Chiesa

di Tommaso Ciccotti

I vescovi francesi: la tutela dei minori deve essere la priorità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Fare della protezione dei bambini una priorità assoluta di tutti i vescovi e di tutti i cattolici, in stretta collaborazione con le autorità francesi”: lo afferma monsignor Éric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims e presidente della Conferenza episcopale di Francia (Cef). Le sue parole arrivano a pochi giorni dalla pubblicazione del Rapporto della Ciase (Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa): voluta dalla stessa Cef e guidata da Jean-Marc Sauvé, la Commissione ha indicato in almeno 216 mila persone il numero di vittime di abusi in Francia, dal 1950 al 2020, compiuti da sacerdoti e religiosi. “Chiedo perdono a tutte le vittime”, ribadisce monsignor de Moulins-Beaufort.

La portata della violenza sessuale e delle aggressioni contro i minori rivelata dal Rapporto Ciase – continua la nota - richiede che la Chiesa rilegga le sue pratiche alla luce di questa realtà”. Di qui, il richiamo alla collaborazione con le autorità, tanto che sono già stati avviati “protocolli che collegano 17 diocesi in Francia con le Procure, per facilitare e accelerare il trattamento delle segnalazioni di qualsiasi atto denunciato”. Un sistema del quale “il Ministero della Giustizia ha appena incoraggiato la diffusione”. Il presidente della Cef sottolinea, inoltre, che alla prossima Plenaria dell’organismo, in programma dal 3 all’8 novembre, i vescovi francesi “lavoreranno insieme, sulla base del Rapporto Ciase e delle sue 45 raccomandazioni, sulle misure e le riforme da perseguire e intraprendere, in stretta comunione con la Chiesa universale”. Le parrocchie, i movimenti e le comunità sono quindi invitate a “leggere questo Rapporto, a condividerlo e a lavorarci, poiché sembra essenziale che tutti accolgano le numerose testimonianze di vittime che contiene e ne traggano le conseguenze necessarie”.

La realtà della violenza sessuale e delle aggressioni ai minori nella Chiesa e nella società invita, infatti, tutte le persone di buona volontà, “credenti o no”, a “lavorare insieme al servizio della protezione dei più giovani, dell’accoglienza e dell’accompagnamento delle vittime”. “Di fronte a questi fatti – conclude la nota – monsignor de Moulins-Beaufort ribadisce la sua vergogna e il suo sgomento, ma anche la sua determinazione a realizzare le riforme necessarie affinché la Chiesa in Francia meriti la fiducia di tutti”. Un ulteriore punto affrontato dal comunicato riguarda la confessione: il presule ribadisce che “è necessario lavorare per conciliare la natura” di questo sacramento “con la necessità di proteggere i bambini”. La sottolineatura è dovuta ad un caso specifico: il 6 ottobre, parlando a France Info, il presidente della Cef ha affermato che “il segreto della confessione è un requisito e rimarrà un requisito: in un certo senso, è al di sopra delle leggi della Repubblica. Crea uno spazio libero per parlare davanti a Dio, ci è imposto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/10/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’Anno Santo della Misericordia

Siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano