Storie

di Roberto Signori

Copasir: pericolo radicalizzazione islamica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Copasir - Il rischio di fenomeni di radicalizzazione jihadista c’è ed è tangibile anche in Italia. Lo ricorda, nero su bianco, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica chiedendo al più presto un intervento legislativo non più rimandabile. Nella relazione approvata oggi, il Copasir mette in evidenza un fenomeno che continua a trovare terreno fertile sul web, nelle carceri e nei luoghi di aggregazione islamici. Ma, oltre alla repressione, l’organismo parlamentare invita a utilizzare anche strumenti di prevenzione e cooperazione, auspicando che - così come avviene già per il reato di pedopornografia - possa essere punita non solo la diffusione di materiale di propaganda ma anche la sua detenzione.

Nell’ultimo anno in Italia, stando ai dati del Viminale citati dal documento, sono state espulse 71 persone, mentre 144 foreign fighters sono monitorati dalle forze di sicurezza. Nelle carceri, invece, ci sono 313 detenuti sottoposti a monitoraggio suddivisi in tre livelli di attenzione in base alla pericolosità di radicalizzazione: “142 sono classificati di livello alto - si legge nella relazione -, 89 di livello medio e 82 di livello basso. Tra questi detenuti le nazionalità maggiormente rappresentate sono l’algerina, 27,16%, e la marocchina, 25,88%”.

“L’ambiente carcerario - sottolinea il Comitato - rimane un contesto delicato in cui il processo di radicalizzazione può accelerare o partire da zero per i soggetti sensibili così come alcuni luoghi di aggregazione islamici in cui soggetti radicali fanno opera di proselitismo e indottrinamento”.

Sotto stretta osservazione anche internet e i social network, luoghi “in cui avviene buona parte del proselitismo e della radicalizzazione dei soggetti a rischio”. “Nel web, con uno sforzo di coordinamento tra i vari operatori - ancora un passaggio della relazione -, è necessario intercettare i crogiuoli della propaganda e intervenire fermamente là dove il processo di radicalizzazione dei singoli è in corso o è avvenuto”.

Tra gli strumenti proposti per contrastare il diffondersi della propaganda in Rete, il Copasir propone di adottare “programmi utili a contrastare l’indottrinamento che si diffonde prevalentemente nel deep e dark web attraverso la narrativa di influencer, di imam radicali, di lone actor, veri e propri propugnatori di odio verso l’Occidente”.

E, proprio davanti al rischio di “fenomeni violenti” che potrebbero amplificarsi anche in seguito alla crisi in Afghanistan, il Copasir “segnala l’esigenza urgente e non più dilazionabile di un intervento legislativo che, anche tenuto conto delle varie iniziative richiamate in precedenza e in analogia a quanto accaduto in altri ordinamenti europei, doti il nostro Paese di una disciplina idonea a contrastare in modo più incisivo il crescente fenomeno della radicalizzazione di matrice jihadista”.

La deradicalizzazione, entra a pieno titolo tra le politiche antiterrorismo. “Rappresenta - concludono i parlamentari - un vero e proprio strumento securitario di controllo e di riduzione della minaccia eversiva e del reclutamento di cittadini europei da parte di organizzazioni terroristiche”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2021
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Storie

Migranti: da inizio anno sbarcate 29.369 persone sulle nostre coste

Sono finora 29.369 le persone migranti sbarcate sulle coste da inizio anno. Nello stesso periodo, lo scorso anno furono 21.739 mentre nel 2020 furono 7.314. Il dato è stato diffuso dal ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di ieri mattina.

Leggi tutto

Storie

Tutte le strade migranti portano a Roma

L’Istituto di studi sul Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismed) presenta il volume “Le strade per Roma. Rapporto 2021 sulle migrazioni interne in Italia”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’integrazione scolastica

Il Papa riceve i partecipanti al convegno “Iniziative nell’educazione dei rifugiati e dei migranti”, concluso alla Gregoriana

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Storie

Congo - Catturato importante jihadista straniero nell’est della RDC

Congo - “Abbiamo appreso con grande interesse la notizia della cattura, il 29 gennaio, da parte delle Forze Armate della RDC, del terrorista islamista Salim Mohamed

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano