Storie

di Roberto Signori

Copasir: pericolo radicalizzazione islamica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Copasir - Il rischio di fenomeni di radicalizzazione jihadista c’è ed è tangibile anche in Italia. Lo ricorda, nero su bianco, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica chiedendo al più presto un intervento legislativo non più rimandabile. Nella relazione approvata oggi, il Copasir mette in evidenza un fenomeno che continua a trovare terreno fertile sul web, nelle carceri e nei luoghi di aggregazione islamici. Ma, oltre alla repressione, l’organismo parlamentare invita a utilizzare anche strumenti di prevenzione e cooperazione, auspicando che - così come avviene già per il reato di pedopornografia - possa essere punita non solo la diffusione di materiale di propaganda ma anche la sua detenzione.

Nell’ultimo anno in Italia, stando ai dati del Viminale citati dal documento, sono state espulse 71 persone, mentre 144 foreign fighters sono monitorati dalle forze di sicurezza. Nelle carceri, invece, ci sono 313 detenuti sottoposti a monitoraggio suddivisi in tre livelli di attenzione in base alla pericolosità di radicalizzazione: “142 sono classificati di livello alto - si legge nella relazione -, 89 di livello medio e 82 di livello basso. Tra questi detenuti le nazionalità maggiormente rappresentate sono l’algerina, 27,16%, e la marocchina, 25,88%”.

“L’ambiente carcerario - sottolinea il Comitato - rimane un contesto delicato in cui il processo di radicalizzazione può accelerare o partire da zero per i soggetti sensibili così come alcuni luoghi di aggregazione islamici in cui soggetti radicali fanno opera di proselitismo e indottrinamento”.

Sotto stretta osservazione anche internet e i social network, luoghi “in cui avviene buona parte del proselitismo e della radicalizzazione dei soggetti a rischio”. “Nel web, con uno sforzo di coordinamento tra i vari operatori - ancora un passaggio della relazione -, è necessario intercettare i crogiuoli della propaganda e intervenire fermamente là dove il processo di radicalizzazione dei singoli è in corso o è avvenuto”.

Tra gli strumenti proposti per contrastare il diffondersi della propaganda in Rete, il Copasir propone di adottare “programmi utili a contrastare l’indottrinamento che si diffonde prevalentemente nel deep e dark web attraverso la narrativa di influencer, di imam radicali, di lone actor, veri e propri propugnatori di odio verso l’Occidente”.

E, proprio davanti al rischio di “fenomeni violenti” che potrebbero amplificarsi anche in seguito alla crisi in Afghanistan, il Copasir “segnala l’esigenza urgente e non più dilazionabile di un intervento legislativo che, anche tenuto conto delle varie iniziative richiamate in precedenza e in analogia a quanto accaduto in altri ordinamenti europei, doti il nostro Paese di una disciplina idonea a contrastare in modo più incisivo il crescente fenomeno della radicalizzazione di matrice jihadista”.

La deradicalizzazione, entra a pieno titolo tra le politiche antiterrorismo. “Rappresenta - concludono i parlamentari - un vero e proprio strumento securitario di controllo e di riduzione della minaccia eversiva e del reclutamento di cittadini europei da parte di organizzazioni terroristiche”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La via stretta tra fatalismo e interventismo

Dopo il massacro di cristiani in Kenya e le parole forti di Papa Francesco, ora la parola è alla comunità internazionale. Ma scegliere la strada giusta è una sfida che riguarda prima di tutto la Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il bello dell’ascoltare

Messaggio di Francesco per la 56.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali: “Tanta sfiducia verso l’informazione ufficiale ha causato anche una ‘infodemia’, dentro la quale si fatica a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione”.

Leggi tutto

Storie

I migranti e le scarpe sgradite

I migranti rifiutano le scarpe della Croce Rossa

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Falso caso di blasfemia

Rehmat Masih è in carcere da 5 mesi e la famiglia minacciata. Aveva rifiutato di convertirsi all’islam.

Leggi tutto

Politica

SE NON AVESSI INCONTRATO GESÙ SAREI STATO ANARCHICO

Amava ripetere queste parole Don Luigi Giussani, l’uomo che con il suo sguardo riaprì la ferita della fede e mi riportò ben vent’anni fa a vivere la politica come vocazione cristiana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano