Società

di Giuseppe Bruno

Forse la vera laicità potrebbe ancora salvare l’Italia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del pluralismo e delle diversità culturali». (Mario Draghi citando una sentenza della Corte costituzionale nel discorso del 26/06/’21). Non si può non essere d’accordo con questa frase che ristabilisce la logica e storica differenza tra “laicità” e “laicismo”. Differenza che purtroppo ormai da tempo sfugge a moti uomini politici della Sinistra e persino ai cattolici che li affiancano per disciplina di schieramento politico o per paura che vada al governo la Destra o aspettando i frutti di un dialogo che non arrivano e temiamo, visto come vanno le cose (cioè sempre peggio), non arriveranno mai. Questa frase di Draghi basterebbe a rifondare un vero schieramento “laico”, a cui potrebbe guardare con grande interesse anche un cattolico praticante impegnato a difendere non solo in ambito religioso – culturale - come fa indomitamente Papa Francesco e la Cei a seguire - ma anche in ambito politico i cosiddetti “Valori irrinunciabili”. «il nostro ordinamento contiene tutte le garanzie per assicurare che le leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il Concordato con la Chiesa. Vi sono i controlli di costituzionalità preventivi nelle competenti commissioni parlamentari: è di nuovo il Parlamento che, per primo, discute della costituzionalità, e poi ci sono i controlli successivi nella Corte costituzionale». Con questi altri concetti, giustissimi e correttissimi espressi dal Presidente Draghi nello stesso intervento, invece ci sarebbero alcune serie osservazioni da fare. Una prima domanda che avrebbe dovuto farsi, ma per correttezza istituzionale lo stesso Draghi non fece è la seguente: “Come mai, se ci sono tutti questi controlli, si è arrivati ad un passo dall’approvazione e se non fosse stato per le manovre politiche venute fuori nella maggioranza, il ddl Zan, oggetto del discorso riportato, sarebbe già legge?”. Una legge che sa - a detta di tanti esperti, ma anche di gente normale che ragiona e/o anche che si colloca politicamente a Sinistra - di forte incostituzionalità? Il problema è che, non dovrebbe essere così, ma anche in queste assise di controllo vige il discorso della maggioranza politica. Certo, non sappiamo, se una volta approvato il ddl in questione, la Corte costituzionale, ufficialmente sollecitata, lo avrebbe bocciato, o se, invece, in extremis, si sarebbe dovuto fare addirittura ricorso ad un referendum. Il discorso, grazie all’incomprensibile ostinazione di Letta, purtroppo, è ancora aperto. Comunque sappiamo che i controlli preventivi che ci sono stati non hanno controllato gran che, anche perché la Commissione costituzionale ad hoc esprime solo un parere e da dei consigli. Qualche tentativo di rendere la legge meno incostituzionale invero c’è stato, ma le scarne raccomandazioni della Commissione costituzionale hanno lasciato in sostanza invariato il succo della legge. E allora? Allora il problema è a monte. Evidentemente manca una cultura veramente laica nel nostro Paese: i politici che mandiamo al governo, specie quelli di sinistra, sono laicisti che pensano di essere laici. La laicità si è trasformata per la nostra Sinistra e per chi acriticamente la segue, in “laicismo”. “Il laicismo è l’atteggiamento di coloro che sostengono la necessità di escludere le dottrine religiose, e le istituzioni che se ne fanno interpreti, dal funzionamento della cosa pubblica in ogni sua articolazione” (Treccani). Ma questo atteggiamento, nato dal giusto principio laico e costituzionale che vuole la separazione tra Stato e Chiesa, per evitare qualsiasi forma di stato confessionale, applicato in modo acritico secondo una inveterata tradizione anticlericale dalla nostra Sinistra, volendo ridurre la religiosità ad un fatto privato, ha finito, proprio per questo, per chiudersi a qualsiasi teoria filosofica e politica che vada oltre l’orizzonte del contingente e del fenomenologico. Esso non può di conseguenza attingere a dei valori stabili che guidino la condotta degli uomini e delle società perché per definizione esso, essendo legato al contingente e al fenomenologico non può che attingere a valori contingenti e transeunti e non può neanche educare perché il progetto di uomo che dovrebbe promuovere è anch’esso contingente, instabile e transeunte. Finisce quindi, questo progetto, per essere una foto, anzi un fotogramma, una serie ininterrotta di fotogrammi che si susseguono, della società e dell’uomo che in quel preciso e transeunte momento storico si manifesta. È come la moda, infatti, come essa, il laicismo, oggi, è sempre attuale. Ma, cosa strana, la moda è guidata da ben precisi interessi economici per cui esso, il laicismo della nostra Sinistra, si presta alla fine ad essere uno dei migliori alleati se non l’alleato migliore del sistema economico che guida le sorti del mondo. Assieme ovviamente al liberismo puro che anche molti liberali confondono col liberalismo politico. Ma la laicità non gradisce gli “ismi”, che pretendono sempre di imporre agli altri il loro asfittico orizzonte, anzi in un certo senso li detesta perché la laicità si fonda su principi filosofici che spaziano nell’arco di due millenni e oltre, gli “ismi” invece tendono a ritagliarsi spazi a misura per loro in cui far entrare un pensiero che è stato sempre nel corso della storia della filosofia un pensiero di nicchia. E il relativismo o lo scetticismo, suo fratello di sangue, che sono alla base di tutti gli “ismi” - intendendo con questo suffisso il denominatore comune di tutte le “ideologie” nel senso della definizione marxiana del termine che nettamente le distingue dalle “idee” - si bocciano da soli da sempre, come giustamente metteva in evidenza lo stesso Platone. Essi non possono affermare nulla perché nel momento stesso in cui affermano qualcosa, per il loro stesso teorema di base, lo negano. Ma pure, tanto Socrate dovette faticare fino alla morte per contrastare la moda del suo tempo che procurava ai sofisti (relativisti e scettici di professione) lauti guadagni. E guarda caso con Socrate nacque la filosofia. Certo la laicità non è Platone, né Aristotele, né Cartesio o Kant o qualsiasi altro filosofo fino ai giorni nostri, ma è la libertà del pensiero, della ricerca, quindi il pieno rispetto del “pluralismo delle idee e delle diversità culturali” così come nella definizione riportata da Draghi. Qualcosa che fa a pugni con il laicismo dei nostri Progressisti. Ecco perché il fronte laico, che manca in Italia, nascendo potrebbe forse far riaffezionare gli astensionisti alla politica e finalmente far dialogare davvero e non per finta cattolici e laicisti, che però a questo punto diverrebbero finalmente laici. E chissà, questo nuovo fronte laico, forse potrebbe anche contribuire a tentare di salvare la nostra Italia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/10/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Con la Fedeli la notte è dopo gli esami

La scuola di Valeria Fedeli, la maturità di questo ministro che non l’ha mai dovuta affrontare, non possono essere celebrate, neanche con la consueta retorica del rito abituale di inizio estate. Tutti promossi equivale a nessun promosso, siamo dentro al blob che uniforma tutti per consegnarli alla mediocrità e all’impossibilità di competere, in un orizzonte avaloriale che purtroppo è quello dei sessantottardi tristi e delusi per il mancato compimento della loro sciatta rivoluzione. Non devono essere i nostri figli, però, a patire il cinismo derivato dalla loro disillusione. Mai come oggi diventa fondamentale la battaglia per la scuola libera, per il diritto della famiglia di scegliere in quale istituto formare i propri figli, perché il patto tra la famiglia e questa formula di scuola statale è saltato anche per il lassismo che ha caratterizzato l’attività dell’ultimo ministro della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica.

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Politica

DOCUMENTO FINALE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PDF

È stata ribadita l’appartenenza al solco del popolarismo italiano ed europeo, è stata data indicazione di dieci obiettivi precisi come progetto programmatico del PdF, è stato confermato l’orizzonte di forza politica autonoma di governo alternativa a Pd e M5S, con la priorità di crescere per numero di eletti nelle amministrazioni locali anche stringendo intese con altre forze sempre salvaguardando identità e visibilità del simbolo

Leggi tutto

Politica

L’unica soluzione

Il reddito di maternità è l’unica soluzione possibile alla principale tragedia italiana che è la denatalità, che una classe politica miope non riesce a inquadrare, ma che travolgerà l’intero sistema di welfare del Paese. Devono immediatamente tornare a nascere centinaia di migliaia di figli e questo avverrà solo con il reddito di maternità. Il 9 novembre 2018 il Popolo della Famiglia spiazzò l’intero mondo della politica presentando questa proposta di legge composta da un solo articolo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano