Storie

di Raffaele Dicembrino

Ecco la pillola anti Covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una pillola che si può prendere a casa, ai primi sintomi della malattia. E che potrebbe dare la svolta decisiva a una campagna vaccinale ormai stagnante da settimane: l’obiettivo del 90% di popolazione immunizzata con due dosi è ancora lontano. Di certo è molto più semplice ingoiare una capsula che superare l’avversione per gli aghi e le battaglie per la libertà ed i diritti sanciti dalla Costituzione.

Per questo la comunità scientifica internazionale guarda con molto interesse all’antivirale prodotto dalla casa farmaceutica Merck e in collaborazione con la Ridgeback Biotherapeutics, entrambe americane, la prima con base in New Jersey, la seconda in Florida. Il prodotto da assumere per via orale - per ora sperimentato solo su adulti - si chiama Molnupiravir. Le stesse aziende produttrici hanno annunciato ieri che l’Ema - l’Agenzia europea del farmaco - ha avviato l’esame dei dati sull’antivirale. Se sarà concessa l’autorizzazione all’immissione in commercio dalla Commissione europea, il Molnupiravir potrebbe essere la prima pillola per il trattamento del Covid-19 nell’Unione europea.

Il colosso farmaceutico ha presentato una richiesta di autorizzazione alla Fda americana, all’Ema e ad altre agenzie di regolamentazione in tutto il mondo sulla base dei risultati positivi di un’analisi provvisoria dello studio clinico di fase 3, che ha valutato il Molnupiravir in pazienti adulti non ospedalizzati con Covid-19 con sintomi da lieve a moderato e che erano a maggior rischio di progressione a Covid grave e/o ricovero. Dall’analisi si è evidenziato che il Molnupiravir somministrato due volte al giorno ha ridotto il rischio di ospedalizzazione o morte di circa il 50%. In attesa della potenziale autorizzazione, l’azienda prevede di produrre 10 milioni di cicli di trattamento entro la fine del 2021, ed ulteriori nel 2022.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2021
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Amoris lætitia tra Fellay e Melloni: letture ed errori

Come era destino, l’Esortazione apostolica che chiude i due anni di lavori sinodali sul tema della famiglia nella Chiesa continua a far discutere. Era inevitabile, è anzi fisiologico: osservando le reazioni opposte abbiamo il polso delle polarizzazioni nella Chiesa, e questo ci testimonia la forza (e la debolezza?) di un grembo ecclesiale che sa con-tenere posizioni inconciliabili, almeno sulla carta

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Media

CNR - CONTAGIO IN ARIA INDOOR: QUASI AZZERATO DALLE NORME

Mensa, parrucchiere, centri commerciali. Venezia-Mestre, Bologna, Lecce. Con mascherina, distanziamento e ricambio d’aria, nei luoghi pubblici al chiuso il rischio di trasmissione in aria del Sars-Cov-2 è risultato inferiore al minimo rilevabile. Lo evidenzia uno studio condotto per la prima volta in Italia, dagli Istituti di Scienze dell’atmosfera e del clima e di Scienze polari del Cnr, Università Ca’ Foscari Venezia e Istituto Zooprofilattico sperimentale della Puglia e della Basilicata, pubblicato su Environmental Science and Pollution Research.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano