{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Politica

di Giuseppe Udinov

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Ogni posto di lavoro creato con il Reddito di cittadinanza è costato allo Stato almeno 52mila euro, oltre il doppio di quanto spende un privato per un operaio a tempo indeterminato. L’analisi è stata realizzata dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre. Solo in 152mila hanno trovato un posto di lavoro grazie ai navigator. “Un costo - commenta l’Ufficio studi - che appare eccessivo per un numero limitato di persone entrate nel mercato del lavoro”.

In base agli ultimi dati disponibili a fronte di poco più di un milione di persone beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno manifestato la disponibilità a recarsi in ufficio o in fabbrica solo 152mila persone hanno trovato un posto di lavoro grazie al sostegno dei navigator.

Secondo la Cgia il reddito di cittadinanza “non è efficace per combattere la disoccupazione”. Non si tratta di contrarietà ideologica. L’associazione ha, infatti, puntualizzato che “in un Paese civile e avanzato chi si trova in uno stato di povertà ed esclusione sociale va aiutato, anche attraverso l’erogazione di un reddito di cittadinanza”. Ma altra cosa “è ipotizzare che un aiuto economico possa concorrere a far entrare nel mercato del lavoro il destinatario della misura. I dati appena descritti e quelli che illustreremo successivamente dimostrano il contrario”. Pertanto, è il ragionamento portato avanti dalla Cgia,“chi è in difficoltà economica va assolutamente aiutato, ma per combattere la disoccupazione il rdc ha dimostrato di non essere uno strumento efficace”.

Le spese, come già scritto, sono piuttosto elevate. Dalla prima metà del 2019, periodo in cui è entrato in vigore la misura, fino alla fine di quest’anno l’investimento dello Stato ammonta a 19,6 miliardi: 3,8 per il 2019, 7,2 per il 2020 e 8,6 miliardi per l’anno in corso. Per il 2022 è prevista una spesa di 7,7 miliardi. Va sottolineato che per i primi due anni le cifre si riferiscono a quelle effettivamente spese, mentre per gli anni successivi si fa riferimento alle risorse stanziate.
Vi è, poi, un altro dato su cui riflettere. La Cgia ha ricordato che secondo l’Anpal le persone che percepiscono il rdc sono difficilmente occupabili. L’Agenzia ha stimato che la probabilità di rimanere disoccupato a distanza di 12 mesi sfiora il 90%. Questo perché la platea di soggetti ha una insufficiente esperienza lavorativa alle spalle. A supporto di tale tesi vi sono altri dati forniti, questa volta dall’Inps. L’Istituto previdenziale, analizzando lo storico contributivo di queste persone nella fascia di età tra i 18 e i 64 anni, ha segnalato che solo un terzo ha avuto un’occupazione in passato. Da ciò si evince che spesso ci si trova di fronte a soggetti a forte rischio di esclusione sociale, ovvero in condizioni di povertà economica e di grave deprivazione materiale. Ma non solo. Invece di fare del bene si potrebbe creare una sorta di effetto negativo proprio su queste persone. In pratica trovare un lavoro a questi soggetti potrebbe costituire per loro un problema a causa del precario equilibrio psico-fisico in cui versano.

Secondo i dati dell’Inps riferiti ad agosto di ques’anno, le persone destinatarie del reddito di cittadinanza erano 3,5 milioni, pari a poco meno di 1,5 milioni di nuclei familiari. Tra questi, gli over 18 che hanno sottoscritto il Patto per il Lavoro sono 1,15 milioni, in base a numeri forniti dall’Anpal. La Corte dei Conti ha a sua volta evidenziato che coloro che hanno trovato un’occupazione stabile sono poco più di 152mila.Altri numeri interessanti diffusi dalla Cgia sono quelli relativi alle provincie. In quella di Caserta (147.036) e di Napoli (555.646) si concentrano complessivamente quasi 703mila beneficiari del provvedimento. In altri termini solo in queste due province si concentra quasi il 20% dei percettori totali della misura.

L’Associazione artigiani e piccole imprese ha reso noto il numero dei percettori del rdc nelle grandi aree metropolitane: a Roma sono 240.065, a Palermo 212.544, a Catania 169.250. a Milano 122.873, a Torino 104.638 e, infine, a Bari 92.233.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La fatica del genitore

Il rapporto con i figli, il compito di educatore, la regola come strumento e mai come scopo

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Laura Terrana: perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano