Politica

di Laura Terrana

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi viene chiesto spesso: “perché ti candidi?”, “ma sei sicura?”. Io rispondo semplicemente dicendo che è una mia responsabilità. Essere responsabili significa essere dalla parte dei cittadini, dei più deboli, di chi non ha voce. Ci stiamo allontanando dal “fare politica” perché viene vista in negativo, come qualcosa di estraneo a noi e alle nostre vite. Se vogliamo esserci, se vogliamo essere responsabili, se vogliamo essere cambiamento dobbiamo “fare politica” in modo da sentirci parte integrante dello Stato.

Perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Ho deciso di mettermi in gioco per dare voce a chi non ne ha e questo perché le donne in politica hanno un cuore di mamma. Noi donne, noi mamme abbiamo un cuore generoso pronto al fare.

Essere madri significa essere esempio di impegno sociale e civile. Il 3 e il 4 Ottobre vota il Popolo della Famiglia, esprimi la tua preferenza, per continuare a dare una lettura politica e culturale all’altezza del tempo che stiamo vivendo perché per cambiare questo paese, bisogna tornare a sognare, bisogna tornare ad essere politici, tutti. Tutti possono fare i politici, tutti possiamo fare la vera differenza. Esserci, candidarsi, significa testimoniare che la politica è un bene, operando con realismo e prudenza, senza fare promesse che non si possono mantenere.

Occorre un cambio di passo molto più radicale rimettendo a tema il significato dell’azione pubblica e il 3 e il 4 Ottobre puoi scegliere. Si puoi scegliere il Popolo della Famiglia senza se e senza ma.

Siamo fatti per essere il vero cambiamento. Siamo fatti per esserci. Siamo fatti per portare avanti i nostri ideali. I nostri valori. Siamo fatti per essere REALTA’.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: attenti alle passioni

Nell’omelia mattutina di Santa Marta il Santo Padre ha preso le mosse dalla lettura evangelica del giorno liturgico, e quindi Francesco si è soffermato a discutere sui “consigli di Gesù”: «Abbiate sale in voi stessi, siate in pace gli uni con gli altri» ha attratto particolarmente la riflessione del Pontefice, che ha concluso invitando tutti alla pratica dell’esame di coscienza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano