Politica

di Mirko De Carli

Senza fallimento non si può vincere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono ore di forte sconforto per quanto accaduto con il referendum sull’aborto tenutosi nel weekend a San Marino: il 77% dei cittadini ha votato per la legalizzazione della pratica abortiva. Ci si poteva aspettare un esito diverso? Credo proprio di no. Possiamo pensare di costruire una cultura della vita alternativa alla dilagante “non cultura” della morte partendo da quel 23% che ha votato contro? Difficile, perché in politica le regole della matematica non valgono. Serve un serio e profondo esame di coscienza. In questa analisi mi vengono in soccorso le lunghe conversazioni, anche pubbliche, con un amico come Gabriele Mangiarotti: più volte abbiamo gridato l’urgenza di una presenza capace di testimoniare e non solo spiegare perché la vita merita una tutela legale sempre e comunque e che accettare l’aborto significa promuovere un vero e proprio omicidio di Stato. Questo lavoro meticoloso quasi certamente non avrebbe costituito le condizioni per una vittoria (difficile davanti alla campagna massiva e ben finanziata pro aborto) ma avrebbe irrobustito la consapevolezza di molti nel non arrendersi al pensiero unico, anche dopo l’esito referendario nefasto, e promuovere (dentro e fuori le istituzioni) una cultura di vita animata dal principio inossidabile dell’obiezione di coscienza. Abbiamo invece dovuto constatare che le contro campagne mediatiche con messaggi e immagini forti hanno allontanato buona parte di quella maggioranza silenziosa che ancora vive la quotidianità della comunità ecclesiastica e che non ha sentito sue (purtroppo) le regioni profonde per dire no a una deriva pericolosa che parte dall’aborto, passa dall’utero in affitto e arriva all’eutanasia. Per questo è necessario essere presenti con la propria testimonianza ogni giorno: in ospedale, nelle istituzioni e nella comunità. Spiegando una cosa molto semplice: una società che non fa figli e che li uccide prima che nascano non ha futuro. Non si tratta di un dogma di fede, si tratta di una regola aurea della sociologia contemporanea. Il Popolo della Famiglia è in campo dal 2016 per queste ragioni, per porre all’attenzione dei più queste evidenze “autoevidenti”, e per questo il prossimo 3/4 ottobre chiede il vostro voto per far sentire più forte la voce della vita nelle istituzioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

Società

Il Consiglio di Stato francese e la vita di Vincent Lambert

L’udienza si è svolta venerdì 29 marzo 2019 e i giudici amministrativi supremi si sono concessi tre settimane per esprimere il loro giudizio. Giudizio che può spaziare dall’accettazione della cessazione delle cure (e quindi condannare a morte di Vincent Lambert) alla raccomandazione di trasferire Vincent Lambert in un istituto specializzato che abbia l’esperienza e la competenza per prendersi cura del suo stato semi-relazionale (coscienza minima), stato nel quale vivono circa 1.700 persone in Francia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano