Società

di Stefano Di Tomassi

AD OSTIA I GIOVANI CHE ‘URLANO’ VANNO ASCOLTATI, COME DIO ASCOLTA IL GRIDO DEGLI UOMINI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una chiesa in uscita è anche quella che ascolta i giovani che ‘gridano’ e che si mette in comunicazione. A parlare è Generoso Simeone, marito, papà giovane, lavoratore, oltre che accolito e responsabile della commissione giovani della prefettura di Ostia, diocesi di Papa Francesco. “Una chiesa che va fuori dai vecchi limiti, perché Dio non ha limiti”. Generoso si sta prodigando per agevolare la rete tra oratori e scende tra le strade don don Giovanni Carpentieri e il diacono Mauro Colantuoni per parchetti e piazzette con ‘Ospedale da Campo per i Giovani’ a portare e mangiare un po’ di pizza con i ragazzi per strada e conoscerli. Ma va oltre.

“Noi vogliamo trovare una modalità di dialogo con questi ragazzi che scrivono e lasciano messaggi sui muri del nostro Territorio” – prosegue Generoso.

Il diacono, punto di riferimento dei ragazzi delle parrocchie di Ostia che è organizzata in commissione giovani, carità/volontariato e la neo commissione cultura, oltre al metodo, si riferisce in merito alle ultime scritte che compaiono specialmente di fronte alla chiesa di San NicolaVia Passeroni – oggi chiesa prefettura che precede le altre chiese di Ostia nella carità e nell’organizzazione.

Giovani degli schieramenti politici agli estremi che ‘urlano’ le loro questioni, ma che difficilmente trovano chi gli risponda, anzi che quasi sempre vengono stigmatizzati e a volte isolati ed emarginati. Le sigle che compaiono sono quelle del ‘blocco studentesco’ piuttosto che quelle della federazione giovani comunisti FGC.

Bisogna distinguere tra la loro lecita necessità di attirare l’attenzione facendogli capire che poi devono ascoltare una risposta per avviare una comunicazione. Il rischio, se questo non avviene, è che questi ragazzi possano essere usati da certi adulti come megafoni e casse di risonanza per le ideologie che vogliono massificare e fare consensi.

Il Signore allora ci manda a spezzare certe catene, a liberare. Essere sul Territorio ci porta alla prossimità e a incontrarci nel quotidiano. Se invece organizziamo nelle chiese convegni o corsi, movimenti o seminari, separati dal reale, selezionando il pubblico presente, escludendo nella partecipazione piuttosto che nell’informazione tanti e tanti che non hanno la fortuna di avere un contesto agevole intorno faremmo come quelli che invitati non entrarono, perché di guardia ai cancelli, e non fecero entrare alla mensa del Signore che chiama tutti.

Come non fa bene quell’educatore che separa i bambini nel gioco che naturalmente invece avvicina tutti, così non fa bene quel formatore che separa i giovani nel dialogo perché crea che differenze di ceto ‘artificialmente’ li dove nella naturalezza Dio getta le sue reti e costruisce i suoi ponti.

In fondo questi giovani che scrivono sui muri e attaccano i loro manifesti gridano la loro presenza; fa tenerezza che inizino a urlare di fronte alle chiese di Ostia. Non possiamo allora che concludere con il valore che Papa Francesco da al ‘grido’ degli uomini:

Il Signore è lì, presente, infatti, attende - per così dire - che siamo noi a coinvolgerlo, a invocarlo, a metterlo al centro di quello che viviamo. Il suo sonno provoca noi a svegliarci. Perché, per essere discepoli di Gesù, non basta credere che Dio c’è, che esiste, ma bisogna mettersi in gioco con Lui, bisogna anche alzare la voce con Lui, gridare a Lui; sentite questo: bisogna gridare a Lui. La preghiera, tante volte, è un grido: “Signore, salvami!”. (Angelus, 27 Marzo ’20)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/09/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano