Società

di Mario Adinolfi

L’IDEOLOGIA DELLA QUOTA ROSA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La frase del titolo de La Stampa è mia, la ritrovate nel testo dell’articolo in cui ho detto chiaramente che il film di Paolo Sorrentino sulla morte dei suoi genitori, che si dischiudeva in un delicato inno alla vita e al cinema stesso, meritava il Leone d’Oro a Venezia rispetto alla solita pappa abortista che l’ha vinto per ragioni ideologiche e “di genere”. Donne, ribellatevi: Oscar, Leone d’Oro e Palma d’Oro sono andate quest’anno a tre registe. Di colpo esploso il talento femminile? No, di colpo è esplosa l’ideologia della quota rosa. Donne, ribellatevi: non si fa così la guerra (totally unnecessary, per citare Barney Panofski) della parità dei sessi. Così si costruiscono i cliché e i cliché sono il contrario dell’arte. Nomadland (premio Oscar) è stato recentemente definito persino su Repubblica “una cagata pazzesca” evocando Fantozzi; Titane (Palma d’Oro) ha fatto scrivere a Nanni Moretti di essere invecchiato “di colpo” perché è un film “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”; ora il Leone d’Oro a Venezia premia una che rimane incinta “umanamente” ma il figlio è un problema da eliminare, viva le leggi sull’aborto. Donne, ribellatevi ai cliché. E il cinema, come l’arte tutta intera, torni ad essere un inno alla vita. Siamo tutti condannati a morte lo sappiamo, come Caravaggio che ho citato, ma se l’arte non esplode in un tripudio all’esistenza spes contra spem restituendoci invece solo fotografie cupe e ideologiche, in cui la libertà dell’Occidente corrisponde solo ai “nuovi diritti civili” che sarebbero quelli di uccidere i bambini nel ventre materno con l’aborto o i sofferenti e gli anziani con l’eutanasia, allora che album di ricordi della nostra epoca (l’arte alla fine è questo) stiamo lasciando ai nostri figli? Donne, ribellatevi. Non diventate cliché, non siate portatrici di cupezza. Non è nella vostra natura. Siete voi stesse l’inno alla vita. E se il film di Sorrentino è meglio di quello della francese, lo si dica senza l’inutile inginocchiatoio al nuovo idolo della guerra ideologica del “women empowerment” che è solo farsa e politicamente corretto. Qualcosa che non vi piace, qualcosa che non ci piace: è un brutto film, nella storia proiettato già troppe volte, con esiti avvelenati. Lieto di aver condiviso parte di queste riflessioni (e lo spazio sulla paginata de La Stampa) con il sempre lucido vescovo Suetta. Un uomo coraggioso che non teme di andare controcorrente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Storie

L’esempio del padre della ragazza violentata

Il padre di una delle due quattordicenni romane violentate si è erto a difesa e a sostegno della legge, indicandosi come ulteriore istanza

Leggi tutto

Politica

Prosegue l’abuso di propaganda di Emma Bonino

Forse Emma non sa che il terzo comma dell’art 6 (che dichiarava punibile esclusivamente chi venisse “materialmente è colto in flagranza nell’atto di affissione” ed escludeva la solidarietà con il committente) è stato abrogato nel lontano 2007 e che dunque rischia l’arresto fino a sei mesi e con l’ammenda da lire 100.000 a lire 1.000.000.

Leggi tutto

Società

Siamo obbligati a perdonare?

In Storia del Terrorismo in Italia ho preferito fare un lavoro che fino ad oggi non era mai stato compiuto. Raccogliere in un volume i nomi di tutte ma proprio tutte le centinaia e centinaia di vittime dei terroristi. E poi di scattare la fotografia dei cinquanta volti di chi ha materialmente ucciso. Affinché restino impresse almeno in un’opera la dignità di chi è morto insieme alla vigliaccheria di chi ha ammazzato, l’una al fianco dell’altra. Il capitolo sugli assassini è quello che segue e ve ne regalo la lettura gratuita oggi, in onore di Aldo Moro e di tutte le vittime del terrorismo in Italia, i cui familiari hanno tutto il mio affetto e le mie preghiere oltre alla comprensione se non vorranno subire l’obbligo del perdonismo ideologico. Gli assassini dei loro cari almeno restino in silenzio. Questi i loro nomi

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano