Politica

di Nicola Di Matteo

Di Matteo (PdF):  “A Padova. Spaccio e degrado infiniti”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«C’è voluta l’inchiesta ed il report pubblicato nei giorni scorsi da Il Sole 24ore, per certificare quello che è sotto gli occhi di tutti a Padova. Spaccio e degrado a tutte le ore del giorno e della notte, ma “qualcuno” a Palazzo Moroni ha sempre e solo parlato di errata percezione da parte dei cittadini perché sono sufficienti quattro lampioni in più e qualche videocamera di sorveglianza per arginare il problema della droga in città». Lo afferma in una nota diffusa dal Circolo di Padova del PdF, il vicepresidente e coordinatore nazionale Nicola Di Matteo offrendo un punto di vista estremamente critico nei confronti di una maggioranza al governo della città che troppe volte si è dimostrata più attenta alle esigenze di arcobaleni e unicorni colorati, trascurando i veri problemi della sicurezza e del degrado in città. «Abbiamo per anni alzato la voce contro le colonie del male che imperversano in città e siamo ancora oggi inascoltati testimoni di una situazione che attraversa le nostre strade in un percorso di piano inclinato, che nessuno vuole cogliere nella sua gravità». Ha proseguito Giampaolo Furlan, presidente del Circolo di Padova del PdF «Basterebbe farsi un giro nei servizi che si occupano di dipendenze, dove giornalmente transitano famiglie distrutte e ragazzi sempre più giovani in situazioni disperate, per capire e toccare con mano la situazione della diffusione della droga a Padova. Per questo» conclude il comunicato del PdF Padova «occorre una riflessione di quanti hanno a cuore il futuro della città, e dei giovani che ne riempiono strade e piazze. E ci perdonerete se non ci convincono nemmeno le parole dell’assessore alla sicurezza Bonavina, che commenta l’alto numero di reati connessi alla droga mettendolo in relazione con l’efficacia e la numerosità dei controlli effettuati dalle forze dell’ordine. Ci sono zone in città ben note a tutti dove lo spaccio è evidente e continuo, e dove vige una illegalità tollerata e gestita da immigrazione clandestina e mafie. Diamo un consiglio al sig. Sindaco Giordani: indossi la fascia da sindaco e si rechi nei luoghi di spaccio, magari di notte, testimoniando con la propria presenza l’intenzione di combattere e sconfiggere questi luoghi dove si vende morte. Perché il tempo è galantuomo, e le elezioni si avvicinano».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Storie

Sangue italiano sparso sulle strade del Congo

Attanasio, 44 anni da compiere a maggio, era a Kinshasa dal 2017. Quattro mesi fa aveva vinto il Premio Nassiriya per la pace “per aver contribuito alla realizzazione di progetti umanitari distinguendosi per l’altruismo a sostegno delle persone in difficoltà.

Leggi tutto

Politica

Senza fallimento non si può vincere

Vince il sì al referendum sulla legalizzazione dell’aborto a San Marino. Secondo la tv locale Rtv, con 35 seggi scrutinati su un totale di 37, i sì arrivano al 77.31%, contro il 22,69% che si è espresso contro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano