Società

di Mario Adinolfi

UN MONUMENTO AGLI HATERS

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ho letto che Loretta Goggi avrebbe lasciato i social per “l’odio in rete” e cioè commenti pesantissimi legati al suo invecchiamento. Guardate che il problema non è la rete: l’odio sta scorrendo a fiumi nella società ed è alimentato dai media generalisti per poi scaricarsi in rete, che dei media generalisti è la cloaca. Sono i media generalisti a predicare pensiero unico e se non pensi come loro ti dicono di pensare sei feccia da eliminare. Sono i media generalisti a proporti un modello di vita dove servi solo se produttivo: se sei vecchio, storpio, obeso, depresso, una madre di famiglia con tante rughe o un disabile al Grande Fratello non ti vogliono, ma manco al dibattito finto intellettualoide con Concita De Gregorio. Negli aperitivi in terrazza meglio un ex terrorista che un’ex bella (magistrale la scena con una Serena Grandi deformata girata da Sorrentino nel party della Grande Bellezza).

L’odio è acceso dai grandi media, alimentato da una rabbia che è benzina composta dalla tragica condizione socio-economica che contrappone garantiti e non garantiti (per i quali una Goggi diventa dunque una decrepita ricca su cui sfogarsi), portato a soluzione definitiva quando vi raccontano che i rimedi a portata di mano da rivendicare in qualità di diritti sono quello a suicidarsi e a drogarsi. Vi spiegano quindi quanto siete inutili e quanto gliene frega a loro di voi. Niente. Schifano le vostre faticosissime vite, di conseguenza voi odiate le loro, patinate e arricchite. Altro che odio in rete. Meno male che c’è la rete che fa da collettore di tutta questa rabbia: uno mette il suo commento su Facebook, va a sfregiare la pagina di uno famoso, di solito proteggendosi con l’anonimato, così pensa di aver agito contro questo sistema che lo opprime.

Chi detiene le chiavi del potere sa bene di dover costruire un monumento agli haters dei social, di cui parlano con aria corrucciata, senza averne alcuna paura. Tigri di carta, spie di un disagio e anche evidenziatori della fragilità emotiva del jet set nostrano, che vuole essere ricco, potente, famoso e pure idolatrato dai servi della gleba che s’arrangiano senza vedere prospettive. Tutto non si può avere. Beccatevi dalla rete quel che la rete produce, fanghiglia inclusa. Poi ragioniamo tutti insieme sui perché. E vedrete che, forse anche grazie alla fanghiglia, il risultato del ragionamento sarà sorprendente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2021
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

La questione Giorgia Meloni

Con l’avvicinarsi del voto esiste la tendenza ad accaparrarsi più voti possibili con le promesse più disparate. Mario Adinolfi chiarisce questo scottante argomento prendendo come esempio Fratwlki d’Italua e la sua leader Giorgia Meloni

Leggi tutto

Politica

Voti Lega o Meloni? Eleggi Lupi e Costa

Se vuoi veramente far sentire la tua voce in Parlamento non cadere nel solito tranello pre-elettorale. Non dare il tuo voto ai soliti noti che promettono di tutelare la famiglia, i malati, la vita, i bambini. Non credere alla storia del voto utile per i partiti che sono già affermati da anni. Se veramente vuoi cambiare questa società alal deriva hai una sola possibilità il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Le ragioni di un popolo che si è messo in cammino

Lunga intervista in presa diretta con il direttore del nostro quotidiano, nella veste politica di fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: a porgli le domande e raccogliere le risposte è Paul Freeman, il coordinatore dell’Associazione Culturale Cattolica Zammeru Maskil, editrice del noto sito “ilcattolico.it”. La conversazione spazia dalle motivazioni che hanno portato alla fondazione del movimento politico alle ragioni che ne suggeriscono il suo assetto attuale. Il PdF si rifà a un’eredità politica e culturale in cui l’era del personalismo dei leader era ancora di là da venire.

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Storie

NEL NOME DI MINO

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano