Politica

di Mario Adinolfi

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Guardate, la scelta è facile: da una parte ci sono quelli che hanno sostenuto la raccolta di firme per robe strampalate che chiamano “nuovi diritti civili” (all’omicidio di consenziente, alla coltivazione privata di piante contenenti sostanze psicotrope, a devastare l’istituto matrimoniale nella sua natura, per quel che è stato per millenni) e quelli che proclamano di credere in valori che in realtà declamano solamente, non credono in niente se non nella propria scalata al potere.

Dall’altra c’è il Popolo della Famiglia con il suo pacchetto di proposte per vedere le città ripopolarsi di bimbi, investire non sui falsi “nuovi diritti civili” all’aborto, all’eutanasia, alla droga libera, al “matrimonio” gay e al conseguente orrore dell’utero in affitto, ma sui veri diritti sociali alla casa per le giovani coppie, al lavoro e al salario dignitoso anche per la donna madre, ad un fisco giusto basato su quante bocche sono sfamate da un determinato reddito, all’assistenza piena se si è disabili, anziani, non autosufficienti.

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

In questa campagna elettorale la disapplicazione vergognosa della legge sulla par condicio e del regolamento dell’Agcom del 6 agosto 2021 vi ha consegnato mediaticamente l’idea che la contesa politica sia solo tra i soliti noti. Non è così: in tutte le principali città e anche alle regionali calabresi trovate il simbolo, le liste, i candidati del Popolo della Famiglia. Premiateli con il vostro voto, libero e utile. Date peso all’unica opzione valoriale cristianamente ispirata rimasta sulla scheda elettorale dopo un trentennio in cui l’obiettivo dei rivali è stato far sparire qualsiasi forma di soggetto politico autonomo organizzato dai credenti, affinché lo spazio della politica sia presidiato solo dai cinici senza valori, che al limite l’appartenenza valoriale la declamano senza crederci e senza minimamente viverla.

Il 3 ottobre è domenica, chi nel fine settimana santificherà la festa partecipando a una celebrazione religiosa, in coscienza e in coerenza ha un solo possibile voto: quello al Popolo della Famiglia. Tutte le altre opzioni si scelgono a naso turato. Conviene regalarsi una libertà e votare, come sempre capita a chi vota PdF, uscendo dal seggio col sorriso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

Società

I brigatisti di via Fani, 40 anni dopo

Barbara Balzerani scrive garrula sui social: “Chi mi ospita oltreconfine per i fasti del quarantennale?”. Scrive proprio così, testuale. Ha 69 anni, non si è mai pentita né dissociata ed è libera da dodici anni. Era la compagna del capo delle Brigate Rosse, Mario Moretti, colui che prendeva ordini dai servizi segreti di mezzo mondo presso la finta scuola di lingue Hyperion di Parigi: Moretti è l’ideatore della strage e il principale responsabile dell’uccisione di Moro. Arrestato nel 1981, è in semilibertà dal 1997, ha avuto una figlia.

Leggi tutto

Politica

Nessuno dividerà il Popolo della Famiglia

Continuare a vivere nell’ossessione del Pdf (e della mia persona) si configura ormai come problema psichiatrico. Il terremoto ce l’avete nella vostra testa perché sapete di aver spacciato come problema politico quello che era solo un problema personale, cioè una idiosincrasia nei miei confronti. Vi informo: rassegnatevi perché non mollo il colpo. Resto convinto che il Pdf sia lo strumento fondamentale per raggruppare i dispersi che ora non contano nulla e si ritrovano ad aver consegnato dieci ministeri fondamentali e la presidenza del Consiglio a quelli che registrano nei comuni i figli di due mamme, a quelli che vogliono l’utero in affitto, a quelli che smantellano i manifesti dei prolife.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano