Società

di Tommaso Ciccotti

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scatta l’allarme apprendimento per alcuni studenti dell’asia Meridionale. Secondo una ricerca dell’UNICEF condotta in India, Maldive, Pakistan e Sri Lanka, nonostante notevoli sforzi da parte dei governi e dei partner per espandere l’apprendimento a distanza, la chiusura delle scuole ha portato a disuguaglianze allarmanti nelle opportunità di apprendimento per i bambini dell’Asia meridionale.

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.
“La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha costretto centinaia di milioni di bambini e i loro insegnanti a passare all’apprendimento a distanza in una regione con scarsa connettività e accessibilità ai dispositivi”, ha dichiarato George Laryea-Adjei, direttore regionale UNICEF per l’Asia meridionale. “Anche quando una famiglia ha accesso alla tecnologia, i bambini non sono sempre in grado di accedervi. Di conseguenza, i bambini hanno subito enormi battute d’arresto nel loro percorso di apprendimento”.

Nonostante i considerevoli sforzi dei governi, la scarsa connettività e l’accesso ai dispositivi digitali hanno ostacolato gravemente le azioni per la diffusione dell’apprendimento a distanza. In India, il 42% dei bambini tra i 6 e i 13 anni ha riferito di non aver utilizzato alcun tipo di apprendimento a distanza durante la chiusura delle scuole. In Pakistan, il 23% dei bambini più piccoli non aveva accesso a nessun dispositivo che potesse supportare l’apprendimento a distanza. Le famiglie povere e svantaggiate sono state le più colpite, in quanto molte famiglie fanno fatica a permettersi anche un solo dispositivo.
Anche quando i dispositivi sono disponibili, secondo la ricerca dell’UNICEF, sono spesso insufficientemente utilizzati e l’accesso dei bambini a questi dispositivi è spesso limitato. Per esempio, in Pakistan, tra i bambini che avevano accesso ai dispositivi, solo il 24% circa poteva usarli quando voleva.
La ricerca ha rilevato che l’impegno di studenti e insegnanti, quando è regolare e reciproco, è un forte fattore di successo nell’apprendimento dei bambini, soprattutto per gli studenti più giovani. Tuttavia, le indagini hanno rilevato che la maggior parte degli studenti aveva poco o nessun contatto con i loro insegnanti dopo la chiusura delle scuole. Nelle scuole elementari private dello Sri Lanka, il 52% degli insegnanti ha riferito di aver contattato i loro studenti cinque giorni alla settimana, ma questo numero è sceso a solo l’8% per gli insegnanti delle scuole elementari pubbliche.

“La riapertura in sicurezza delle scuole deve essere considerata una priorità assoluta per tutti i governi. Parallelamente, investire negli insegnanti garantirà che i docenti e le scuole potranno adattarsi a tutte le situazioni. Più gli insegnanti sono formati, dotati di attrezzature e supportati nell’apprendimento a distanza e misto, meglio saranno in grado di raggiungere tutti i loro studenti”, ha aggiunto George Laryea-Adjei. “Questo è un investimento cruciale che dobbiamo fare per i bambini mentre la regione si prepara alle future ondate di COVID-19. Abbiamo bisogno di costruire sistemi che possano resistere a qualsiasi tempesta e far sì che i bambini continuino a imparare, indipendentemente dalle circostanze”.

Per assicurare che i bambini continuino ad apprendere, l’Unicef fa appello ai governi per dare priorità alla riapertura in sicurezza di tutte le scuole, assicurando allo stesso tempo che i bambini siano in grado di perseguire un apprendimento di qualità a distanza, se necessario; agli insegnanti, per valutare i livelli di apprendimento dei bambini e garantire il recupero attraverso un periodo di “recupero dell’apprendimento”; ai governi, che devono dare priorità alla vaccinazione degli insegnanti per sostenere la riapertura in sicurezza delle scuole; e ancora ai governi, che devono formare e dotare gli insegnanti di attrezzature per raggiungere meglio i bambini e gli adolescenti con accesso limitato o nullo alla tecnologia attraverso una combinazione di modalità che includa dispositivi mobili, TV, radio e materiale stampato; e ai donatori per proteggere ed espandere gli investimenti nell’istruzione, compresi l’alfabetizzazione e il calcolo pre-primari e di base; il settore privato e le organizzazioni della società civile a collaborare con i governi per migliorare la connettività e creare contenuti di alta qualità e multilingue per l’apprendimento a distanza, adatti alle esigenze degli studenti; gli amministratori scolastici e i funzionari dell’istruzione a fornire maggiori indicazioni agli insegnanti per coinvolgere i loro studenti e utilizzare diversi tipi di tecniche di apprendimento; ai genitori e gli assistenti devono ricevere un sostegno e una guida adeguati per proseguire il percorso d’apprendimento a casa.
La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha aggravato una situazione che era già precaria. Anche prima della pandemia, quasi il 60% dei bambini dell’Asia meridionale non era in grado di leggere e comprendere un testo semplice entro i 10 anni di età. Inoltre, 12,5 milioni di bambini a livello primario e 16,5 milioni di bambini a livello secondario inferiore non andavano a scuola.

Un problema quindi soltanto in parte riconducibile al Covid ma comunque una grave situazione di disagio che i governati di questi Stati hanno l’obbligo morale e civile di risolvere con o senza gli aiuti dell’Occidente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Storie

Vaccino Moderna, con seconda dose rischi per il cuore

La seconda dose del vaccino anti-Covid di Moderna potrebbe aumentare il rischio di effetti indesiderati di miocarditi o pericarditi. Lo ha comunicato l’Ente europeo per il farmaco, Ema, sulla base di “analisi preliminari” di nuovi dati segnalati da alcuni Paesi come Svezia e Danimarca, in merito ai possibili eventi avversi successivi alla vaccinazione con prodotti a mRna. Lo riporta Adnkronos.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

Società

Siria: oltre 3.700 vittime nel 2021

I civili uccisi sono 1.505, fra i quali 360 bambini. Nell’elenco anche 297 persone colpite da mine anti-uomo e ordigni inesplosi.

Leggi tutto

Storie

Brasile: prosegue la missione della nave ospedale Papa Francesco

L’imbarcazione gestita dalla Fraternità San Francesco d’Assisi nella Provvidenza di Dio che ha anche un ospedale a Rio de Janeiro, è in navigazione dal 2019. Il 21 gennaio partirà per una spedizione diretta al comune di Curuá, a ovest di Pará, dove resterà per curare la popolazione fino al 25

Leggi tutto

Storie

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano