Politica

di Tommaso Ciccotti

La scuola è già in ginocchio: è già tempo di DAD

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si allargano a macchia d’olio i casi di classi in quarantena: un fenomeno che ha preso corpo nei primissimi giorni di scuola prima a Bolzano, per poi trovare terreno fertile anche in Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna e Lazio. Le lezioni sono riprese da una settimana è già si contano già un centinaio di classi costrette a rimanere a casa, quindi a tornare a quella dad che chi governa la scuola ha detto che ci eravamo messi alle spalle. La triste realtà sta emergendo anche grazie agli screening negli istituti “sentinella” caldeggiati dall’Anief, sui quali il Parlamento ha appena legiferato ma che andavano allargati a tutti gli studenti, di qualunque età, e al personale scolastico oltre che universitario.

Sull’inevitabile ritorno alla DAD, per via delle classi dove si sarebbero verificati dei focolai, il sindacato Anief aveva messo in guardia il ministero dell’Istruzione: “Bisognava confermare il distanziamento minimo tra gli alunni – dice Marcello Pacifico, presidente del sindacato rappresentativo – poiché il vaccino anti Covid19 non scherma dai contagi. Inoltre mascherina e vaccinazione di un quinto delle persone che staziona a scuola per ore, tra alunni, insegnanti e personale, non possono fornire certezze. Ancora meno il Green Pass, contro il quale il nostro sindacato ha presentato ricorso, che è anche illegittimo e discriminante. E non ci sorprende che tanti lavoratori della scuola abbiano partecipato allo sciopero Anief nel primo giorno di scuola, arrivando a lasciare chiusi diversi istituti: una condizione che non fa piacere, ma che la dice lunga sul malessere che si è creato tra docenti e Ata, consapevoli che questo ritorno a scuola non si svolge in sicurezza”.
Sale a 35 il numero delle classi in quarantena in Alto Adige, mentre sono una settantina i casi di positività. La prossima settimana, oltre ai test salivari a campione disposti a livello nazionale, partirà anche lo screening a tappeto con tamponi nasali in tutte le classi. La partecipazione è volontaria, ma in caso di un compagno positivo solo i non testati finiranno in Dad, mentre gli altri alunni resteranno in presenza.

Chi ha detto che in questo anno scolastico si sarebbe fatto ricorso alla didattica a distanza solo eccezionalmente può già ricredersi: a pochi giorni dall’inizio delle lezioni in presenza, i casi di Covid stanno proliferando. Le stesse le rassicurazioni del ministro dell’istruzione sul ritorno tutti in presenza si sono subito sciolte come neve al sole. La rivista Orizzonte Scuola ha già conteggiato un centinaio di classi in cui è stato accertato il ricorso alla quarantena e il ritorno alla DAD.

Lezione in Dad anche per oltre 30 di classi nel territorio di Ats Milano, che comprende anche la provincia di Lodi: lo si evince dal bollettino di Ats Milano al 15 settembre. A due giorni dalla prima campanella sono finiti in quarantena alcuni studenti delle superiori e della primaria, dopo la scoperta – come scrive il Corriere della Sera – di un compagno positivo al Covid. A casa per lo stesso motivo anche altri bambini dei nidi e delle scuole dell’infanzia, dove le attività in presenza erano riprese il 3 settembre. In tutto si tratta quindi una trentina di classi, su una popolazione scolastica di circa 500mila studenti.

E’ dunque di nuovo allarme nelle scuole. Che sia una mossa per far abbassare l’età dei vaccinati? No grazie! Nonostante le voci raccolte dai media la maggior parte dei pediatri e medici di base sono contrari al vaccino a bimbi e ragazzi. Ma questo soltanto noi e pochi altri ve lo possiamo democraticamente e liberamente raccontare.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/09/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vaccini a tempo di record

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato che intende presentare delle norme di tipo “tecnico-scientifico” per dare alle famiglie e alle istituzioni le istruzioni su come funzioneranno le novità, compreso il periodo transitorio. Il decreto legge approvato lo scorso 19 maggio in Consiglio dei Ministri reintroduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione ad asili nido e scuole materne, ovvero nella fascia d’età 0-6 anni. Ma l’obbligo riguarderà, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, fino cioè ai 16 anni dei ragazzi. In questo caso non si prevede il divieto di iscrizione a scuola, bensì sanzioni e provvedimenti per i genitori. A diventare obbligatorie, a partire dal prossimo settembre, sono 12 vaccinazioni: le 4 già obbligatorie (antidifterica, antitetanica, antipoliomielitica e antiepatite virale B) alle quali si aggiungono anti-pertosse, anti-meningococco B e C, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella e il vaccino contro l’Haemophilus influenzae.

Leggi tutto

Società

L’AIFA invita a segnalare le reazioni avverse da vaccino

L’Agenzia italiana del farmaco rinnova su Twitter un invito ai medici a segnalare un paziente che abbia abbia avuto una reazione avversa in seguito alla vaccinazione

Leggi tutto

Politica

Buoni e cattivi

Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché.

Leggi tutto

Società

Inghilterra - Ideologia trans nelle scuole, ignari i genitori

In Inghilterra l’ideologia transgender è già molto diffusa nelle istituzioni scolastiche e molti genitori stanno iniziando a lanciare l’allarme, denunciando le ingerenze di professori e presidi.

Leggi tutto

Storie

Scuola - Suicidi fra i giovani di Hong Kong

La pressione scolastica, e la crescente competitività anche fra i più giovani, è una delle cause scatenanti dei suicidi che si registrano fra i giovani di Hong Kong. Il dato emerge da un rapporto pubblicato dal Dipartimento della protezione sociale (Swd) del ministero cinese dell’Istruzione, secondo cui i suicidi sono stati la seconda causa di morte fra i minori (22,8%) nel periodo fra il 2016 e il 2018, oggetto dello studio. Wang Huan, dirigente del ministero dell’Istruzione, ritiene che la situazione è legata a un livello “eccessivo” di stress.

Leggi tutto

Storie

Intervista alla mia maestra

Intervista alla mastra Angelamaria Vaccaro che ha esercitato la sua professione per 40 anni alle scuole elementari

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano