Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La lotta con Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sembra stia gradualmente maturando nella storia un salto di qualità.

Il passaggio è, per grazia, prendere sul serio Gesù anche come uomo. Invece di “devozionarlo” e avere a riferimento filosofi, sia pure un san Tommaso o un sant’Agostino. Loro aiutano ma il dono è andare sempre più a Gesù. Lui non ha parlato di fede e ragione, non ha parlato di spiritualità senza o con poco umano ma è maturato nello Spirito che scendeva come una colomba, non calpestando ma lasciando vivere sempre più tutta la sua umanità semplicemente e sanamente e così vedendo ogni cosa in modo sempre nuovo. La sua riflessione si sviluppava da questa vita e in questa vita, non in astratto. Forse per tal motivo Maria dice: alla fine il mio cuore immacolato trionferà. Nella cultura quante pervicaci strutturazioni, quanti fallimenti, svuotamenti, incomprensioni, con drammatici risvolti per la società, per giungere ad appoggiarsi sempre più a Gesù, al discernere concreto del suo cuore divino e umano nella Luce serena?

Nel guado decisivo della sua vita, al fiume Yabbok, Giacobbe lotta con un uomo. Non riuscendo a vincerlo quello che in realtà era un angelo lo colpisce e gli sloga l’articolazione del femore. Il significato non è che Dio punisce, cosa che non farà mai, ma che chiuderci alla sua grazia certo non ci aiuta a stare bene. Infatti qui avviene il rovesciamento di vedute: l’angelo dice al nostro che non si chiamerà più Giacobbe ma Israele perché ha combattuto con Dio e con gli uomini e ha vinto. Ascoltando tale brano (Gen 32, 23-33) a 19 anni circa, temendo che seguire Dio potesse comportare qualche “fregatura”, domandai al sacerdote come mai l’angelo aveva detto a Giacobbe che aveva vinto se invece aveva l’anca slogata. Il prete mi rispose che il patriarca aveva vinto proprio perché aveva perso.

Anche nella cultura il cammino sta nell’imparare a non puntare sui propri ragionamenti ma su Gesù, Dio e uomo, imparando da lui, anche come uomo. Lui ci è nell’essenza davanti, ci porta nel presente e verso il futuro anche come uomo. Nel vangelo vi è una miniera di scoperte vitali dell’amore meraviglioso, divino e umano, di Gesù che la grazia ci può rivelare. Anche la Chiesa lungo la storia impara che non basta accogliere il messaggio di Gesù e dedurne razionalmente le conseguenze in ogni campo. È necessario in ogni cosa tornare al vangelo e vedere come Gesù ha vissuto, ha operato nelle situazioni concrete il suo discernimento. Si scoprirà con stupore continuo quante cose date per scontate con i ragionamenti si potevano vedere in modo molto diverso, molto più bello e vitale, imparando da lui. Nella Chiesa ogni rinascita è stata sempre caratterizzata da un rinnovato, più profondo, ritorno a Gesù. Guidati da Maria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/10/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Politica

I numeri dell’estate

65. Sono i bambini nati in famiglie meridionali che, su 100, quest’estate non andranno in vacanza: le loro mamme e i loro papà non hanno i soldi per portarli al mare o in montagna. Un bambino su tre a livello nazionale non si muoverà dall’abituale luogo di residenza per tutta l’estate. In Italia 1.619.000 famiglie sono in condizione di povertà assoluta. E la Boldrini pensa a farsi blindare il nuovo appartamento. Dal 4 agosto i parlamentari della diciassettesima legislatura repubblicana saranno tutti e 945 in ferie, senza aver risolto nessuna delle drammatiche emergenze che attanagliano il paese: denatalità, povertà, debito pubblico, occupazione, immigrazione selvaggia, dissesto idrogeologico hanno fatto tutti segnare nuovi record anno dopo anno in questa legislatura. Però questi 945 genietti hanno fatto la legge sul divorzio breve e le unioni civili, se si impegnano fanno approvare anche quella sull’eutanasia all’italiana e sulla droga libera. Un ragazzo su cinque (19.9% degli under 24 per essere precisi, rapporto Commissione Europea) non studia, non lavora, non cerca lavoro. Sta abulico sul divano a consumare patrimonio e stipendio di mamma e papà più pensione (bassa) dei nonni. Brava Boldrini. Bravi tutti lì in Parlamento. Buone vacanze, eh…

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a piazza Cavour contesta il referendum - imbroglio

Contestazione da parte di Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, contro il deposito delle firme in Cassazione per chiedere l’eutanasia legale

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano