Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco ai giudici argentini: non c’è democrazia con la fame

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Non perdete mai di vista che non c’è democrazia con la fame, non c’è sviluppo con la povertà, e ancor meno giustizia nella disuguaglianza”. È quanto sottolinea il Papa rivolgendosi, con un videomessaggio, al Capitolo argentino del Comitato panamericano di giudici per i Diritti Sociali e la Dottrina Francescana. Costituitosi in Vaticano nel 2019, traendo ispirazione dal magistero di Papa Francesco, questo organismo opera in stretta relazione con la Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. Durante l’incontro virtuale, tenutosi il trenta settembre e il primo ottobre e promosso dal Comitato, sono stati presi in esame in particolare i diritti sociali in Argentina. Il Papa esorta i giudici a cercare sempre “il bene del Paese”, sottolineando che elevati livelli di povertà sono l’indicatore più chiaro “dell’ingiustizia distributiva che prevale nel mondo”. Sono anche il segno dei fallimenti riscontrati “nell’attuazione dei diritti più elementari”. La pandemia, ricorda il Pontefice, ha reso “terribili scenari sociali ancora più acuti”. Per questo sono necessarie e urgenti “risposte creative ed efficaci” per milioni di persone.

Nel videomessaggio, il Papa si sofferma poi sulle crescenti disuguaglianze che alimentano povertà e ingiustizia. “La periferia cresce e il centro del potere, della ricchezza, si restringe sempre di più”. “In altre parole - aggiunge il pontefice - la maggior parte del denaro e delle opportunità sono a vantaggio di pochi e la maggioranza soffre la povertà”. “Ricordate - afferma poi il Pontefice - che il primo impegno per lo Stato è la felicità delle persone”. Il Papa sottolinea che è primario porre “attenzione ai bisogni essenziali della gente”, a quelle che chiama le “tre T: techo, tierra y trabajo (casa, terra, lavoro)”. Il Santo Padre esorta i magistrati del Comitato panamericano a cercare il bene dei popoli dei loro Paesi. Riferendosi in particolare alla situazione in Argentina, Francesco rivolge infine ai giudici argentini una speciale esortazione: “Cercate il bene della nostra patria e soprattutto il bene del popolo. Che Dio vi benedica e che la Vergine Maria vegli su di voi”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/10/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: attenti alle passioni

Nell’omelia mattutina di Santa Marta il Santo Padre ha preso le mosse dalla lettura evangelica del giorno liturgico, e quindi Francesco si è soffermato a discutere sui “consigli di Gesù”: «Abbiate sale in voi stessi, siate in pace gli uni con gli altri» ha attratto particolarmente la riflessione del Pontefice, che ha concluso invitando tutti alla pratica dell’esame di coscienza.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Dio abita i nostri deserti esistenziali”

Dopo la visita ai rifugiati sull’isola di Lesbo, il secondo giorno di Francesco in Grecia prosegue ad Atene. Nella Santa Messa nella “Megaron Concert Hall,

Leggi tutto

Politica

Monsignor Rolandas Makrickas commissario straordinario per S. M. Maggiore

Papa Francesco ha nominato oggi per la Basilica di Santa Maria Maggiore un Commissario Straordinario. Si tratta di monsignor Rolandas Makrickas, lituano, 49 anni, finora in servizio presso la Prima Sezione–Affari Generali della Segreteria di Stato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano