Politica

di Nicola Di Matteo

Di Matteo (PdF):  “A Padova. Spaccio e degrado infiniti”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«C’è voluta l’inchiesta ed il report pubblicato nei giorni scorsi da Il Sole 24ore, per certificare quello che è sotto gli occhi di tutti a Padova. Spaccio e degrado a tutte le ore del giorno e della notte, ma “qualcuno” a Palazzo Moroni ha sempre e solo parlato di errata percezione da parte dei cittadini perché sono sufficienti quattro lampioni in più e qualche videocamera di sorveglianza per arginare il problema della droga in città». Lo afferma in una nota diffusa dal Circolo di Padova del PdF, il vicepresidente e coordinatore nazionale Nicola Di Matteo offrendo un punto di vista estremamente critico nei confronti di una maggioranza al governo della città che troppe volte si è dimostrata più attenta alle esigenze di arcobaleni e unicorni colorati, trascurando i veri problemi della sicurezza e del degrado in città. «Abbiamo per anni alzato la voce contro le colonie del male che imperversano in città e siamo ancora oggi inascoltati testimoni di una situazione che attraversa le nostre strade in un percorso di piano inclinato, che nessuno vuole cogliere nella sua gravità». Ha proseguito Giampaolo Furlan, presidente del Circolo di Padova del PdF «Basterebbe farsi un giro nei servizi che si occupano di dipendenze, dove giornalmente transitano famiglie distrutte e ragazzi sempre più giovani in situazioni disperate, per capire e toccare con mano la situazione della diffusione della droga a Padova. Per questo» conclude il comunicato del PdF Padova «occorre una riflessione di quanti hanno a cuore il futuro della città, e dei giovani che ne riempiono strade e piazze. E ci perdonerete se non ci convincono nemmeno le parole dell’assessore alla sicurezza Bonavina, che commenta l’alto numero di reati connessi alla droga mettendolo in relazione con l’efficacia e la numerosità dei controlli effettuati dalle forze dell’ordine. Ci sono zone in città ben note a tutti dove lo spaccio è evidente e continuo, e dove vige una illegalità tollerata e gestita da immigrazione clandestina e mafie. Diamo un consiglio al sig. Sindaco Giordani: indossi la fascia da sindaco e si rechi nei luoghi di spaccio, magari di notte, testimoniando con la propria presenza l’intenzione di combattere e sconfiggere questi luoghi dove si vende morte. Perché il tempo è galantuomo, e le elezioni si avvicinano».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2021
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Società

TRE CIFRE, TRE LETTERE, FORSE UNO SPIRAGLIO ?

C’è un sistema fatto di persone che hanno dimenticato la civiltà e il senso dell’umano, c’è un insieme di funzioni, di uffici, di scrivanie popolati dal genere umano che di umano pare avere ben poco in particolar modo se l’umano da “trattare” è l’infanzia, l’infanzia in senso lato.
Pensiamo a come ogni tassello sia al suo posto e a come il valore più importante quale il tempo venga dilatato e reso “biblico”… i giorni i mesi e gli anni si sommano ora dopo ora,  i figli sono strappati dilaniati psichiatrizzati psicologizzati nel tentativo di cancellare colei che ha donato loro la vita.

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

Politica

Usa, il Ministero della Giustizia scende in campo contro la legge del Texas sull’aborto

Il Dipartimento di Giustizia americano presenta una mozione di emergenza per bloccare temporaneamente la legge sull’aborto del Texas, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo sei settimane. Il ministro della Giustizia Merrick Garland aveva annunciato che il Dipartimento avrebbe presentato un’azione legale contro una legge definita “chiaramente incostituzionale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano