Storie

di Rachele Sagramoso

“Noi”: storia di una chiesa domestica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi mi conosce lo sa bene: da figlia di genitori separati, la mia piccola croce è quella del matrimonio. Sono terrorizzata dal fatto di non riuscire a portare avanti il mio modestissimo obiettivo di rimanere a fianco di mio marito, per tutti gli anni che Iddio vorrà farmi sostare su questa terra. Per questo motivo, ogni qualvolta mi dedico alla lettura di libri sull’argomento “matrimonio” ovvero “famiglia”, leggo con attenzione e tento di carpire segreti, note che possano essere utili, spunti di riflessione e messaggi chiari o seminascosti (soprattutto quando si tratta di testi autobiografici). Cristina Righi oramai la conosco bene, con lei è difficile che non si crei sintonia: è una persona che sa ascoltare, che racconta con serenità le sue vicende di vita, che non nega errori compiuti ma che, anzi, li ammette con serenità come facenti parte della vita che ognuno vive, sapendo che si può cadere, ma che Nostro Signore è con noi perché non ci perdiamo. Giorgio Epicoco è un uomo serio, sintetico e presente, che ha accettato di raccontare con sua moglie, la storia della loro coppia.

Quando si condivide qualcosa di sé, lo si fa spesso per mandare un messaggio che a qualcuno potrebbe essere utile, ma singolarmente. Quando lo si fa in due, partendo da una serie di errori che hanno mutato completamente la vita della coppia, aprendola alla vista di quello che Dio vuole per la coppia stessa, è un messaggio molto più coinvolgente, molto più concreto. Significa che la coppia si è messa a parlare, si è unita e si è amalgamata, e vuol dire che due persone si sono guardate negli occhi per poi, insieme, guardare nella medesima direzione. Al di là di quello che può apparire, non è semplice aprire il cuore e la casa agli altri, per far sì che chiunque possa conoscere le difficoltà e gli obiettivi raggiunti in una coppia: ci vuole umiltà, senso del servizio al prossimo, trasparenza e carattere.

Il libro di Cristina e Giorgio, il primo di una coppia, s’intitola “Noi. Storia di una Chiesa domestica”, e inizia con due persone che si sposano in rito civile, continua con una conversione, prosegue con la risposta alla Chiamata e termina – per me, che sto leggendola - con l’inizio della seconda pubblicazione. Cristina e Giorgio prima aprono il loro cuore, poi si lasciano amare e continuano poi con il donarsi agli altri: alle mogli e ai mariti che ne hanno bisogno, a chi vive una vita matrimoniale in subbuglio, a chi lotta con il coniuge per portare avanti il progetto di vita insieme. Infondo, questo libro è scritto per ognuno di noi, per aiutare le coppie a procreare il loro primo figlio: il Noi.

È un libro che fa assaporare l’amore di coppia, che fa bene all’anima, che dà speranza per chi è già sposato, ma anche per chi vuole farlo con saggezza e serenità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2021
2609/2021
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Società

CO-INNOVATE IN SPORT 2019 – Il ruolo fondamentale dello sport nella cura del disagio psichico

L’esperienza straordinaria della Nazionale Italiana di Calcio a 5 per persone con problemi di salute mentale è stata protagonista oggi a Bruxelles della conferenza CO-INNOVATE IN SPORT 2019 organizzata
dalla European Platform for Sport Innovation (EPSI) in collaborazione con Pinnacle e l’Enterprise Europe Network (EEN).

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano