Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco - Viaggio Apostolico a Budapest: Angelus

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al termine della Messa nel piazzale degli Eroi a Budapest,Papa Francesco fa precedere la recita dell’Angelus con un ringraziamento alla grande famiglia cristiana d’Ungheria che ha ospitato il Congresso eucaristico

Il Papa si rivolge alla “grande famiglia cristiana ungherese”, fratelli e sorelle “in cammino verso la piena unità”. Poi, scandito da un affettuoso applauso dei fedeli, il saluto di cuore al Patriarca Bartolomeo - che chiama ‘Fratello’ - alla Chiesa locale e a quanti si sono adoperati per i lavori del Congresso eucaristico internazionale e per l’organizzazione della visita apostolica

Cari fratelli e sorelle,

Eucaristia significa “azione di grazie” e al termine di questa Celebrazione, che chiude il Congresso Eucaristico e la mia visita a Budapest, vorrei di cuore rendere grazie. Grazie alla grande famiglia cristiana ungherese, che desidero abbracciare nei suoi riti, nella sua storia, nelle sorelle e nei fratelli cattolici e di altre Confessioni, tutti in cammino verso la piena unità. A questo proposito saluto di cuore il Patriarca Bartolomeo, Fratello che ci onora con la sua presenza. Grazie, in particolare, ai miei amati Fratelli vescovi, ai sacerdoti, ai consacrati e alle consacrate, e a tutti voi, cari fedeli! Un ringraziamento grande a chi tanto si è adoperato per la realizzazione del Congresso Eucaristico e di questa giornata.

Nel rinnovare la gratitudine alle Autorità civili e religiose che mi hanno accolto, vorrei dire köszönöm [grazie]: grazie a te, popolo di Ungheria. L’Inno che ha accompagnato il Congresso si rivolge a te così: «Per mille anni la croce fu colonna della tua salvezza, anche ora il segno di Cristo sia per te la promessa di un futuro migliore». Questo vi auguro, che la croce sia il vostro ponte tra il passato e il futuro! Il sentimento religioso è la linfa di questa nazione, tanto attaccata alle sue radici. Ma la croce, piantata nel terreno, oltre a invitarci a radicarci bene, innalza ed estende le sue braccia verso tutti: esorta a mantenere salde le radici, ma senza arroccamenti; ad attingere alle sorgenti, aprendoci agli assetati del nostro tempo. Il mio augurio è che siate così: fondati e aperti, radicati e rispettosi. Isten éltessen! [Auguri!] La “Croce della missione” è il simbolo di questo Congresso: vi porti ad annunciare con la vita il Vangelo liberante della tenerezza sconfinata di Dio per ciascuno. Nella carestia di amore di oggi, è il nutrimento che l’uomo attende.

Oggi, non lontano da qua, a Varsavia, vengono proclamati Beati due testimoni del Vangelo: il Cardinale Stefan Wyszyński ed Elisabetta Czacka, fondatrice delle Suore Francescane Serve della Croce. Due figure che conobbero da vicino la croce: il Primate di Polonia, arrestato e segregato, fu sempre pastore coraggioso secondo il cuore di Cristo, araldo della libertà e della dignità dell’uomo; Suor Elisabetta, che giovanissima perse la vista, dedicò tutta la vita ad aiutare i ciechi. L’esempio dei nuovi Beati ci stimoli a trasformare le tenebre in luce con la forza dell’amore.

Infine preghiamo l’Angelus, nel giorno in cui veneriamo il santissimo nome di Maria. Anticamente, per rispetto, voi ungheresi non pronunciavate il nome di Maria, ma la chiamavate con lo stesso titolo onorifico utilizzato per la regina. La “Beata Regina, vostra antica patrona” vi accompagni e vi benedica! La mia Benedizione, da questa grande città, vuole raggiungere tutti, in particolare i bambini e i giovani, gli anziani e gli ammalati, i poveri e gli esclusi. Con voi e per voi dico: Isten, áldd meg a magyart! [Dio benedica gli ungheresi!]

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PAKISTAN - Cristiano accusato di blasfemia perchè posta un passo biblico

La famigerata “legge di blasfemia” in Pakistan è composta da alcuni articoli del Codice Penale: gli articoli 295 e 295a puniscono, in modo generalizzato, la blasfemia verso la religione; due controversi commi (295b e 295c), in particolare, puniscono con l’ergastolo o con le pena di morte il vilipendio all’Islam, al Corano o al Profeta Maometto. Inoltre l’onere della prova non ricade sull’accusatore ma sull’imputato. La legge è spesso strumentalizzata e tirata in ballo per vendette personali.

Leggi tutto

Storie

Rupnik non fa più parte dei Gesuiti

Lettera aperta del delegato per le Case e Opere Internazionali Romane, padre Verschueren, sul sacerdote al quale il 14 giugno scorso è stato consegnato il decreto di dimissione, in seguito al rifiuto di “intraprendere un percorso di verità e di confronto con il male denunciato da tante persone che si sono sentite ferite”. Trascorsi trenta giorni, non essendo stato presentato ricorso a tale decreto, Marko Rupnik non fa più parte della Compagnia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco agli ufficiali Militari dell’Arma dei Carabinieri

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
AGLI UFFICIALI E MILITARI DELL’ARMA DEI CARABINIERI

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ascoltare e capire, l’essenza del percorso sinodale

Post su X di @Pontifex alla vigilia dell’avvio del Sinodo sulla sinodalità

Leggi tutto

Politica

LAURA E LA MICCIA

Il mio fratellone Nicola Di Matteo fa gli auguri di onomastico alla moglie Laura Terrana nella ricorrenza di Santa Laura di Cordova. Santa perché ai tempi del dominio musulmano sulla Spagna rifiutò di abiurare la sua fede cristiana e venne condannata a morte tramite immersione in una caldaia di pece bollente

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: la terra di Gesù dilaniata da sofferenze tremende

Papa Francesco riceve i partecipanti alla Consulta dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e rivolge un pensiero alla Terra Santa: “Tanti innocenti morti”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano