Anselma), diversi sacerdoti, e altre personalità.

Non mi resta che partecipare, ordunque, sapendo che le mie enormi ferite, saranno sanate da chi con me pregherà “Una decina al giorno…”!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2021
2609/2021
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Storie

La Brazzale va incontro ai dipendenti che fanno figli

Di sicuro ci vuole coraggio. E così mentre parliamo della desolante situazione attuale sui temi scottanti degli ultimi tempi tiene a smentire un passaggio erroneamente riportato dal quotidiano La Repubblica in cui avrebbe parlato di Dat ed eutanasia. Il passo riporta: “Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignità è uno scandalo”. L’imprenditore senza esitazioni ne respinge l’attribuzione e corregge il tiro: “Nella fattispecie il tema del fine vita si è sovrapposto nella cronaca a quello della crisi delle nascite. Quelli dell’eutanasia o del suicidio assistito sono dilemmi che sbattono la nostra coscienza al muro ed ogni scelta si adotti non ci potrà che lacerare interiormente. Non da una prospettiva religiosa, dalla quale il dubbio non si pone, ma da cittadino, mi sento molto vicino a chi vive questi drammi ma non riesco ad abbandonare l’idea di una difesa ad oltranza della vita anche oltre ogni ragionevole obiezione”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano