Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Il Vangelo della Liturgia odierna ci racconta un breve dialogo tra Gesù e l’Apostolo Giovanni, che parla a nome di tutto il gruppo dei discepoli. Essi hanno visto un uomo che scacciava i demoni nel nome del Signore, ma glielo hanno impedito perché non faceva parte del loro gruppo. Gesù, a questo punto, li invita a non ostacolare chi si adopera nel bene, perché concorre a realizzare il progetto di Dio (cfr Mc 9,38-41). Poi ammonisce: invece di dividere le persone in buone e cattive, tutti siamo chiamati a vigilare sul nostro cuore, perché non ci succeda di soccombere al male e di dare scandalo agli altri (cfr vv. 42-45.47-48).

Le parole di Gesù svelano insomma una tentazione e offrono un’esortazione. La tentazione è quella della chiusura. I discepoli vorrebbero impedire un’opera di bene solo perché chi l’ha compiuta non apparteneva al loro gruppo. Pensano di avere “l’esclusiva su Gesù” e di essere gli unici autorizzati a lavorare per il Regno di Dio. Ma così finiscono per sentirsi prediletti e considerano gli altri come estranei, fino a diventare ostili nei loro confronti. Fratelli e sorelle, ogni chiusura, infatti, fa tenere a distanza chi non la pensa come noi e questo – lo sappiamo – è la radice di tanti mali della storia: dell’assolutismo che spesso ha generato dittature e di tante violenze nei confronti di chi è diverso.

Ma occorre anche vigilare sulla chiusura nella Chiesa. Perché il diavolo, che è il divisore – questo significa la parola “diavolo”, che fa la divisione – insinua sempre sospetti per dividere ed escludere la gente. Tenta con furbizia, e può succedere come a quei discepoli, che arrivano a escludere persino chi aveva cacciato il diavolo stesso! A volte anche noi, invece di essere comunità umili e aperte, possiamo dare l’impressione di fare “i primi della classe” e tenere gli altri a distanza; invece che cercare di camminare con tutti, possiamo esibire la nostra “patente di credenti”: “io sono credente”, “io sono cattolico”, “io sono cattolica”, “io appartengo a questa associazione, all’altra…”; e gli altri poveretti no. Questo è un peccato. Esibire la “patente di credenti” per giudicare ed escludere. Chiediamo la grazia di superare la tentazione di giudicare e di catalogare, e che Dio ci preservi dalla mentalità del “nido”, quella di custodirci gelosamente nel piccolo gruppo di chi si ritiene buono: il prete con i suoi fedelissimi, gli operatori pastorali chiusi tra di loro perché nessuno si infiltri, i movimenti e le associazioni nel proprio carisma particolare, e così via. Chiusi. Tutto ciò rischia di fare delle comunità cristiane dei luoghi di separazione e non di comunione. Lo Spirito Santo non vuole chiusure; vuole apertura, comunità accoglienti dove ci sia posto per tutti.

E poi nel Vangelo c’è l’esortazione di Gesù: invece di giudicare tutto e tutti, stiamo attenti a noi stessi! Infatti, il rischio è quello di essere inflessibili verso gli altri e indulgenti verso di noi. E Gesù ci esorta a non scendere a patti col male, con immagini che colpiscono: “Se qualcosa in te è motivo di scandalo, taglialo!” (cfr vv. 43-48). Se qualcosa ti fa male, taglialo! Non dice: “Se qualcosa è motivo di scandalo, fermati, pensaci su, migliora un po’…”. No: “Taglialo! Subito!”. Gesù è radicale in questo, esigente, ma per il nostro bene, come un bravo medico. Ogni taglio, ogni potatura, è per crescere meglio e portare frutto nell’amore. Chiediamoci allora: cosa c’è in me che contrasta col Vangelo? Che cosa, concretamente, Gesù vuole che io tagli nella mia vita?

Preghiamo la Vergine Immacolata, perché ci aiuti a essere accoglienti verso gli altri e vigilanti su noi stessi ha concluso il Pontefice.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/09/2021
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Silvio Berlusconi, le parole di Papa Francesco alla sua scomparsa

Silvio Berlusconi, le parole di Papa Francesco alla sua scomparsa: “Ha ricoperto pubbliche responsabilità con tempra energica”

Leggi tutto

Storie

Morto padre Charbonnier, testimone della rinascita della Chiesa in Cina

Sacerdote delle Missions Etrangères de Paris scomparso in Francia a 91 anni. Pioniere nel riallacciare i contatti con le comunità sopravvissute alla Rivoluzione culturale, nel 1986 aveva pubblicato una “Guida alla Chiesa cattolica in Cina” che è stato un punto di riferimento fondamentale

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa riconosce il vescovo di Shanghai

Papa Francesco ha deciso di sanare “per il bene della diocesi” l’irregolarità creata con il trasferimento di mons. Shen Bin.

Leggi tutto

Chiesa

PAPA - UDIENZA GENERALE - VIAGGIO IN MONGOLIA

PAPA - Nella catechesi all’udienza generale del mercoledì successivo al rientro da un viaggio apostolico, il Papa ripercorre le tappe più significative del Paese visitato: in Mongolia ho incontrato una Chiesa umile e lieta, è un popolo “che sente il respiro del Creato”.

Leggi tutto

Storie

Il cammino sinodale nelle Filippine valorizza le Comunità ecclesiali di base

Nella vita della Chiesa filippina la partecipazione al processo sinodale - in vista della Assemblea del Sinodo che sta per cominciare in Vaticano - è stata ampia, con una consultazione di base in tutte le diocesi e una feconda riflessione. Una determinazione di fondo, tra quelle emerse, è continuare e rafforzare l’esperienza delle Comunità ecclesiali di base (Basic Ecclesial Communities, BEC)”, rileva Antonio Ledesma, SJ, arcivescovo emerito dell’Arcidiocesi metropolitana di Cagayan de Oro, che ha guidato dal 2006 al 2020.

Leggi tutto

Chiesa

Il 9 dicembre, inaugurazione del presepe e dell’albero di Natale

Consueto appuntamento con l’evento che ogni anno costituisce un momento di gioia per i fedeli tutti: l’accensione dell’abete e lo svelamento del presepe. Per l’occasione saranno presenti le delegazioni provenienti dalle diocesi di Rieti e di Saluzzo, luoghi di origine dei doni, che nella mattina dello stesso giorno saranno ricevute da Francesco

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano