Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco alle suore: siete presenza viva nella Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In quanto donne e battezzate”, siete una presenza “viva” e “insostituibile” nella Chiesa. Francesco accoglie e incoraggia la missione delle Suore della Carità, congregazione intitolata alla santa francese Giovanna Antida Thouret, che da anni si dedica all’istruzione e all’educazione dei giovani ma anche all’assistenza di ammalati e carcerati. Proprio questa “sollecitudine” per i poveri è la missione che il Papa invita a proseguire, specialmente nell’ambito del percorso sinodale, il cui avvio ha coinciso con l’apertura del 21.mo Capitolo generale delle Suore della Carità, rimandato dallo scorso anno. Una felice coincidenza, secondo il Pontefice, che evidenzia “che l’impegno che ci assumiamo come Chiesa di crescere nella sinodalità è uno stimolo forte anche per gli Istituti di vita consacrata”. Il Papa richiama l’immagine di Gesù che percorre le strade della Galilea, della Samaria e della Giudea: “Con lui ci sono i discepoli, e tra loro molte donne; di alcune conosciamo anche i nomi”. Mi piace pensare che voi consacrate siete un prolungamento di quella presenza femminile che camminava con Gesù e con i Dodici, condividendo la missione e dando il proprio peculiare apporto.

E qual è, esattamente, l’apporto che possono offrire le Suore della Carità: “In che modo più specificamente partecipate a questo cammino? Qual è il vostro contributo originale?”, domanda Papa Francesco, lasciando il duplice quesito aperto, senza “risposte già pronte, preconfezionate”, perché “le risposte che non sono preconfezionate sono le migliori”.
Una risposta è contenuta, tuttavia, nel tema scelto per il Capitolo: Ripartire da Betania, con la sollecitudine di Marta e l’ascolto di Maria. Esso mette infatti in risalto la presenza di due donne, Marta e Maria, coi loro nomi e i loro volti. “Due discepole che hanno avuto un posto molto importante nella vita di Gesù e dei Dodici, lo si vede bene nei Vangeli”, sottolinea il Pontefice.
Proprio il Battesimo è la “base” e la “radice di tutto”, evidenzia il vescovo di Roma rimarca il Pontefice. A partire da questa radice “Dio ha fatto crescere in voi la pianta della vita consacrata, secondo il carisma di Santa Giovanna Antida”. Sempre il tema del Capitolo contiene poi due parole fondamentali nel contesto del cammino sinodale: “Sollecitudine” e “ascolto”. “In particolare, sollecitudine verso i poveri e ascolto dei poveri”, afferma Papa Francesco, “qui voi siete maestre”: Quindi Francesco aggiunge: “Questo conferma che anzitutto in quanto donne e in quanto battezzate, cioè discepole di Gesù, voi siete presenza viva nella Chiesa, partecipando alla comunione e alla missione.” Siete maestre non con le parole, ma con i fatti, con la storia di tante vostre sorelle che hanno dato la vita per questo, nella sollecitudine e nell’ascolto vicino alle persone anziane, malate, emarginate; vicino ai piccoli, agli ultimi con la tenerezza e la compassione di Dio. Questo edifica la Chiesa, la fa camminare nella via di Cristo che è la via della carità.

Distaccandosi poi dal discorso scritto, Francesco si sofferma sulla testimonianza che le Suore della Carità con il loro servizio offrono quotidianamente: “È una testimonianza all’essere vicini agli ultimi, con tenerezza e compassione”, dice. “Lo stile di Dio è questo: vicinanza, tenerezza e compassione”: Sempre Dio fa così. Nella misura che noi facciamo lo stesso, saremo più simili a essere pastori come Dio. Non dimenticatevi questo: sempre vicinanza, sempre compassione e sempre tenerezza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

Società

Necessitano cercatori sinceri

Nella misura in cui la sapienza divina vuole questo, come è importante che vi siano persone, nella Chiesa, in profonda ricerca del vero, libere da interessi personali, sempre più capaci di cogliere il buono dagli altri e di comprendere il loro graduale cammino. Come è bello quando Dio vuole che incontriamo chi vive il proprio percorso cercando di accogliere adeguatamente anche quello degli altri.

Leggi tutto

PoliticaChiesa

Haiti: timori dei vescovi dopo i nuovi rapimenti

La Commissione Episcopale Nazionale per la Giustizia e la Pace, in una nota, fa luce sull’atteggiamento della polizia dopo il sequestro dei missionari lo scorso sabato. L’ennesimo rapimento a scopo di riscatto avviene in una guerra tra poveri e in un contesto di degrado, insicurezza e pandemia.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Il vescovo di Reggio Emilia, Mons, Massimo Camisasca, ammonisce sulla legge del Fine Vita: “eutanasia mette a rischio i più deboli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano