Storie

di Rachele Sagramoso

“Noi”: storia di una chiesa domestica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi mi conosce lo sa bene: da figlia di genitori separati, la mia piccola croce è quella del matrimonio. Sono terrorizzata dal fatto di non riuscire a portare avanti il mio modestissimo obiettivo di rimanere a fianco di mio marito, per tutti gli anni che Iddio vorrà farmi sostare su questa terra. Per questo motivo, ogni qualvolta mi dedico alla lettura di libri sull’argomento “matrimonio” ovvero “famiglia”, leggo con attenzione e tento di carpire segreti, note che possano essere utili, spunti di riflessione e messaggi chiari o seminascosti (soprattutto quando si tratta di testi autobiografici). Cristina Righi oramai la conosco bene, con lei è difficile che non si crei sintonia: è una persona che sa ascoltare, che racconta con serenità le sue vicende di vita, che non nega errori compiuti ma che, anzi, li ammette con serenità come facenti parte della vita che ognuno vive, sapendo che si può cadere, ma che Nostro Signore è con noi perché non ci perdiamo. Giorgio Epicoco è un uomo serio, sintetico e presente, che ha accettato di raccontare con sua moglie, la storia della loro coppia.

Quando si condivide qualcosa di sé, lo si fa spesso per mandare un messaggio che a qualcuno potrebbe essere utile, ma singolarmente. Quando lo si fa in due, partendo da una serie di errori che hanno mutato completamente la vita della coppia, aprendola alla vista di quello che Dio vuole per la coppia stessa, è un messaggio molto più coinvolgente, molto più concreto. Significa che la coppia si è messa a parlare, si è unita e si è amalgamata, e vuol dire che due persone si sono guardate negli occhi per poi, insieme, guardare nella medesima direzione. Al di là di quello che può apparire, non è semplice aprire il cuore e la casa agli altri, per far sì che chiunque possa conoscere le difficoltà e gli obiettivi raggiunti in una coppia: ci vuole umiltà, senso del servizio al prossimo, trasparenza e carattere.

Il libro di Cristina e Giorgio, il primo di una coppia, s’intitola “Noi. Storia di una Chiesa domestica”, e inizia con due persone che si sposano in rito civile, continua con una conversione, prosegue con la risposta alla Chiamata e termina – per me, che sto leggendola - con l’inizio della seconda pubblicazione. Cristina e Giorgio prima aprono il loro cuore, poi si lasciano amare e continuano poi con il donarsi agli altri: alle mogli e ai mariti che ne hanno bisogno, a chi vive una vita matrimoniale in subbuglio, a chi lotta con il coniuge per portare avanti il progetto di vita insieme. Infondo, questo libro è scritto per ognuno di noi, per aiutare le coppie a procreare il loro primo figlio: il Noi.

È un libro che fa assaporare l’amore di coppia, che fa bene all’anima, che dà speranza per chi è già sposato, ma anche per chi vuole farlo con saggezza e serenità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Politica

Sconfessate le famiglie arcobaleno

Per la Costituzione del 1948 articolo 29, per l’articolo 5 comma 1 legge 40 del 2004, per la sentenza della Corte Costituzionale 162 del 2014, persino per la legge Cirinnà del 2016, infine per la sentenza della Corte Costituzionale 221 del 2019, è famiglia solo la società naturale basata su una coppia di persone di sesso diverso unite in matrimonio o almeno stabilmente conviventi. È illegale in Italia per le coppie lesbiche utilizzare la fecondazione eterologa, è illegale per le coppie gay la pratica dell’utero in affitto, le “famiglie arcobaleno” sono dunque sconfessate e l’omogenitorialità nell’ordinamento giuridico italiano non esiste.

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Chiesa

#10familytips. Il Dicastero per la famiglia

Lanciata la campagna social per contribuire a focalizzare l’attenzione pastorale sulla formazione e l’educazione dei bambini in famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano