Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco all’Angelus: “Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’uomo che “possedeva molti beni” e che incontra Gesù nel Vangelo di Marco di questa domenica, “possiamo vederci tutti” e fare così “Un test sulla fede”. Prima dell’Angelus, dal brano evangelico odierno il pontefice ricava tre indicazioni per noi. Innanzitutto, se la fede “è principalmente un dovere o una moneta di scambio, siamo fuori strada”, perché Dio non è un “contabile e controllore”, ma “padre”. Se la nostra è una fede stanca, possiamo rinvigorirla cercando “lo sguardo di Dio” nell’adorazione, lasciandoci “amare da Lui”. Infine non accontentiamoci dei doveri, “i precetti e qualche preghiera”, mentre Dio, “che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita!”

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

La Liturgia di oggi ci propone l’incontro tra Gesù e un uomo che «possedeva molti beni» (Mc 10,22) e che è passato alla storia come “il giovane ricco” (cfr Mt 19,20-22). Non sappiamo il nome. Il Vangelo di Marco, in realtà, parla di lui come di «un tale», senza dirne l’età e il nome, a suggerirci che in quell’uomo possiamo vederci tutti, come in uno specchio. Il suo incontro con Gesù, infatti, ci permette di fare un test sulla fede. Io mi faccio, leggendo questo, un test sulla mia fede.

Quel tale esordisce con una domanda: «Che cosa devo fare per avere la vita eterna?» (v. 17). Notiamo i verbi che utilizza: dover fare – per avere. Ecco la sua religiosità: un dovere, un fare per avere; “faccio qualcosa per ottenere quel che mi serve”. Ma questo è un rapporto commerciale con Dio, un do ut des. La fede, invece, non è un rito freddo e meccanico, un “devo-faccio-ottengo”. È questione di libertà e di amore. La fede è questione di libertà, è questione di amore. Ecco un primo test: che cos’è per me la fede? Se è principalmente un dovere o una moneta di scambio, siamo fuori strada, perché la salvezza è un dono e non un dovere, è gratuita e non si può comprare. La prima cosa da fare è liberarci di una fede commerciale e meccanica, che insinua l’immagine falsa di un Dio contabile, un Dio controllore, non padre. E tante volte nella vita possiamo vivere questo rapporto di fede “commerciale”: io faccio questo perché Dio mi dia questo.

Gesù – secondo passaggio – aiuta quel tale offrendogli il volto vero di Dio. Infatti – dice il testo – «fissò lo sguardo su di lui» e «lo amò» (v. 21): questo è Dio! Ecco da dove nasce e rinasce la fede: non da un dovere, non da qualcosa da fare o pagare, ma da uno sguardo di amore da accogliere. Così la vita cristiana diventa bella, se non si basa sulle nostre capacità e sui nostri progetti, ma si basa sullo sguardo di Dio. La tua fede, la mia fede è stanca? Vuoi rinvigorirla? Cerca lo sguardo di Dio: mettiti in adorazione, lasciati perdonare nella Confessione, stai davanti al Crocifisso. Insomma, lasciati amare da Lui. Questo è l’inizio della fede: lasciarsi amare da Lui, che è padre.

Dopo la domanda e lo sguardo c’è – terzo e ultimo passaggio – un invito di Gesù, che dice: «Una cosa sola ti manca». Che cosa mancava a quell’uomo ricco? Il dono, la gratuità: «Va’, vendi quello che hai, dallo ai poveri» (v. 21). È quello che forse manca anche a noi. Spesso facciamo il minimo indispensabile, mentre Gesù ci invita al massimo possibile. Quante volte ci accontentiamo dei doveri – i precetti, qualche preghiera e tante cose così – mentre Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita! Nel Vangelo di oggi si vede bene questo passaggio dal dovere al dono; Gesù inizia ricordando i comandamenti: «Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare…» e così via (v. 19), e arriva alla proposta positiva: “Va’, vendi, dona, seguimi!” (cfr v. 21). La fede non può limitarsi ai no, perché la vita cristiana è un sì, un sì d’amore.

Cari fratelli e sorelle, una fede senza dono, una fede senza gratuità è una fede incompleta, è una fede debole, una fede ammalata. Potremmo paragonarla a un cibo ricco e nutriente a cui però manca sapore, o a una partita più o meno ben giocata ma senza gol: no, non va, manca il “sale”. Una fede senza dono, senza gratuità, senza opere di carità alla fine rende tristi: come quel tale che, pur guardato con amore da Gesù in persona, tornò a casa «rattristato» e «scuro in volto» (v. 22). Oggi possiamo domandarci: “A che punto sta la mia fede? La vivo come una cosa meccanica, come un rapporto di dovere o di interesse con Dio? Mi ricordo di alimentarla lasciandomi guardare e amare da Gesù?”. Lasciarsi guardare e amare da Gesù; lasciare che Gesù ci guardi, ci ami. “E, attirato da Lui, corrispondo con la gratuità, con generosità, con tutto il cuore?”.

La Vergine Maria, che ha detto a Dio un sì totale, un sì senza ma – non è facile dire dei sì senza ma: la Vergine ha fatto così, un sì senza ma – ci faccia assaporare la bellezza di fare della vita un dono”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/10/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo giovedì 25 maggio e commento

Gv 17,20-26 Giovedì 25 maggio 2023, VII settimana di Pasqua

Leggi tutto

Chiesa

RELIGIOUS ITINERARIES - CHIESA DI SAN BONIFACIO A POMEZIA

Monaco di nome Vinfrido, giunto a Roma dall’Inghilterra fu ordinato vescovo dal papa san Gregorio II e, preso il nome di Bonifacio, fu mandato in Germania ad annunciare la fede di Cristo a quelle genti, guadagnando moltitudini alla religione cristiana; resse la sede di Magonza e da ultimo a Dokkum tra i Frisoni, nell’odierna Olanda, trafitto con la spada dalla furia dei pagani, portò a compimento il martirio.

Leggi tutto

Storie

VIETNAM - Aumentano i divorzi nella società, i cattolici in controtendenza

Un numero crescente di giovani coppie in Vietnam sceglie di divorziare ed evita di avere figli, affermano recenti statistiche e studi sociologici.

Leggi tutto

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo di venerdì 23 Giugno e commento

Mt 6,19-23 Venerdì 23 giugno 2023, XI settimana del Tempo ordinario, anno dispari

Leggi tutto

Storie

TERRA SANTA - Patriarcato latino su assalto a Jenin

L’assalto dell’esercito israeliano alla città palestinese di Jenin rappresenta una aggressione “senza precedenti”, con “atti barbarici” che distruggono anche luoghi sacri e annientano persone desiderose e meritevoli di una vita dignitosa

Leggi tutto

Chiesa

VATICANO - Il 16 settembre la benedizione della statua di sant’Andrea Taegon

Una statua in marmo di Sant’Andrea Kim Taegon (1821-1846), il primo sacerdote e martire della Corea, sarà installata in una nicchia fuori dalla Basilica di San Pietro e benedetta il 16 settembre prossimo, giorno della “nascita al cielo” di Sant’Adrea. L’idea, sostenuta e promossa dalla Conferenza Episcopale della Corea, nata a conclusione delle celebrazioni per commemorare il 200° anno di nascita del santo e riunirà a Roma una folta delegazione di oltre 300 membri della Chiesa coreana che giungeranno in Vaticano per l’occasione, tra Vescovi, sacerdoti, religio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano