Società

di Paolo Nardon

Lo scorrere della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il passato, il futuro… la luce, l’oscurità… le speranze, le delusioni si mischiano, e si mescolano, come una goccia di nero fa in un secchio di vernice bianca; da quella inestricabile fusione nasce il nostro presente, nasce la nostra vita. Seppur quasi invisibile il tono cambia e non è più quello di prima. Ad una prima, superficiale, occhiata può sembrare tutto uguale a prima, ma così non è. Le sfumature della nostra opera cambiano, mutano e diventano più nette e profonde. Ogni incontro/scontro lascia dei segni; i graffi a volte spariscono immediatamente altre ti accompagnano per sempre. Diventano il codice con cui interpretare il tuo presente. Quando li guardi e li sfiori rivivi in pieno i momenti che ti sei lasciato alle spalle. Non li puoi mai cancellare totalmente, ritornano in superfici e riaffiorano, in controluce li puoi vedere chiaramente. Sono lì perché, inconsciamente, non li vuoi, o puoi, lasciare andare. Sono quei segni che ti hanno costruito ed in certi momenti demolito. Ti hanno fatto diventare quello che sei oggi… un po’ figlio di puttana, un po’ la persona a cui ci si rivolge quando si è incasinati. Le cadute ti hanno fatto sbattere la faccia per terra, hai quasi perso conoscenza; il sapore metallico del sangue in bocca ti ha confermato che non sei morto… almeno non ancora. Ogni muscolo sembrava strappato, ogni osso incrinato, però, ora, sei ancora in pista; stremato, piegato e dolente ma non sconfitto… quello no. Hai riaperto gli occhi, il buio era accecante quasi in maniera insopportabile. Pensavi che non ce l’avresti fatta a rialzarti, non ne avevi le forze e probabilmente neanche la voglia; il margine di manovra era, ormai, veramente poco. Nel profondo sapevi, però, che l’ora più buia della notte è quella che precede l’alba, quella certezza ti ha dato l’energia per non mollare la presa e farti andare alla deriva in balia delle correnti. Hai chiesto, e ricevuto, l’Aiuto proprio nell’attimo in cui stavi per scivolare via, non un attimo prima… non un attimo dopo… nel momento più duro, ma anche quello più propizio. Hai sperimentato, concretamente, che solo non avevi vie d’uscita da quel labirinto infinito in cui ti trovavi. Dovunque ti girassi trovavi muri invalicabili, avevi perso completamente l’orientamento e non capivi nulla di quello che ti circondava.

Improvvisamente, però, tutto è cambiato, tutto si è ribaltato; come in uno spericolato giro della morte; ti sembrava di essere nell’abitacolo di un aereo della Pattuglia Acrobatica Militare (Frecce Tricolori); il cielo è diventato terra e la terra è diventata cielo. Sei entrato in una centrifuga impazzita, il cuore ha cominciato a pompare come mai prima, eri certo che ti avrebbe sfondato il torace. Fortunatamente, però, tutti gli organi sono rimasti dove devono stare e tu hai ricominciato a respirare normalmente; l’adrenalina piano piano è diminuita e hai potuto riprendere a pensare. Improvvisamente il passato in cui eri rinchiuso è lontano anni luce; quasi non te lo ricordi più. Si è sciolto come la nebbia si scioglie al primo caldo del sole del mattino. Un Medico ha suturato le tue ferite senza recapitarti il conto; la tempesta che hai attraversato ha squassato la nave su cui viaggiavi, ma non ha avuto la forza di farla affondare. È stato duro, è stato difficile ma non è stato inutile. Hai fatto esperienza che non basti a te stesso. Hai potuto provare un dolore più potente di quello della carne, il dolore dell’Anima; profondo, lancinante ed infinito. La risalita dal buio è stata una supernova di Luce; la Gioia che hai provato non era descrivibile, è stato come rinascere. I polmoni erano in fiamme e gli occhi bruciavano. Come un elastico tirato in basso fino a quasi spezzarsi per poi essere lasciato, sei stato sparato lontano dalle paure che ti hanno incarcerato per un tempo. Guardi sotto di te e ora vedi un panorama meraviglioso fatto di montagne lussureggianti e sorgenti impetuose.

Lo scorrere della vita è un’avventura imprevedibile ed emozionante, la nostra storia è stata scritta dal Migliore Romanziere dell’universo; non è frutto del caso. Noi non siamo qui per sbaglio, siamo stati pensati, e voluti, da sempre e per sempre. Nei momenti felici Egli gioisce con, e per, noi; in quelli dolorosi è al nostro fianco e si fa carico della nostra sofferenza.

Tutti abbiamo vissuto tempi in cui il sole sembrava essersi spento per sempre. Il gelo entrava sempre più in profondità nelle nostre ossa; ad un certo punto, però, qualcosa è accaduto e la vita ha cominciato a fiorire come la natura in primavera. Ci sentivamo persi ed invece ci siamo ritrovati.

La Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2021
2809/2022
S. Venceslao

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il messaggio nella bottiglia

Ucraini e Russi di Ostia, nella prossimità uniti da fede, quotidianità e identità locale

Leggi tutto

Storie

Ucraina: la pace si allontana

La mia sensazione attuale nei riguardi della guerra dell’est Europa è che stiamo camminando in un ambiente sempre più (volutamente) impervio in cui le sabbie mobili sono sotto di noi e rischiamo di sprofondare nell’abisso fangoso. Quanto avremmo bisogno di una mano ferma e di un robusto ramoscello di ulivo a cui aggrapparci per uscire vivi da questa palude!

Leggi tutto

Politica

La Louisiana vuole classificare l’aborto come omicidio

La Louisiana è ora uno dei 13 stati con una legge di attivazione che consentirebbe allo stato di vietare immediatamente l’aborto se la sentenza Roe vs. Wade venisse ribaltata.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Non portate l’umanità alla rovina”

Dopo il Regina Coeli, Papa Francesco ha rivolto un nuovo appello per la fine della guerra in Ucraina,

Leggi tutto

Storie

COSTA RICA - Accolte le Missionarie della Carità espulse dal Nicaragua

La Conferenza Episcopale del Costa Rica ha confermato che le 18 Suore della Carità di Santa Teresa di Calcutta, espulse dal Nicaragua dal regime di Daniel Ortega, sono state accolte nella Diocesi di Tilarán Liberia, guidata da Monsignor Manuel Eugenio Salazar: “Le riceviamo con tutto l’amore che meritano per il loro servizio e la loro dedizione a Dio e alla Chiesa”.

Leggi tutto

Chiesa

CANADA - “Non si può annunciare Dio in un modo contrario a Dio”

La fede in Cristo può essere annunciata solo «nella libertà e nella carità», come Cristo stesso desidera. Quando si rinuncia a questo tratto di gratuità, e si vuole «inculcare Dio nelle persone» imponendolo come un postulato del «proprio modello culturale», si tradisce la dinamica stessa con cui opera il Signore, che «non costringe, non soffoca e non opprime; sempre, invece, ama, libera e lascia liberi»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano