Politica

di Mirko De Carli

MANCANO LE PAROLE D’ORDINE E IL CENTRO-DESTRA SI SCHIANTA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato. Il reale problema è strettamente connesso con l’incapacità di Meloni e Salvini (e, a seguire, dei loro rispettivi candidati a sindaco) di presentare al paese una serie di “cose da fare” saldamente ancorate a pochi ma ben definiti valori di fondo condivisi. Ognuno invece appariva in competizione con l’altro: Meloni su Salvini, Salvini su Meloni e Berlusconi su entrambi. Risultato: grande confusione, contraddizioni a non finire e disorientamento generale.

Occorre un ragionato cambio di rotta nel lavoro di costruzione dell’alternativa alla sinistra che abbracci la visione, più volte rilanciata come Popolo della Famiglia, del campo vasto. Nel concreto cosa significherebbe? Ecco cinque passi operativi che elenco brevemente per favorirne la comprensione:

- superamento della logica dell’attuale “tavolo del centrodestra” aperto ai soli gruppi parlamentari con la costruzione di un coordinamento allargato delle forze e dei movimenti alternativi al centro-sinistra (anche non presenti in Parlamento) con pari dignità riconosciuta ai singoli movimenti aderenti;

- costruzione di un “patto valoriale” che saldi tutte le realtà del c.d. campo vasto attraverso un’elencazione dettagliata e coerente di valori di riferimento (a partire naturalmente dalla difesa e promozione della vita e della famiglia);

- scelta dei candidati alle prossime elezioni amministrative con ampio anticipo e in maniera condivisa (coinvolgendo le realtà civiche e non scegliendo candidati cicivi per aggredire il consenso dei civici) al fine di costruire programmi frutto di un autentico ascolto del territorio;

- predisporre un piano ambizioso da sottoporre all’attenzione del governo per rilanciare natalità, famiglia e impresa familiare attraverso le azioni previste nel PNRR;

- presentare una candidatura unitaria e credibile per la Presidenza della Repubblica (un nome di assoluto valore potrebbe essere Marta Cartabia, attuale Ministro di Grazia e Giustizia) che rinsaldi il “vecchio” centrodestra nel nuovo campo vasto con l’obiettivo dichiarato di portare a termine la legislatura e presentarsi competitivi alle elezioni politiche del 2023.

Una terapia che, se praticata con umiltà e dedizione, potrebbe frenare l’emorragia di consensi verso l’astensionismo e rimotivare tanti militanti ed elettori in vista di una competizione elettorale nazionale dove, per non trovarsi nella necessità di altri governi istituzionali, il campo vasto alternativo alla sinistra deve necessariamente raggiungere almeno il 50% più uno dei consensi elettorali.

Come Popolo della Famiglia siamo pronti a portare il nostro piccolo ma pugnace contributo: per il resto a buon intenditor poche parole.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Politica

ALTRIMENTI CI INCENERISCA

La linea politica dell’autonomia del Popolo della Famiglia, ribadita all’assemblea nazionale del 28 gennaio al teatro Eliseo, sta facendo crescere davvero un “bambino” libero che sta imparando a camminare con le proprie gambe. Non era facile, non era scontato, la tentazione del vendersi al migliore offerente in politica è sempre dietro l’angolo, ma tra noi (con l’eccezione di alcuni sporadici casi) quella tentazione non ha attecchito. Siamo legati alla nostra idea di autonomia perché sappiamo che solo questa autonomia ci consentirà di difendere davvero la vita, la famiglia naturale, i soggetti più deboli, i principi non negoziabili ribaltando le priorità di una politica che nel centrodestra come nel centrosinistra sembra aver dimenticato la cura del bene comune, puntando su uno sciocco principio di autodeterminazione che è solo libertà fuori dalla verità, dunque libertà zoppa e malsana.

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

Politica

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per Sicilia e Sardegna. Di Matteo: “Portare la famiglia in Europa come elemento propulsore per la rinascita economica, sociale ed umana”

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano