Media

di Giampaolo Centofanti

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità.

Uscire dai formalismi che si sostituiscono alla ricerca del vero. Come dare la parola a qualcuno perché è titolare della tal cattedra o perché persona famosa. Tra l’altro vediamo che si tratta di specchietti per le allodole perché se rifiutano il sistema anche tali persone vengono emarginate.

Immaginiamo un profeta in antropologia teologica? Vi sono tante ricchezze spirituali, umane, esperienze, anche perplessità e difficoltà, che già da sole stimolano molte riflessioni.

Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Dare spazio alla collaborazione del volontariato nelle redazioni anche perché le grandi realtà mediatiche di professionisti richiedono ingenti spese e conducono dritti nelle mani dei soliti finanziatori. Vi sono tante persone preparatissime, anche se non insegnano all’università. Pensiamo a tanti sacerdoti che provengono dal mondo della cultura ma hanno preferito crescere in mezzo alla gente, certo continuando a studiare ma vivificando la propria cultura nella maturazione condivisa.

Uscire dalla logica del bianco o nero tipica del pensiero in realtà unico. Sono voci teleguidate da pochi potenti che, anche dove in una qualche opposizione reciproca, sono però parte dello stesso sistema di fondo. Gli aut aut (= o solo questo o solo quello) cercano di rendere le persone fanatiche invece che aperte ad avvedersi di tante sfumature, dunque ad una viva ricerca del vero. Il sistema teleguida onnipervasivamente i pensieri della gente invece di stimolare ricerche vive che scavano nel mistero della vita evitando di venire plasmati dalle apparenze.

Il sistema propone in ogni cosa solo soluzioni tecniche, mero fare, si guarda bene dal salto di qualità, fin dalla scuola, delle libere ricerche identitarie e del solo allora autentico scambio. Favorire invece in ogni modo orientamenti in questa luce. Per esempio stimolare i genitori a dialogare in tal senso con i propri figli sui loro studi scolastici; porre attenzione alla formazione di guide spirituali anche laiche e, per esempio, di suore; creare luoghi d’incontro nella città per la crescita spirituale, per lo scambio e anche per l’incontro umano mentre il sistema cerca di isolare.

Autentica ricerca identitaria e solo allora autentico scambio risvegliano l’uscita dalla cultura astratta, della ragione a tavolino e orientano a rientrare in contatto col proprio cuore semplice nella luce serena, imparando a non lasciarsi confondere da schemi, rigidità, forzature, sensi di colpa, cervellotismi e conseguenti ansie. Ci si riapre alla vita superando le sordità dello svuotante ragionare a tavolino. Tutti i limiti cui sto accennando hanno spesso qui la loro matrice profonda.

Essere consapevoli della distorsione dei valori a vantaggio del sistema. Prendiamo la solidarietà, come può essere tale se impedisce nella scuola la formazione alla luce della libera ricerca identitaria e del solo allora autentico scambio? Si parla dunque di una solidarietà fittizia, omologante, che in nome e con l’aura di un bene in realtà falso spegne un’autentica ricerca umana e tende a rendere meri individui consumatori persi in una massa anonima.

Ecco sopra solo alcuni spunti per una rinascita dal basso. Per un credente poi resta la fiducia più profonda: la storia la porta avanti Dio con l’aiuto di ogni persona di buona volontà. In mezzo a noi vive l’Emmanuele, ci sostiene sulla via vera e non lascerà che siamo davvero perduti a causa di qualcuno. Lui per primo nella sua vita terrena è cresciuto nella ricerca identitaria e nell’autentico scambio: chi ascolta e dialoga con me sulla Parola è per me fratello, sorella e madre. E così la fonte della rinascita sta, almeno in un percorso: nell’affidarsi all’ascolto della Parola ed in specie del vangelo, piuttosto che solo ad una mera catechesi; nel privilegiare l’ascolto comunitario della Parola, con la conduzione della guida ma non limitandosi al suo monologo; nel proporre, almeno gradualmente, cammini personali e comunitari di fede, invece che, in eterno, corsi, riunioni; nella discreta disponibilità, per esempio della guida spirituale, ad accompagnare il cammino dell’altro rispettando il mistero del suo rapporto con Dio invece che imponendogli schematiche scelte.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Società

TRE CIFRE, TRE LETTERE, FORSE UNO SPIRAGLIO ?

C’è un sistema fatto di persone che hanno dimenticato la civiltà e il senso dell’umano, c’è un insieme di funzioni, di uffici, di scrivanie popolati dal genere umano che di umano pare avere ben poco in particolar modo se l’umano da “trattare” è l’infanzia, l’infanzia in senso lato.
Pensiamo a come ogni tassello sia al suo posto e a come il valore più importante quale il tempo venga dilatato e reso “biblico”… i giorni i mesi e gli anni si sommano ora dopo ora,  i figli sono strappati dilaniati psichiatrizzati psicologizzati nel tentativo di cancellare colei che ha donato loro la vita.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Società

Transizione di genere ad Ivrea

Ivrea, la “bella” di carducciana memoria, Ivrea, un tempo punta di diamante del progresso tecnologico olivettiano, oggi ridotta all’ombra di se stessa, visto che perfino le luci del Carnevale sono spente grazie al COVID, da un paio di giorni è di nuovo oggetto di attenzione mediatica sovraregionale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano