Società

di Mirko De Carli

Il confine da non valicare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Ero mamma, ora terrorista”: in questa drammatica frase tutte le ragioni del perché non possiamo sentire nostre le piazze di questi giorni. Diciamocelo chiaro: il problema reale non è la violenza degli irriducibili (di qualsiasi fazione ideologica essi siano) ma la disperazione della “gente comune” che arriva ad abbracciare la violenza per trovare una risposta all’altezza dello sconforto e abbandono che vive.

Questo dovrebbe preoccuparci e portarci ad agire con forza per evitare di unire ai delinquenti persone per bene che non c’entrano nulla con gli assalti premeditati alla Cgil di sabato a Roma. Se una madre arriva a dirsi disposta ad agire da terrorista vuol dire che la società attuale è talmente “marcia” da non offrirle nulla di positivo per cui credere che il domani, per i suoi figli, possa essere migliore di un presente governato dalla disperazione.

La stessa domanda me lo posi davanti agli attentati terroristici perpetuati da ragazzi figli di immigrati ma nati e cresciuti in Europa e che si facevano saltare per aria dicendo che di “amare di più la morte di quando noi amiamo la vita”: anche allora dissi che il vero nodo della questione era l’incapacità occidentale di offrire dei valori nobili capaci di riportare come centrale il “dare la vita per gli altri” (di cristiana memoria) anziché lasciar dilagare un consumismo individualista dove l’altro viene visto come ostacolo alla piena realizzazione personale (per cui sono disposto pure ad ucciderlo per raggiungere la “vita eterna”).

La frase sconcertante di questa mamma deve necessariamente farci comprendere che la risposta ad una politica che non è in ascolto del disagio reale e crescente delle famiglie non può essere nelle piazze guidate e organizzate da personaggi sotto daspo o condannati: possiamo costruirla e organizzarla solo dentro comunitá autenticamente democratiche capaci di ribaltare l’ordine delle priorità dentro le istituzioni repubblicane.

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Storie

Una lettera d’amore del generale Gorostieta

Ricordate il generale messicano impersonato da Andy Garcia in “Cristiada”?
Oggi pubblichiamo, per la prima volta in italiano, il testo di una sua toccante lettera alla moglie, scritta esattamente 80 anni fa nel triduo del Natale: è la penna di un cavaliere, monaco e guerriero al contempo, a correre sulla carta.
Amore alla moglie, alla patria e a Dio si fondono in una lezione senza tempo.

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Società

Il capitalismo della seduzione

Il vecchio sistema socioeconomico è stato da tempo superato da quello che il filosofo (marxista) Michel Clouscard ha definito il «capitalismo della seduzione». Lo scrittore Rodolfo Quadrelli lo ha descritto con efficacia: «Mentre il capitalismo primitivo, fondato sull’ascesi razionalizzata dei vizi spirituali, non poteva permettere lo scatenamento degli istinti sessuali, il nuovo capitalismo, largamente spersonalizzato, può permetterlo; o addirittura, nella sua più recente versione, può raccomandarlo, inteso com’è a liberarsi dalla famiglia e dal risparmio, entrambi potenti remore ai consumi»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano