Politica

di Giuseppe Bruno

Perchè Letta ha perso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Già la manfrina sull’ingerenza della Chiesa è iniziata, ma ricordare ai politici cristiani che dovrebbero, se sono cristiani convinti, rispettare il Magistero della Chiesa è il minimo che possa fare la Chiesa, per giunta in modo indiretto come ha fatto, in campo politico; direi che è quasi un suo dovere di chiarezza nella trasmissione del messaggio evangelico specie quando molti cristiani in politica mostrano di non conoscere o sottovalutare il profondo lavoro che sottende ai documenti della Chiesa. Ma a prescindere da ciò mi vergognerei un po’ del laico Parlamento italiano se fosse stato solo per il voto dei politici cattolici che il DDL Zan sia stato bloccato. Ma ho fondate speranze di credere che un non indifferente (se pur piccolo) numero di laici ha preferito fermare un disegno che aveva tutto il sapore di un vero e proprio attentato alla Costituzione. Se poi dovessi scegliere fra le frasi senza senso dette per l’occasione, dai politici sconfitti non avrei esitazione a scegliere, non tanto quella comprensibile per un laicista come Zan, ma quella di uno che dovrebbe aver fama di laico, essendo (o essendo stato?) cofondatore e direttore di una alta scuola di formazione in Francia; mi riferisco a Letta e al suo più stretto entourage. La frase è “Hanno voluto fermare il futuro. Hanno voluto riportare l’Italia indietro. Sì, oggi hanno vinto loro e i loro inguacchi, al Senato. Ma il Paese è da un’altra parte. E presto si vedrà”. La frase, senza senso per un laico, risulta, però, grave per un politico perché tradisce tutto l’errore di fondo portato ostinatamente avanti da Letta e company riguardo al DDl Zan. Si. Innanzitutto l’idea che il DDL - forse neanche letto seriamente o letto con enormi paraocchi - fosse in linea evolutiva con le leggi che hanno fatto andare avanti, secondo loro, in questo ultimo mezzo secolo il Popolo italiano, per intenderci : divorzio, aborto e anche unioni civili. Era facile invece vedere come questo DDL fosse su tutt’altra linea; e che politici “maturi” come dovrebbero essere Letta e company non se ne siano accorti è un fatto molto grave e tradisce una superficiale e totalmente acritica acquiescenza verso modelli pseudoculturali provenienti da Oltralpe. Quelle leggi che hanno fatto fare, sempre secondo loro, storici passi avanti all’Italia proclamavano diritti e basta, non sancivano pene. Infatti chi era contrario al divorzio, all’aborto o alle unioni civili una volta approvate quelle leggi ha potuto continuare tranquillamente ad esserlo e a manifestare pubblicamente il suo pensiero senza rischiare assolutamente nulla in termini di provvedimenti penali. Viceversa il ddl Zan nel suo stesso incipit, ma anche nel suo corpo chiede una adesione ad un credo, quello dell’identità di genere, che se uno non ce l’ha e per sbaglio lo dice espressamente, rischia di doversi come minimo presentare in giudizio, difendersi, pagare avvocati ecc. sperando, trovato il giudice giusto, cosa per niente scontata, di potersela cavare solo così. Tempo, soldi, posto di lavoro, carriera, consensi sociali risentendone con ampia varietà a seconda delle situazioni in cui ci si trova. E insistere sulla “graziosa concessione” dell’art.4 (“….. sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte….”) senza specificare chi, come e in che modo o misura, se non un qualsiasi giudice in un qualsivoglia processo, “le faccia salve”, per giunta in uno Stato retto da una Costituzione che garantisce a tutti la libertà di espressione; insistere su questo, per dire che in questo modo si è garantita tale libertà, dimostra il non avere neanche percepito l’enorme salto di qualità in senso negativo che questo DDL faceva fare nel campo dei diritti di tutti, ben diversamente dalle leggi bandiera dei “progressisti” su citate. Insomma salvaguardare a tutti i costi solo i diritti degli LGBT a scapito di quelli di tutti gli altri non ha niente a che vedere con i passi in avanti del nostro Paese verso la civiltà, anzi è l’esatto contrario. Grazie a Dio, suonando e risuonando la tromba la coscienza civica degli italiani s’è svegliata ed è riuscita a svegliare la maggior parte dei Senatori. Altri ancora dormono cullati, come i compagni di Ulisse, dalle Sirene d’oltralpe del momento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/10/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Aborto, lo scandalo innominabile

L’orrore di Planned Parenthood, con i nuovi video ora anche sottotiolati in italiano, dei bambini venduti a pezzi è un tabù dell’informazione italiana

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Politica

Ddl Zan: scintille nella riunione dei capigruppo di maggioranza

Scintille in commissione giustizia del Senato dove si sono riuniti i capigruppo di maggioranza di palazzo Madama sul ddl Zan. Assenti Leu e il Movimento cinque stelle.

Leggi tutto

Politica

Fondi italiani per la Francia?

Che cosa ha deciso il Comint (Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio) sui fondi del Pnrr?. L’Agenzia spaziale europea (Esa) gestirà 1,3 miliardi di euro di fondi del Pnrr per lo spazio destinati all’Italia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano