Storie

di Roberto Signori

Il covid e le verità cinesi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’ennesima inquietante novità sul covid arrivano dalla Cina. “Alla fine del 2019” Zheng-Li Shi, “indiscussa leader mondiale degli esperimenti sui coronavirus dei pipistrelli” e a capo del Wuhan Institute of Virology, “individuò un dettaglio ben distinto nelle proteine di Sars-CoV2: fra la selva di aminoacidi si nascondeva un’arma letale” che “nessun altro coronavirus nella famiglia del Sars-CoV-2 possedeva in natura, mentre proprio i laboratori come il suo erano specializzati nell’inserimento artificiale, all’interno delle proteine dei virus, di quel potente meccanismo enzimatico per fini sperimentali”. Lo scrive il giornalista Paolo Barnard nel libro-inchiesta ‘L’origine del virus’ (editore Chiarelettere), scritto in collaborazione con gli scienziati Steven Quay (Usa, Stanford University e Harvard Massachusetts General Hospital) e Angus Dalgleish (Uk, St George’s University of London).

La ricercatrice cinese “fu la prima al mondo - ricorda Barnard - a puntare i moderni sistemi di mappatura genetica sul nuovo coronavirus che stava già mietendo vittime a un ritmo preoccupante a Wuhan, la sua città”, e “si rese conto che il Covid-19 non sarebbe stato affatto una malattia respiratoria di tipo Sars”, ma che “sarebbe stata quasi di certo pandemia, falcidia debordante di vite umane, e proprio a causa della presenza nel virus di quel meccanismo, capace di ammalare gli uomini come in pochi altri contagi della storia”.

Ma la scienziata tacque, osservano gli autori del libro. “A sua giustificazione - ricorda Barnard - c’è da precisare che da tempo l’intero Wuhan Institute of Virology lavorava sotto l’occhio vigile dell’Esercito popolare di liberazione del Partito comunista cinese. Inoltre, nel gennaio del 2020 la generale Chen Wei prese di fatto possesso dell’istituto per dirigere le operazioni anti Covid-19”. Insomma, “anche se ne avesse avuto tutte le intenzioni, la virologa non fu libera di parlare”.

“Zheng-Li Shi - si legge ancora - non poté dire una singola parola alle autorità sanitarie internazionali sulla presenza di quella terribile arma incastrata fra le proteine del Sars-CoV-2: non un allarme, un avviso, nulla, nonostante abbia avuto una clamorosa opportunità di farlo quando nel febbraio del 2020 pubblicò il genoma del nuovo coronavirus sulla rivista scientifica ‘Nature’. Questo stato di cose - denuncia Barnard - è forse senza precedenti nella scienza moderna e ha condannato a una morte prevenibile schiere di vittime del Covd-19, poiché una ‘diagnosi precoce’ dell’arma biologica insita nel nuovo coronavirus e comunicata dalla scienziata cinese agli organi sanitari sovranazionali ben prima del dilagare dei contagi nel resto del globo avrebbe permesso loro di comprendere subito le vere dimensioni del pericolo e di attivare misure di contenimento assai più drastiche e mirate”.

Ecco dunque l’ennesima conferma di quanto è stato fatto di sbagliato nella pandemia e nella creazione del virus. Ancora una volta emergono le negligenze, gli errori, le colpe del Partito Comunista Cinese ma la comunità internazionale, accantonato (momentaneamente) Donald Trump, non sembra essere interessata a mettere sul piatto gli errori perpetrati in Cina e chiedere il conto anzi,,,, si firmano contratti economici con il Paese asiatico….. ed intanto le vittime nel mondo crescono!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/09/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Vaccino Johnson & Johnson seconda dose in arrivo

“Il vaccino J&J è uno dei vaccini vettore adenovirale, come quello di Astrazeneca, monodose. È di queste ore la notizia che è in corso un processo di revisione da parte di Fda e successivamente ci sarà certamente anche di Ema, qualora arrivassero indicazioni, come è largamente possibile, di somministrare una seconda dose: un vaccino Rna messaggero avrebbe anche il vantaggio di generare una risposta immunologica anche migliore”.

Leggi tutto

Politica

Covid: Omicron è in Italia

Luciana Lamorgese intervistata su Radio 24. “Mai come ora dobbiamo essere collaborativi è il momento della responsabilità“, ha aggiunto. “Noi faremo tutti i controlli necessari. Domani avrò un incontro con i prefetti, il capo polizia e delle forze dell’ordine per predisporre i piani che prefetti attueranno sui territori”. “Se vogliamo vivere un periodo natalizio in serenità – continua -, dobbiamo fare la nostra parte”. Nel frattempo lo stesso ministro dell’Interno permette centinaia di sbarchi di migranti.

Leggi tutto

Politica

Il Senato ammette e documenta: i vaccini sono sieri sperimentali rischiosi

Dunque il governo con l’atto di sindacato ispettivo n 1-00388 della legislatura 18, afferma che i “vaccini Anticovid” che sono stati messi in commercio sono SPERIMENTALI, con dati molto limitati sulla sicurezza a breve termine o non disponibili.

Leggi tutto

Storie

Hong Kong: cattolici e protestanti chiedono l’amnistia per i detenuti

La speranza è anche che papa Francesco sottoscriva la petizione presentata alle autorità della città.

Leggi tutto

Società

Amnesty: più conflitti e meno diritti nel mondo

Il Rapporto 2021-2022 di Amnesty International, pubblicato in Italia da Infinito Edizioni, contiene un’introduzione della segretaria generale Agnès Callamard, cinque panoramiche regionali e schede su 154 Stati e territori. Tra i temi principali la pandemia di Covid-19, il razzismo, la lotta alle disuguaglianze e la cura del Creato.

Leggi tutto

Media

BBC chiede venia per aver intervistato il trans che “amava” picchiare le donne

L’emittente statale britannica BBC si è scusata per aver intervistato un combattente di MMA trans, che in precedenza aveva scritto online che “amava” picchiare le donne critiche nei confronti del transgenderismo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano