Storie

di Giuseppe Udinov

Jessica Rabbit troppo sexy per la Disney

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Jessica Rabbit cambia veste. La donna sexy e fatale raffigurata con i lineamenti e le curve di Rita Hayworth e con la voce roca e sensuale di Kathleen Turner, non sarà più una donna dalla sessualità esplicita e prorompente, e soprattutto non sarà più dipinta come una vittima. Da oggi, nel grande parco giochi di Anaheim (California), dove una delle attrazioni era un tour lungo il quale i visitatori potevano seguire ogni tappa del famoso film di Robert Zemeckis “Chi ha incastrato Roger Rabbit” (1988), sino a trovare Jessica imprigionata nel bagagliaio di una macchina, ci sarà un cambiamento: al posto di Jessica Rabbit ci saranno i barili di acido con cui il perfido giudice Morton scioglieva i personaggi animati,

Diventerà lei stessa un’investigatrice privata, titolare della sua agenzia, impegnata nella lotta contro il crimine che colpisce la Los Angeles del 1947. Cambierà anche vestiti: indosserà un impermeabile, tipico indumento degli investigatori privati, che la renderà anche in questo allo stesso livello di Eddie Valiant. L’obiettivo? Allontanare il più possibile le ennesime accuse di sessismo, maschilismo e non solo.

Questa, infatti, è solo l’ultima di una lunga serie di accuse rivolte alla casa di Topolino che, con 26 premi Oscar su 59 candidature, non è solo la personalità più premiata della storia del cinema, ma anche forse la più discussa. Non dimentichiamo quando è stata accusata di promuovere un bacio non consensuale nella favola di Biancaneve, oppure quando montò la polemica perché il lupo de I tre porcellini, nella scena in cui si traveste da venditore di spazzole, indossava una maschera da mercante ebreo. Dopo l’uscita la scena fu modificata, ma le accuse di antisemitismo verso Disney erano già partite.

Si è parlato di razzismo disneyano anche quando si è pensato a una delle immagini dei corvi neri di Dumbo che sono stati identificati come caricature dei lavoratori delle piantagioni. Essi cantano, fra l’altro, “lavoriamo come schiavi” e il loro capofila è chiamato Jim Crow, come le omonime leggi che crearono e mantennero la segregazione razziale negli Usa fino al 1964.

Sempre per quanto riguarda Biancaneve, la scena in cui i nani si mettono uno sopra l’altro fu bollata da Disney durante una riunione privata con l’espressione “una pila di ne**i”. Per non parlare de I racconti dello zio Tom (Song of the South, 1946): il film è stato definito da Bob Iger, attuale presidente esecutivo della Walt Disney Company, un esempio di “razzismo imbarazzante”. Lo stesso Walt Disney, all’uscita del film, si trovò a rispondere alle accuse di revisionismo mosse dai comitati civili antisegregazionisti.

Ma non finisce qui. In epoca recentissima la piattaforma di streaming Disney+ ha deciso di bloccare la visione di alcuni classici, come Peter Pan, Dumbo e gli Aristogatti, nella sezione dedicata ai bambini. L’accusa? Diffondono stereotipi dannosi. Peter Pan ha definito i membri della tribù indiana di Giglio Tigrato “pellirosse”, gli Aristogatti hanno raffigurato il gatto siamese Shun Gon, uno della cricca di Romeo, con tratti caricaturalmente orientali: occhi a mandorla, denti all’infuori e bacchette usate addirittura per suonare. Per non parlare della strofa di una canzone di Dumbo: “E quando poi veniamo pagati buttiamo via tutti i nostri soldi” - giudicata da molti una grave mancanza di rispetto alla memoria degli schiavi afroamericani al lavoro nelle piantagioni del Sud degli Stati Uniti. E non sembra che la “rivoluzione” pro politicamente corretto finisca qui…..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/09/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Florida e Disney ai ferri corti

È guerra aperta tra Ron DeSantis e Disney dopo che il governatore della Florida ha firmato la legge che proibisce di tenere lezioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere alle scuole elementari.

Leggi tutto

Storie

Indonesia - No a studente non musulmano nel Consiglio scolastico

Teatro della vicenda la scuola statale superiore “SMAN 52” a North Jakarta. Il giovane, PI, era in lizza per il ruolo di capo del Consiglio studentesco. L’intervento del professore Sarwono ne ha determinato l’esclusione

Leggi tutto

Politica

Lo stato della Florida contro la Disney

Il governatore repubblicano della Florida, Ron DeSantis, è tornato ad attaccare il colosso dell’intrattenimento Walt Disney, che aveva preso pubblicamente posizione contro la nuova legge statale “Parental Rights in Educational Law”, ribattezzata dai suoi oppositori “Don’t Say GAY” (“Non dire GAY”).

Leggi tutto

Storie

L’aborto è razzista

La coalizione Georgians Ending Abortion cerca di promuovere il riconoscimento legale della personalità di ogni essere umano, che proteggerebbe ogni bambino dalla morte per aborto volontario. Questo andrebbe a tutela principalmente della comunità afroamericana.

Leggi tutto

Società

India - La Corte Suprema indiana ha sospeso il reato di sedizione

India - Con un’importante sentenza i giudici di New Delhi hanno messo sotto i riflettori una sezione del codice penale.

Leggi tutto

Storie

Associazione medica trans e contenuti sadici e pedopornografici

Il documento afferma: “Le persone che s’identificano come eunuche possono condividere con altre persone di genere diverso il desiderio di riduzione o eliminazione delle caratteristiche fisiche maschili, dei genitali maschili o del funzionamento genitale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano