Politica

di Marko Rus

Marko Rus e la ricetta del Popolo della Famiglia: “Più figli, meno tasse”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si avvicina l’appuntamento elettorale del 3 e 4 ottobre, con Marko Rus il Popolo della Famiglia di Torino propone alcune riflessioni sull’attualità, partendo dai punti centri del programma.

Il Popolo della Famiglia, la famiglia e la preparazione alla vita matrimoniale Il partito che nasce nel 2016 come frutto del Family Day di Roma, è un partito aconfessionale che si ispira alla dottrina sociale della Chiesa, e si rivolge a tutte le persone di buona volontà che hanno a cuore la vita, la famiglia, la natalità, la giustizia sociale, e la cura e la protezione dei più deboli. La famiglia è la cellula fondante della società, quella che con amore crea le nuove vite, trasmette i valori etici e spirituali e contribuisce alla crescita della nazione e del bene comune, cioè di tutti, spirituale e etico, intellettuale e materiale. Il matrimonio è l’unione affettiva, fisica, morale e legale dell’uomo (marito) e della donna (moglie) in completa comunità di vita, al fine di fondare la famiglia e perpetuare la specie. Visto l’impegno a vita che normalmente fa parte delle promesse che si scambiano gli sposi il giorno delle nozze, dopo convivenze di alcuni anni, si lasciano bruscamente due o tre anni dopo le nozze. I corsi di preparazione dovrebbero trattare tutti gli aspetti della vita di coppia, quelli sentimentali ed affettivi, l’importanza dell’amplesso sponsale nella sua complessità affettiva e psico-fisica, la procreazione e la limitazione delle nascite con metodi naturali, la volontà della coppia di voler migliorare i rapporti con il voler bene dell’altro, la risoluzione delle differenze di opinione e delle crisi di coppia, ecc. Sono argomenti complessi e necessari alla futura vita di famiglia.

La denatalità in Europa, in Italia e a Torino è un fenomeno conosciuto a tutti i cittadini di Torino: ogni anno il numero dei morti supera di parecchio quello delle nascite. I motivi che vengono adotti per la bassa natalità sono tanti: redditi delle famiglie insufficienti per mantenere i nuovi nati, il rischio che la donna incinta perda il posto di lavoro, la volontà della donna professionista o dirigente di voler avanzare nella sua carriera senza interruzione per gravidanza e parto, la volontà della coppia di non avere figli per concentrarsi solo sulla coppia, i suoi interessi e amici, l’atteggiamento negativo della società nei confronti della natalità, specialmente quella delle famiglie numerose, paura delle possibili difficoltà e dolori nella gestazione e nel parto, ecc. Donne sole e le ragazze madri interrompono le gravidanze per paura delle reazioni negative delle famiglie e della società. Il nostro messaggio è netto: vogliamo famiglie nel matrimonio, le vogliamo numerose, con figli, serene e felici.

Vogliamo che Torino accolga con gioia le nuove famiglie e i nuovi nati. Questo è un problema dei valori che nell’arco di 50 anni sono stati modificati a detrimento della famiglia e delle nascite. Perché nelle visite pro-aborto raramente viene affrontato il bene della vita del concepito, non viene spiegato che secondo la legge una donna al momento della sua nascita può lasciare il figlio in adozione allo stato, in maniera anonima? Perché non viene menzionato nei media che donne che hanno abortito hanno poi sofferto per anni per la loro decisione?

I cinque punti prioritari del nostro programma per Torino

-Più figli, meno tasse

-Più lavoro per tutti

-Liberi di educare

-Solidarietà per tutti

-Città attraente e sicura anche perché nella loro definizione analitica in tanti aspetti sono interdipendenti e sono inerenti anche al tema di oggi.

Alcune iniziative del comune per promuovere la famiglia e far crescere la natalità

-La prima è senza alcun dubbio una questione di promozione dei centenari valori, senza dire che sono cristiani, che sono alla base della vita di Torino: la famiglia, l’educazione e istruzione, la cultura, la solidarietà, la giustizia sociale, la socialità.

-La propaganda del ‘gender’ deve essere eliminata da ogni scuola sul territorio del comune, perché è un’ideologia falsa, riconosciuta come tale dal suo autore, che mira a introdurre il sesso fluido nella società e a distruggere la famiglia di madre, padre e figli.

-Le coppie che pensano al matrimonio, ad avere figli, dovrebbero poter avere accesso ad alloggi ad affitti bassi, oppure ad acquisti con mutui a tassi bassi e con durate lunghe. Lo stesso per le necessarie spese di ristrutturazione, manutenzione straordinaria o di ampliamento.

-Le madri dovrebbero avere accesso al reddito di maternità per ogni futuro figlio, 1000 euro al mese per otto anni se lasciano il posto di lavoro; per ogni figlio disabile a vita.

-Devono essere potenziati gli asili nido, i parchi gioco, i campi sportivi e le aree verdi, specialmente nei quartieri periferici.

-Il comune dovrebbe integrare l’assegno unico dello stato, che è decisamente troppo basso, con misure adeguate di assegni famigliari supplettivi. Anche ridurre in misura progressivamente più alta in base al numero dei figli, le tasse, i contributi, le tariffe ed altri addebiti per servizi del comune, dei suoi enti e delle sue partecipate (TARI, GTT ecc.): asili nido, trasporti pubblici, raccolta rifiuti, piscine e impianti sportivi ecc.

-Ci sono altri quattro importanti temi sociali per i quali le famiglie aspirano a servizi comunali e a contributi e sussidi finanziari: anziani, malati e disabili assistiti dalle famiglie; sussidi per minori che servizi sociali vorrebbero affidare e case famiglia per motivi economici; la cura delle dipendenze da alcol, droghe, pornografa e gioco d’azzardo; protezione e assistenza a ragazze e donne che vogliono uscire dalla prostituzione.

-Possibili riduzioni di costi, anche per diminuire le tasse alle famiglie ed aumentare gli investimenti a loro favore Ci sono anche tre temi che se affrontati con determinazione e impegno prolungato nel tempo porterebbero a benefici elevati alle finanze dei comuni: la lotta all’evasione fiscale, la riduzione dei costi dovuti alla corruzione; aumenti dell’efficacia, dell’efficienza e dell’economicità dei comuni, loro enti, controllate e partecipate.

Il Popolo della Famiglia confida che Paolo Damilano, una volta eletto sindaco di Torino attraverso suoi consiglieri comunali anche del Popolo della Famiglia e suoi dirigenti affronti anche questi problemi, che sono di vitale importanza per il futuro della città e invitiamo i lettori a farci avere vostri suggerimenti, commenti e osservazioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/09/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

Politica

Sconfessate le famiglie arcobaleno

Per la Costituzione del 1948 articolo 29, per l’articolo 5 comma 1 legge 40 del 2004, per la sentenza della Corte Costituzionale 162 del 2014, persino per la legge Cirinnà del 2016, infine per la sentenza della Corte Costituzionale 221 del 2019, è famiglia solo la società naturale basata su una coppia di persone di sesso diverso unite in matrimonio o almeno stabilmente conviventi. È illegale in Italia per le coppie lesbiche utilizzare la fecondazione eterologa, è illegale per le coppie gay la pratica dell’utero in affitto, le “famiglie arcobaleno” sono dunque sconfessate e l’omogenitorialità nell’ordinamento giuridico italiano non esiste.

Leggi tutto

Politica

Il muso unto

Le piccole storie ignobili della politica italiana continuano. Quelli di “onestà, onestà” si avviano alla fine della legislatura in cui dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno con il muso unto di chi si è accorto quanto buono è il tonno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano