Società

di Stefano Di Tomassi

OSTIA, FESTA DELLA VAGINA E CONCERTO DEL ‘BOSS’:  QUANDO GOVERNA LA POLITICA DEL RELATIVISMO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un silenzio assordante quello della politica lidense di fronte alla ‘festa della vagina felice’ e al concerto del nipote del ‘boss’ che cantava i modelli cari alle baby gang. Ostia, Roma non merita questo. Quello che imbarazza - oltre all’ attenzione pubblicitaria mediatica che se n’è fatta in tempi in cui la gente è alle prese con la crudezza di una società che chiude stazioni rincari delle tasse e chiusure attività – è l’impotenza di fronte alla ‘vagina’ e al ‘boss neomelodico’ di una classe politica locale che fino a ieri si ergeva a paladina dell’anti criminalità in un territorio commissariato per mafia da un lato, come baluardo delle donne e del loro alto valore in prospettiva sociale dall’altro.

E allora a mettersi dalla parte della gente, delle famiglie e dei giovanissimi è stata la chiesa, anzi ‘le’ chiese. Senza precedenti la reazione, a mezzo stampa, di ortodossi protestanti e cattolici cristiani, comunità di cui il territorio è - per grazia di Dio – cesellato.

Di “non rispetto, arroganza e ignoranza e proprio nei giorni del patrono di Ostia Sant’Agostino - dichiara Padre Gheorghe Militaru, pope della chiesa ortodossa ostiense e vicario generale per gli ortodossi rumeni in Italia,

“Sul nostro Territorio stiamo vivendo oggi una pericolosa crisi antropologica e un crollo della morale”, ci scrive Padre Agostino Ugbomah dalla chiesa madre del lido, la basilica cattedrale di Sant’Aurea.

Mettono in guardia i pastori evangelici di Acilia: “Plagiare la mente dei giovani è cosa facile, soprattutto se si vuole far passare il male per il bene e viceversa.

“Per noi credenti o in genere per i cittadini maturi, ci sono cose molto più interessanti e che possono dare soddisfazioni molto più intense e varie“, sostiene il Prof. Guido Antiochia della rete Pacis-associazione la ciurma

Insomma, ‘bordate’ dai Padri del lido e neanche un balbettio dai partiti e ci sono diverse donne candidate (!). Questo ‘nulla valoriale’, questa ipocrisia che non va aldilà delle parole e degli slogan (anti mafia, ruolo delle donne, omofobia, femminicidio etc…), si palesa quando ormai i partiti sono schiavi del relativismo comodo a far soldi e a scalare posizioni di potere. Perché avere una rotta, valori e programmi chiari, insomma scegliere con responsabilità non conviene ai mercanti di voti. Questo è l’impero dei massoni.

Un relativismo viscido e immorale di fronte al quale ogni espressione è lecita in nome di un concetto ‘anarcoide’ di libertà, dove solo si parla di diritti e mai di doveri; Di Matteo, Popolo della Famiglia insieme alla nuova democrazia cristiana, definiscono il caso Ostia una pericolosa ‘deriva ideologica’ sui cui vigileranno con attenzione, sperando in una reazione politica di chi fino ad ora, complice, ha taciuto.

“Il nostro candidato a sindaco di Roma, proprio una donna, Fabiola Cenciotti,” conclude Di Matteo, “vigilerà affinché manifestazioni come queste non ci continuino ad offendere”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/09/2021
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

Società

TRE CIFRE, TRE LETTERE, FORSE UNO SPIRAGLIO ?

C’è un sistema fatto di persone che hanno dimenticato la civiltà e il senso dell’umano, c’è un insieme di funzioni, di uffici, di scrivanie popolati dal genere umano che di umano pare avere ben poco in particolar modo se l’umano da “trattare” è l’infanzia, l’infanzia in senso lato.
Pensiamo a come ogni tassello sia al suo posto e a come il valore più importante quale il tempo venga dilatato e reso “biblico”… i giorni i mesi e gli anni si sommano ora dopo ora,  i figli sono strappati dilaniati psichiatrizzati psicologizzati nel tentativo di cancellare colei che ha donato loro la vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano