Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Sinodalità vissuta o meccanica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo Spirito vi condurrà alla verità tutta intera ricordandovi quanto vi ho detto (cfr Gv 16)

La sinodalità può venire intesa come un variamente artefatto dialogo tra alcune persone convocate in modo estemporaneo. Ciò può comportare ugualmente aspetti positivi ma anche i pericoli e le distorsioni del mero fare. Si tratta invece di cercare le vie di una più profonda formazione che apra ad una crescita integrale, spirituale e umana, nello scambio con gli altri. Fin dalla scuola: senza poter crescere in essa alla luce della identità liberamente cercata e nel solo allora autentico scambio già si causa uno svuotamento, una omologazione, delle persone. La crescita identitaria orienta verso una ricerca vissuta, lo scambio aiuta ad evitare che l’identità diventi ideologia. Si tende verso un cammino dove la persona può trovare serenamente sé stessa.

Per noi cristiani il cercare sempre più, come lui stesso ci ha detto, le vie verso il discernere concreto, divino e umano, di Gesù è la strada che apre tutti gli orizzonti: l’ascolto ed il dialogo, lo sviluppo sempre più pieno di ogni vocazione, la partecipazione… Superando astrazioni e formalismi che in mille modi si sostituiscono ad un maturare, ad un cercare di comprendere, vivo e vero.

Dunque lo stimolo al dialogo può manifestare risvolti positivi ma anche vanno tenuti in conto i rischi del fare meccanico, che non nasce da autentiche maturazioni. Siamo davvero agli albori di un discernere più adeguatamente incarnato, chiediamo a Maria e Gesù di venire sempre più nella nostra vita e di aiutarci ad accoglierli con cuore sincero. La sincerità è un dono fondamentale per non cadere negli inganni di piste magari confuse.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/10/2021
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Camerun - Bruciata una chiesa e presi ostaggi

Sconcerto e condanna dalla Conferenza episcopale. Ad essere rapiti sono cinque sacerdoti cattolici, una suora e due fedeli

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la diversità è un segno dei tempi

L’udienza del Papa ai cistercensi della Comune Osservanza, incontrati in occasione del loro capitolo generale

Leggi tutto

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Chiesa

Le scelte inclusive di Papa Francesco

Le nuove regole sull’accertamento dell’eventuale nullità del matrimonio raccontano una Chiesa più forte, non più debole, che non cambia nulla sul piano dottrinale

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano