Politica

di Roberto Signori

L’Europarlamento condanna il tribunale costituzionale polacco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una risoluzione approvata con 502 voti favorevoli, 153 contrari e 16 astensioni, gli eurodeputati hanno sottolineato che il Tribunale costituzionale polacco manca di validità giuridica e indipendenza ed è privo di qualifiche per interpretare la costituzione del paese. Dopo l’acceso dibattito in plenaria di martedì alla presenza del primo ministro polacco e della presidente della Commissione Ursula von der Leyen, il Parlamento “deplora profondamente” la decisione del 7 ottobre 2021 “in quanto attacco alla comunità europea di valori e leggi nel suo complesso” e afferma che il Tribunale è stato trasformato “in uno strumento per legalizzare le attività illegali delle autorità”.

Nel testo, il Parlamento plaude alle decine di migliaia di manifestanti che sono scesi in piazza in proteste di massa pacifiche contro la decisione del Tribunale e per il loro desiderio di una Polonia democratica forte al centro del progetto europeo. I deputati ribadiscono il loro sostegno ai giudici polacchi che applicano ancora il primato del diritto dell’UE e che deferiscono i casi alla Corte di giustizia europea, nonostante il rischio per la loro carriera.
I deputati sottolineano che, secondo la costituzione della Polonia, i trattati UE devono essere direttamente applicati nell’ordinamento giuridico interno e prevalgono in caso di conflitto di leggi. Accusano il primo ministro polacco di “utilizzare indebitamente il potere giudiziario come strumento per realizzare la propria agenda politica” e affermano che la Polonia si è volontariamente impegnata a essere vincolata alle disposizioni dei trattati istitutivi e alla giurisprudenza della Corte di giustizia europea.

Ripristinare lo Stato di diritto senza danneggiare i cittadini

Il Parlamento chiede dunque che il denaro dei contribuenti dell’UE non venga concesso ai governi che “in modo flagrante, mirato e sistematico” minano i valori europei, e chiede a Commissione e Consiglio di intraprendere azioni urgenti e coordinate: avviare procedure di infrazione e chiedendo misure provvisorie da parte della Corte di giustizia dell’UE; avviare il regolamento sulla condizionalità dello Stato di diritto; astenersi dall’approvare il progetto del Piano polacco di ripresa; dichiarare che esiste un evidente rischio di violazione grave dello Stato di diritto da parte della Polonia, ai sensi dell’articolo 7, paragrafo 1, del Trattato sull’Unione europea; interrompere o sospendere i pagamenti, dato il rischio di gravi carenze nei sistemi di controllo; e discutere la crisi dello Stato di diritto in Polonia nel corso del Consiglio europeo del 21-22 ottobre, ed emanare una dichiarazione comune sulla questione nei termini più forti possibili, firmata dai capi di stato e di governo dell’UE.

Tali richieste non sono intese come misure punitive nei confronti del popolo polacco, bensì come mezzi per ripristinare lo Stato di diritto alla luce del suo continuo deterioramento, sottolineano i deputati. Inoltre, i deputati chiedono alla Commissione di stabilire le modalità che consentano ai finanziamenti di raggiungere i loro beneficiari finali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/10/2021
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per Sicilia e Sardegna. Di Matteo: “Portare la famiglia in Europa come elemento propulsore per la rinascita economica, sociale ed umana”

Leggi tutto

Politica

Consiglio d’Europa: nuove misure contro l’ipersessualizzazione dei minori

Il Consiglio d’Europa ha proposto misure per combattere la pornografia. Una risoluzione del Consiglio dei 47 paesi europei, raccomanda di concentrarsi sull’educazione sessuale, la protezione e la sicurezza online tramite l’adozione di regolamentazioni forti e mirate.

Leggi tutto

Società

Adolescenti tra fumo analogico ed elettronico

Uno studio dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr mappa le abitudini degli adolescenti in Europa tra sigarette convenzionali ed e-cig, rivelando che le politiche di controllo dell’uso di tabacco contribuiscono a prevenire lo svapo, oltre che il fumo tradizionale.

Leggi tutto

Politica

Vaccini COVID-19: il Parlamento europeo chiede politiche più trasparenti

In una risoluzione adottata con 458 voti favorevoli, 149 contrari e 86 astensioni, il Parlamento europeo ha chiesto una legislazione per rendere più trasparente il processo di ricerca, acquisto e distribuzione dei vaccini contro il COVID-19. Ciò consentirebbe ai deputati di verificare in maniera più efficace le politiche UE sui vaccini. Allo stesso tempo, la Commissione dovrebbe discutere di queste politiche più apertamente con i cittadini.

Leggi tutto

Chiesa

Comece: no al diritto all’aborto nella Carta UE

“Profonda preoccupazione e opposizione”: sono le parole che la presidenza della Comece, Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, esprime a fronte del discorso del presidente Emmanuel Macron al Parlamento europeo il 19 gennaio scorso che proponeva di aggiornare la Carta europea dei diritti fondamentali per includere il riconoscimento di un diritto all’aborto.

Leggi tutto

Chiesa

La beatificazione di padre Macha, testimone della fede eroica

Il nuovo Beato nasce nel 1914 in un piccolo paese, all’interno di una famiglia piena d’amore, riflesso dell’amore di Cristo per l’uomo. Il piccolo Hanik respira così, fin da subito, il significato del preoccuparsi per il prossimo, del prendersi cura l’uno dell’altro e gli verrà naturale svolgere nello stesso modo il suo ministero da sacerdote:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano