Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Congo, il dono del Papa ad un orfanotrofio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si firmano tutti i 22 bambini dell’orfanotrofio Foyer Nazareth, alla periferia di Brazzaville (Repubblica del Congo), nella lettera inviata a Papa Francesco. Una missiva datata 3 ottobre scritta a mano, con una penna blu, su tre fogli a quadretti - gli stessi che si usano a scuola - per dire “Merci, Merci, Merci beaucoup” (“Grazie, grazie, grazie mille”) al Papa per l’importante dono ricevuto: una fornitura di medicinali per la drepanocitosi, difficilmente reperibili in questi luoghi impervi in cui a malapena si trovano acqua e cibo, figurarsi i farmaci per una malattia genetica del sangue. Che, tra l’altro, quando si trovano, hanno costi esorbitanti.

In mezzo alla fatica del vivere e a risorse limitate, senza però cedere alla disperazione, i piccoli del Foyer Nazareth hanno preso carta e penna e hanno chiesto aiuto al Papa. Che non ha fatto attendere troppo la sua risposta e, tramite il cardinale elemosiniere Konrad Krajewski e la nunziatura apostolica, ha fatto recapitare i primi di ottobre alcuni pacchi contenenti i farmaci, con la scritta rossa “Dono del Santo Padre”, alla responsabile dell’orfanotrofio suor Elise Vouakouanitou, 63 anni tra due mesi, congolese di Pointe-Noire.

Proprio lei è la ‘mano’ che ha stilato la lettera al “Saint Père Pape François” : “Santo Padre – si legge - il vostro pensiero a noi, inviando prodotti di salute a due sorelle del nostro orfanotrofio Odilia ed Elise, ci fa intravedere che la parola delle Sacre Scritture è vita. Sì, abbiamo la bocca balbettante, ma il nostro cuore non può tacere per lodare il Signore… Santo Padre, con queste medicine noi crediamo e affermiamo che il Signore ci ha visitato per mezzo di Lei, il Vicario del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. Noi a nostra volta lo benediciamo e imploriamo la Sua grazia e la Sua forza su di Lei”. Suor Elise e i bambini di Brazzaville esprimono “un grande grazie” a Dio, al Papa e alla nunziatura per l’“illimitata attenzione” nei loro confronti. “Attraverso questo gesto, ci rendiamo conto che il titolo della sua ultima lettera enciclica (Fratelli tutti, ndr) non è vano, ma un programma del lavoro e della missione che lei ha accettato in nome di Cristo dalla Chiesa. Sì, affermiamo che siamo tutti fratelli”. E questa fraternità si sperimenta ogni giorno tra le mura del Foyer Nazareth, dove i bambini senza una casa e destinati a un futuro incerto, non ricevono solo cibo, un tetto e un letto sul quale dormire, ma anche un’educazione integrale ispirata ai valori cristiani. “Specialmente quelli dell’amore e della fratellanza universale”, spiega suor Vouakouanitou a Vatican News, che non nasconde le difficoltà nel nutrire e curare ogni giorno più di venti bambini di diverse età, provenienti da diverse situazioni di vita: “Orfani, abbandonati o con genitori con disturbi mentali”. Alcuni di questi, come detto, sono malati di falcemia, una forma di anemia curabile con i farmaci ma che, nei casi più gravi, necessita del trapianto di cellule staminali o di midollo osseo. Cure difficili in un Paese, dove, spiega la suora, le medicine sono generalmente importate e l’alto costo le rende inaccessibili. Al momento, suor Elise riceve aiuti dalla sua famiglia religiosa e sta collaborando con un’associazione italiana che la sostiene nell’opera di scolarizzazione e nelle cure mediche per i piccoli ospiti.

Con suor Elise collaborano diversi volontari, tra questi Immaculée, ragazza che in passato ha beneficiato dei servizi della casa e che da qualche anno ha scelto di lavorare come aiuto nell’orfanotrofio in segno di gratitudine. “Personalmente è una bella esperienza - ci racconta - aiuta a crescere, a conoscere meglio se stessi e gli altri, e soprattutto a stare e pregare insieme. Qui - racconta ancora la giovane - anche se non abbiamo legami di sangue, sento che è come se l’altro fosse mio padre, mia madre, mia sorella”. Perché il Foyer Nazareth è questo che è sempre voluto essere: “una casa” e “una famiglia” per chi ci abita e lavora, proprio come quella famiglia di Nazareth da cui ha preso il nome.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/10/2021
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giudici argentini: non c’è democrazia con la fame

In un videomessaggio, inviato a magistrati del Capitolo argentino , il Pontefice ricorda che la ricchezza nel mondo è sempre di più a vantaggio di pochi

Leggi tutto

Chiesa

Haiti: chiesto un riscatto per la liberazione dei missionari rapiti

17 milioni di dollari, questa la cifra chiesta dalla banda armata che ha sequestrato nei giorni scorsi un gruppo di missionari cristiani, compresi donne e bambini.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco commemora i fedeli defunti

Papa Francesco: mi viene in mente uno scritto, alla porta di un piccolo cimitero, al nord: “Tu che passi, pensa ai tuoi passi, e dei tuoi passi pensa all’ultimo passo”.

Leggi tutto

Società

Comece è necessario cambiare la finanza

“Servire il bene comune in tempi di cambiamento sistemico” è il documento sull’etica nel settore finanziario pubblicato dalla Comece, la Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione Europea

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano