Storie

di Federica Di Paolo

Bangladesh - Rajshahi: cresce il numero di battezzati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un gruppo di 47 adulti ha ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala della diocesi di Rajshahi, nel Bangladesh settentrionale. la cerimonia è avvenuta il 13 ottobre in questo villaggio che fa parte della parrocchia di Bhutahara Quasi, fondata nel 2005 dai missionari del Pime e che attualmente ospita più di 2.500 cattolici. Per molti anni i missionari hanno lavorato al fianco delle tribù Santal e Oraon, popoli tribali originari della zona che praticano una forma di panteismo ancestrale molto legato alla natura e alla venerazione degli spiriti.

“Abbiamo fatto visita a questi villaggi per oltre sette anni - ha raccontato ad AsiaNews p. Swapon Purification -. Abbiamo portato la Bibbia e la parola di Dio, abbiamo celebrato messe e proposto corsi di catechesi. Il risultato è stato sorprendente: 47 adulti di 15 famiglie hanno ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala. In un altro villaggio sempre della nostra parrocchia, più di 70 persone riceveranno il battesimo il 20 ottobre”.

Padre Swapon ha elogiato i catechisti che, con il loro lavoro, sono riusciti ad entrare nei cuori dei nuovi fedeli: “Mi sembra che i catechisti abbiano giocato un ruolo significativo e il loro impegno è stato esemplare: hanno fatto visita in modo continuativo a queste zone remote che si raggiungono solo dopo lunghe ore di cammino. Ad ogni viaggio si fermavano nel villaggio dai 3 ai 7 giorni per portare la parola di Dio. Il resto del lavoro lo abbiamo fatto noi sacerdoti insieme alle suore”.

Uno degli artefici di questi battesimi è stato Bernabas Hasda, catechista 66enne di origine Santal che ormai da 40 anni svolge questo prezioso compito: “Ci sono enormi opportunità di fare breccia nel cuore delle persone e di avvicinare le popolazioni tribali bengalesi al cristianesimo - ha raccontato -. I missionari del Pime sono stati per anni in prima linea in questa regione del Paese. Noi stiamo seguendo la strada tracciata da loro”.

Tra i neo-battezzati c’è Durga Joachim Basra, contadino 40enne che ha condiviso la sua gioia dopo aver ricevuto il sacramento: “In passato adoravo la natura e gli alberi e praticavo, insieme alla tribù, dei rituali legati alla fecondità della natura. Non avevo un Dio specifico. Ora mi rivolgo a Gesù nelle mie preghiere. Credo che grazie a lui otterrò la salvezza. Sono molto felice di aver ricevuto il battesimo”.

Da sottolineare che il Bangladesh è un Paese a maggioranza musulmana. Meno dell’1% della popolazione è cristiana. Grazie al lavoro di sacerdoti, suore e catechisti, soprattutto nei villaggi e nelle regioni remote, il numero di fedeli bengalesi sta crescendo nonostante le continue tensioni con i tanti musulmani che sfociano spesso in violenze verso i cristiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Società

Un’esperienza di scienza e di fede

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano