Politica

di Mario Adinolfi

La scritta in piccolo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia). Mettiamo simbolo, bandiere, spillette e chiediamo il voto a un cittadino per volta. Poi mi raccontano che lunedì un candidato cattolico che stimo, con un sacerdote che stimo e uno scrittore-attore che stimo fanno una iniziativa promossa da una parrocchia, chiaramente per far sapere che sono tutti stretti attorno al candidato di Fratelli d’Italia, meritevole, lo ripeto. Meno meritevole è, per far passare il messaggio e acca’ nisciun è fess’, metterci sopra una sorta di catechesi. In campagna elettorale per le comunali se si fa una iniziativa con un candidato al consiglio comunale si mette il simbolo del partito, come facciamo sempre noi e noi abbiamo disegnati mamma, papà e figli, nel caso di specie invece il simbolo ha la scritta sui fratelli e il disegno è della fiamma tricolore del Movimento sociale italiano. Son gusti. Lo scrittore-attore mi era molto piaciuto in un servizio che fece per Le Iene pressando Matteo Salvini con attitudine molto polemica perché strumentalizzava politicamente il Rosario e il Vangelo. Pensai: “Simpatico questo Scifoni”. Adesso tutti in chiesa a sostenere il candidato della fiamma che arde, ma scriviamolo piccolo: che si sappia, che si capisca, ma diciamo che si parla di padri e di figli. Per far arrivare i voti ai Fratelli. Che sono d’Italia e ormai forti e potenti. Popolo della Famiglia? No, voi fuori dalle chiese perché fate politica. E la politica in chiesa non si fa. Soprattutto se siete piccoli e per niente potenti. Ma non fateci caso, questo è il solito Adinolfi, quello che è divisivo. Ve lo spiegherà il prete e ve lo spiegherà senza doverlo manco dire, basta la scritta piccola, per chi unitariamente dovete votare. Queste forme di subalternità culturale e politica i cattolici le stanno pagando carissime da un quarto di secolo. Ma invece di innalzare un’insegna, si sceglie la via dell’imbroglietto “alla cattolica”, scritte piccole e simboli occultati dietro titoli ammiccanti, acquattati ai piedi degli interessi del partito del potente di turno, che cambia a ogni turno. Noi in chiesa non vi disturberemo, non organizzeremo catechesi a fini elettorali con personaggi cattolici amabili e di grido, ma io non so come si possa uscire dalla Messa il 3 ottobre e non andare a votare il simbolo del Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano