Politica

di Mario Adinolfi

DIRITTI SOCIALI vs I FALSI DIRITTI CIVILI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Eccoci qua, ennesima domenica elettorale per il Popolo della Famiglia, che cade nell’anniversario del nostro incontro del 17 ottobre 2018 con Papa Francesco in San Pietro: urne aperte a Torino per cercare l’impresa di dare alla città il primo sindaco non di sinistra da quando esiste l’elezione diretta, siamo schierati anche a Spoleto e a San Benedetto del Tronto con analoga aspettativa. Facciamo pesare uno 0.44% a Torino, lo 0.81% di Rosario Murro a Spoleto, lo 0.9% a San Benedetto del Tronto. Alcuni sono abituati a irridere queste percentuali, che però in un testa a testa possono risultare decisive. Il PdF non regala mai le proprie preferenze, il PdF sceglie. A Roma e Milano abbiamo stigmatizzato le scelte improvvide di destre avaloriali che hanno generato candidature insostenibili. Perché i valori sono una cosa seria e la prossima volta il PdF spera di non ritrovarsi da solo a contrastare il delirio d’onnipotenza di Marco Cappato che vuole depenalizzare l’omicidio, tanto per citare una delle tante questioni che da lunedì avremo sul tappeto. E al ddl Zan non si può far finta di fare l’opposizione, con assenze strategiche dei parlamentari piazzati da Morisi quando bastava un voto per vincere definitivamente e abbattere quella legge liberticida. Per battere le sinistre che rischiano lunedì pomeriggio di fare cappotto, 5-0, nelle grandi città serva far nascere un campo vasto cementato dai valori. Non si possono avere più candidati culturalmente o intimamente subalterni alla piattaforma dei “nuovi diritti civili” che vogliono essere imposti dalle sinistre: a ddl Zan, eutanasia, aborto, matrimonio gay, ius soli, utero in affitto, droga libera si deve dire tutti insieme un nettissimo no. Di contro, vanno indicati agli italiani i terreni veri su cui impegnarsi per accrescere i loro diritti: diritto universale a nascere, diritto alla vita anche nella difficoltà, diritto al reddito di maternità per battere la principale piaga del Paese che è la denatalità, diritto al lavoro con un salario adeguato, diritto alla salute, diritto a un fisco equo che prelevi la tassazione basandosi sul quoziente familiare, diritto all’istruzione in una scuola finalmente libera, diritto all’assistenza piena per anziani e disabili, diritto alla casa per le giovani famiglie, diritto all’autoimpiego nell’impresa familiare sostenuta dallo Stato nelle fasi di start up, diritto a non migrare e per chi vi è costretto diritto alla cittadinanza consapevole, diritto alla previdenza senza ulteriori tagli e vessazioni. Se le sinistre puntano ai diritti “civili”, cioè all’oceano di minchiate ideologiche in cui vogliono convincere che il bene sia potersi suicidare e drogare a piacimento tra uteri affittati e bambini comprati da coppie di uomini uniti in un matrimonio senza mater, occorre proporre agli italiani un campo vasto di convinti propugnatori di nuovi diritti sociali che stravolgano valorialmente il modo di concepire i diritti della persona nella loro connessione ai doveri verso la comunità. Per fare questo il Popolo della Famiglia oltre al proprio contributo di consensi (i 47.811 voti sui 5 milioni scarsi di voti validi ottenuti il 5 ottobre dalle liste con il nostro simbolo equivalgono a 300mila voti nazionali) vuole offrire al campo vasto anche il lavoro di elaborazione compiuto in questi anni che può essere un eccellente collante coalizionale. Da lunedì sera ci metteremo al lavoro, sperando di incrementare la nostra pattuglia di eletti nelle istituzioni già ottimamente rimpolpatasi al primo turno (Gabriella D’Amato entra in consiglio comunale se si vince il ballottaggio a Varese). L’assemblea nazionale dell’11 e 12 dicembre fisserà le modalità con cui il Popolo della Famiglia proseguirà la sua battaglia, con l’obiettivo di andare al governo del Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/10/2021
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Cosa succede il 5 Dicembre

Il 5 dicembre ed il referendum spiegati da Mario Adinolfi

Leggi tutto

Società

Fedez e J-AX, attenti al gorilla

Siamo dalle parti di Fabrizio De André che traduce George Brassens perché non gli piacevano le sentenze contra legem di alcuni giudici. Si intitola Attenti al gorilla. Ripassate i fondamentali del mestiere, comunisti col Rolex. State cantando nel coro recitando la parte più comoda con testi che vi scrivono altri. Il vostro insulto cialtrone è la prova che stiamo facendo bene, perché stiamo dall’altra parte della barricata rispetto alla vostra superficialità.

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano