Storie

di Federica Di Paolo

Bangladesh - Rajshahi: cresce il numero di battezzati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un gruppo di 47 adulti ha ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala della diocesi di Rajshahi, nel Bangladesh settentrionale. la cerimonia è avvenuta il 13 ottobre in questo villaggio che fa parte della parrocchia di Bhutahara Quasi, fondata nel 2005 dai missionari del Pime e che attualmente ospita più di 2.500 cattolici. Per molti anni i missionari hanno lavorato al fianco delle tribù Santal e Oraon, popoli tribali originari della zona che praticano una forma di panteismo ancestrale molto legato alla natura e alla venerazione degli spiriti.

“Abbiamo fatto visita a questi villaggi per oltre sette anni - ha raccontato ad AsiaNews p. Swapon Purification -. Abbiamo portato la Bibbia e la parola di Dio, abbiamo celebrato messe e proposto corsi di catechesi. Il risultato è stato sorprendente: 47 adulti di 15 famiglie hanno ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala. In un altro villaggio sempre della nostra parrocchia, più di 70 persone riceveranno il battesimo il 20 ottobre”.

Padre Swapon ha elogiato i catechisti che, con il loro lavoro, sono riusciti ad entrare nei cuori dei nuovi fedeli: “Mi sembra che i catechisti abbiano giocato un ruolo significativo e il loro impegno è stato esemplare: hanno fatto visita in modo continuativo a queste zone remote che si raggiungono solo dopo lunghe ore di cammino. Ad ogni viaggio si fermavano nel villaggio dai 3 ai 7 giorni per portare la parola di Dio. Il resto del lavoro lo abbiamo fatto noi sacerdoti insieme alle suore”.

Uno degli artefici di questi battesimi è stato Bernabas Hasda, catechista 66enne di origine Santal che ormai da 40 anni svolge questo prezioso compito: “Ci sono enormi opportunità di fare breccia nel cuore delle persone e di avvicinare le popolazioni tribali bengalesi al cristianesimo - ha raccontato -. I missionari del Pime sono stati per anni in prima linea in questa regione del Paese. Noi stiamo seguendo la strada tracciata da loro”.

Tra i neo-battezzati c’è Durga Joachim Basra, contadino 40enne che ha condiviso la sua gioia dopo aver ricevuto il sacramento: “In passato adoravo la natura e gli alberi e praticavo, insieme alla tribù, dei rituali legati alla fecondità della natura. Non avevo un Dio specifico. Ora mi rivolgo a Gesù nelle mie preghiere. Credo che grazie a lui otterrò la salvezza. Sono molto felice di aver ricevuto il battesimo”.

Da sottolineare che il Bangladesh è un Paese a maggioranza musulmana. Meno dell’1% della popolazione è cristiana. Grazie al lavoro di sacerdoti, suore e catechisti, soprattutto nei villaggi e nelle regioni remote, il numero di fedeli bengalesi sta crescendo nonostante le continue tensioni con i tanti musulmani che sfociano spesso in violenze verso i cristiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano