Politica

di

Il referendum truffa di Marco Cappato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il bombardamento mediatico è partito, giornali e telegiornali realizzano servizi di propaganda a senso unico per pubblicizzare l’iniziativa referendaria di Marco Cappato “per l’eutanasia legale”, sostenuta da Fedez e da tutti i soliti personaggi alla moda già incontrati nel conflitto sul ddl Zan. Non si alza neanche una timida voce contraria, se non quella del Popolo della Famiglia, che essendo censurata dai media non ha neanche un millesimo della potenza di fuoco garantita a Cappato e compagnia. Ma, attenti: quando vi invitano a firmare il referendum “per l’eutanasia legale” vi stanno semplicemente coinvolgendo in una grande truffa che vi provocherà enormi danni. Non firmate, sostenete piuttosto i banchetti del Popolo della Famiglia che sta raccogliendo le sottoscrizioni per rappresentare alle elezioni la posizione opposta. Per almeno 5 evidentissimi motivi che sono questi.

1 - TUTTA UNA BALLA. Vi raccontano che firmate il referendum “per l’eutanasia legale”. È tutta una balla. Per arrivare all’eutanasia serve una legge e in Italia le leggi non possono essere proposte per referendum, che per la nostra Costituzione possono essere solo abrogativi. È evidente che nessun referendum, quindi, può far spuntare dal nulla una legge, meno che mai su una materia delicata come la vita e la morte delle persone. Le vostre firme servono solo ad arricchire il database dei contatti dei proponenti, che vi massacreranno poi con continue telefonate ed email per farvi iscrivere all’associazione o sostenere (con denaro) questa o quella battaglia.

2 - È IRRICEVIBILE. I proponenti, che sanno benissimo che in Italia il referendum può essere solo abrogativo, vi fanno firmare facendovi credere che così otterrete “l’eutanasia legale” ma in realtà voi firmate per cancellare alcune parole dell’articolo 579 del codice penale, sull’omicidio del consenziente. L’imbroglio sta nel cancellare le parole che riguardano la pena (da sei a quindici anni di carcere) pensando così di ottenere una depenalizzazione del reato. In realtà si aprirebbe una gigantesca “vacatio legis”: il consenziente (a questo punto chiunque, senza vincoli di natura sanitaria) potrebbe essere ucciso anche con una pistolettata in testa, senza conseguenze penali. Ovviamente questo far west non è immaginabile e il testo del quesito sarà certamente giudicato irricevibile dalla Corte costituzionale (salvo impazzimenti giurisprudenzialmente impensabili).

3 - APRE AL FAR WEST. Ove mai la Corte costituzionale impazzisse e giudicasse ricevibile il quesito referendario, si andrebbe verso il far west. L’eventuale approvazione del referendum nelle urne renderebbe legittimo e privo di conseguenze penali qualsiasi omicidio, operato in qualsiasi forma, di qualsiasi individuo consenziente anche privo di qualsiasi “giustificazione” medica (resterebbero solo le eccezioni dei minori, degli infermi di mente e di coloro il cui consenso fosse estorto con violenza).

4 - ATTENTI AI CAVALLI DI TROIA. L’ordinamento giuridico italiano, nella sua organicità, è fondato sul principio della indisponibilità del bene della vita umana: nessuno può sopprimerla, per nessuna ragione, in nessun modo. I proponenti referendari vogliono aprire un vulnus in questa organicità, vogliono usare biecamente vicende di sofferenza estrema come cavalli di Troia per distruggere il principio dell’indisponibilità della vita. Che una volta attaccato non può essere ricostituito. Tutte le (pochissime) nazioni che riconoscono nel proprio ordinamento l’eutanasia legale vedono crescere esponenzialmente i casi in cui vi si ricorre. Esplodono forse ogni anno i casi di malati incurabili costretti a una vita insopportabilmente dolorosa? No, semplicemente si ampliano i criteri che permettono di sopprimere gli individui. Perché uccidere costa infinitamente meno che curare.

5 - SOLO UNA QUESTIONE DI SOLDI. I proponenti del referendum “sull’eutanasia legale” vi vendono l’accesso a un “nuovo diritto”. In realtà sanno bene che la ragione per cui solo 6 nazioni su 207 consentono l’eutanasia è perché essa è un retaggio nazista. Fu attuata per la prima volta negli Anni Trenta da Adolf Hitler con la cosiddetta Aktion T4, l’eliminazione degli improduttivi. Fu accompagnata da una campagna mediatica “pietosa” su singoli casi con modalità assolutamente simili a quella attuale, ma in realtà puntava a eliminare i soggetti improduttivi la cui cura costava troppo al Terzo Reich. Anche oggi, è solo una questione di soldi. Con in più l’imbroglio di raccontarti la scelta suicidiaria come autodeterminata e non, come sarà in verità, determinata da un contesto che progressivamente farà sentire i malati improduttivi come un peso per famiglia e società. E a soggetti già così fragili basterà un nonnulla per far scegliere il burrone, solidarizzare e sostenere una scelta di vita costa molto di più. Attenti: oggi siete tra i produttivi. Domani sarete voi anziani, malati, sofferenti, feriti, gravemente disabili: la nostra società fino ad oggi ha offerto a questi deboli un surplus di attenzione, spesso grazie allo sforzo della famiglia. Davvero volete un domani in cui la vostra vecchiaia o debolezza o infermità sia vista come un peso da eliminare magari utilizzando a caso la parola “dignità”?

Se trovi convincenti uno o più di questi cinque motivi non firmare assolutamente il referendum “per l’eutanasia legale” e sostieni piuttosto lo sforzo per la vita del Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2021
2705/2022
Sant'Agostino di Canterbury

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Politica

Sturzo e l’occasione storica

C’è un’occasione storica oggi per chi crede che davvero “historia est magistra vitae” (e io da laureato in Storia ci credo). Davanti ai ceffi urlanti, che si dicono di tutto e sono pronti a fare di tutto per contendersi un potere che poi gestiscono in maniera analogamente disastrosa, perché privi di un orizzonte valoriale alto che li faccia agire diversamente, davvero c’è un grande spazio per il neopopolarismo delle parole pacate, refrattario agli slogan semplificatori e piuttosto affascinato dalla complessità. Soluzioni concrete a problemi concreti, individuazione delle emergenze vere e intervento diretto a risolverle, risolutezza nell’azione e pacatezza nella mobilitazione, possono essere chiavi di un ritorno a Sturzo che anche oggi può essere decisivo. I liberi e i forti si muovano, partendo da una dimensione cristianamente ispirata, che impedisca prima di tutto ulteriori danni al territorio della cultura della vita e della famiglia, che va presidiato perché solo da questo l’Italia può ripartire. Lo sapeva Sturzo e lo sappiamo noi. I 220mila del Popolo della Famiglia che il 20 gennaio invieranno i loro delegati che si ritroveranno a Roma per celebrare non il passato di un primo secolo di popolarismo, ma l’aprirsi al futuro di un secondo secolo in cui un rinnovato appello ai liberi e forti è necessario, saranno i primi protagonisti di questa rivoluzione possibile. Di un cambiamento vero, discontinuo rispetto al presente e totalmente dissimile rispetto ai modelli di gestione attuale del potere.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

In un documento, l’arcidiocesi di Siviglia ribadisce l’importanza di tutelare sempre la vita, in opposizione a chi promuove l’eutanasia e il suicidio assistito

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano