Politica

di Mario Adinolfi

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Abbiamo vinto. E ora? Ora proviamo a capire perché, a fronte di uno schieramento che pareva unanime a favore di una legge, un’azione di resistenza a quella stessa legge ha finito per prevalere. Avevo anche tra i più prossimi persone che mi dicevano, mentre io ripetevo che avremmo vinto noi e che il ddl Zan era morto il giorno in cui è crollato il Conte 2, che mi sbagliavo e la legge sarebbe stata approvata. Quali erano i fattori che mi rendevano certo della vittoria, tanto da annunciarla con mesi di anticipo anche in tv (a Luxuria: “Ma ancora non l’hai capito che è finita?”) nonostante i segnali dei media mainstream fossero tutti a favore dell’approvazione del ddl Zan? Cosa abbiamo fatto per vincere? È uno schema replicabile in altre battaglie?

Ci sono cinque atti che hanno condotto alla vittoria sul ddl Zan e che sono assolutamente riproducibili in ogni battaglia pur difficile che si voglia provare a vincere anche se si parte apparentemente sconfitti. Li elenco.

1. COMPRENDERE I TERMINI GIURIDICI DELLA QUESTIONE

Il ddl Zan è stato raccontato dai media come “la legge contro l’omotransfobia”. In realtà il testo legislativo non prevedeva vere sanzioni aggiuntive per atti violenti contro gay e trans, ma era evidentemente finalizzato a conquistare tre obiettivi: avere in un testo di legge la definizione di identità di genere e di come essa fosse agevolmente modificabile; porre gli avversari della piattaforma Lgbt sotto la spada di Damocle della galera con la qualifica di omofobi istigatori di odio; entrare nelle scuole con la propaganda gender. Per ottenere questi tre obiettivi sono stati scritti gli articoli 1, 4 e 7. Chiunque leggesse con attenzione la legge di Zan se ne rendeva immediatamente conto. Molti aspiranti oppositori del ddl Zan non lo avevano mai letto. Male.

2. MODULARE UNA OPPOSIZIONE ANCHE MEDIATICA

Una volta preso atto delle falle giuridiche del provvedimento a cui opporsi occorre costruire una dimensione mediatica di tale opposizione, non ci si può limitare a qualche articolo è un po’ di convegnistica. Bisogna rappresentarsi televisivamente come interlocutori opposti alla macchina spesso devastante dei proponenti, senza il timore di essere derisi o duramente attaccati. È il prezzo da pagare per una battaglia di opposizione al mainstream e nelle fasi più acute il prezzo della derisione potrà apparire difficile da sostenere. Ma quella determinazione sarà il primo elemento attrattivo che allargherà il numero dei resistenti.

3. AMPLIARE IL FRONTE

Le battaglie contro il politicamente corretto non si possono vincere da soli. Specie se l’avversario, come nel caso del ddl Zan, ha sostenitori in tutti i centri nevralgici del potere dal Parlamento agli influencers a tutte le televisioni e ovviamente ai giornali. Bisogna costruire un fronte unico tra simili, non disperdere le energie dividendosi e poi ampliarlo questo fronte, cercando personalità influenti che (anche nella riservatezza) possano comprendere le ragioni profonde giuridiche, culturali, storiche, religiose, politiche di una battaglia.

4. ROMPERE LA COMPATTEZZA AVVERSARIA

Sul ddl Zan come su altre operazioni similari i proponenti tendono a occupare la scena mostrando una granitica compattezza. Studiando bene però gli avversari non è mai difficile riscontrare crepe e dissensi. Nel caso del ddl Zan gli oppositori più feroci militavano a sinistra, dalle femministe ai comunisti di Rizzo, dall’ex presidente di Arcigay Aurelio Mancuso a Platinette fino a tutta Arcilesbica. Quando poi il governatore del Pd della Campania, Vincenzo De Luca, peraltro di formazione comunista e platealmente ateo, alla festa dell’Unità questa estate ha attaccato ferocemente il ddl Zan è stato chiarissimo che l’esito parlamentare del provvedimento era segnato. Se lo sarebbero affondato da soli. Così è andata.

5. STRUTTURARE UN’ORGANIZZAZIONE

Racconta Lech Walesa che Solidarnosc vinse perché dopo trent’anni di impossibilità riuscì a dare un’organizzazione a chi si opponeva al regime comunista, per le ragioni più varie ma con un mastice unitario che fu la Fede. Quando l’organizzazione strutturata capì di avere un’adesione assai maggiore a quella apparente al comunismo di regime, bastò spingere e il regime crollò. Sul ddl Zan hanno raccontato fin dal giorno in cui hanno depositato la legge quasi quattro anni fa che l’Italia era con loro. Errore. Hanno confuso la loro Italia con l’Italia tutta intera. La loro Italia di attrici, cantanti, registi, alessandremussolini, selvaggelucarelli, architetti e giornalisti è l’Italia del demi monde dell’apericena in terrazzo, ma il Paese è un altro e vibra per altro, ha bisogno di altro che di leggi per falsi diritti civili mentre vengono scippati i veri diritti sociali. Organizzare la resistenza alla loro Italia, per batterli ogni volta, è compito non solo doveroso ma anche divertente.

Appuntamento alla prossima battaglia, da affrontare con questi cinque atti da mettere in scena. Si tratterà di fermare in Corte Costituzionale il referendum imbroglio sulla depenalizzazione dell’omicidio di consenziente, venduto truffaldinamente agli italiani come referendum sulla “eutanasia legale”. Entro gennaio 2022 dovremo spiegare perché il quesito è irricevibile. Vinceremo ancora.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/10/2021
3101/2023
San Giovanni Bosco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Storie

Il centenario di Fatima ed il PDF

Suor Lucia, la più longeva dei tre pastorelli che cent’anni fa videro la Vergine, scrisse al cardinale Carlo Caffarra che «lo scontro finale tra il Signore e il regno di Satana sarà sulla famiglia e sul matrimonio». Questo è il punto decisivo, spiegava la venerabile. Il Popolo della Famiglia no

Leggi tutto

Società

Il triste contabile

Chi ha letto O capiamo o moriamo conosce il lavoro da triste contabile che ho compiuto nell’undicesimo capitolo, intitolato “Il secolo del fondamentalismo islamico”. Si tratta del capitolo più lungo, 23 pagine, perché ho messo in fila uno per uno tutti gli attentati di matrice islamica compiuti con spargimento di sangue dall’11 settembre 2001 a oggi. Dal World Trade Center siamo partiti, al World Trade Center siamo tornati sedici anni dopo. Nel mezzo, una scia interminabile di morte e di dolore e di paura a cui abbiamo reagito nella maniera peggiore possibile: con l’assuefazione.

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano