Storie

di Roberto Signori

Allah akbar”. Poi le coltellate ai passanti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Piacenza un egiziano (clandestino) di 32 anni, Hissam Habdul Mahmud, ha seminato il panico in città brandendo un coltello al grido di “Allah akbar”. I fatti si sono svolti in pieno centro cittadino e il responsabile è un uomo già noto alle forze dell’ordine. “Pochi giorni fa infatti, il 27 ottobre, era già stato arrestato in via Manzoni alla Farnesiana dopo aver aggredito la polizia e danneggiato auto in sosta”.

In quel momento, nonostante fossero ormai le due del mattino, nel centro storico di Piacenza si trovavano molti giovani che, approfittando della serata di festa, passeggiavano per la città travestiti con i classici abiti horror di Halloween. Sono state numerose, infatti, le feste a tema organizzate a Piacenza, che hanno richiamato giovani da più parti della provincia. Ad accorgersi dell’uomo è stata una volante della polizia, che ha notato un atteggiamento sospetto nel giovane egiziano. Fermato per il riconoscimento da parte degli agenti, l’egiziano ha estratto un coltello e ha iniziato a urlare “Allah akbar” a ripetizione.

Immediata la richiesta di rinforzi da parte degli uomini della volante, che hanno cercato di placare l’uomo ma senza successo. La colluttazione è poi arrivata in piazza, generando un fuggi fuggi generale da parte degli avventori dei bar che, notando l’arma, hanno deciso di scappare. L’egiziano ha cercato di lanciare i tavolini per tenere lontani gli agenti, che ormai avevano ottenuto rinforzi sia con un’altra volante che con una pattuglia dei carabinieri. Ma mentre scagliava i tavoli, l’egiziano continuava a brandire il coltello, cercando di colpire i passanti. Nel suo tragitto ha incontrato un netturbino che, insieme a un collega, si trovava lì per lavoro.

L’uomo è stato accoltellato con violenza e ripetutamente al gluteo e anche un poliziotto ha subito svariati traumi nel tentativo di fermare la furia dell’egiziano. Il netturbino è stato immediatamente medicato e trasportato in ospedale, dove ha ricevuto le cure del caso e una prognosi di 3 settimane. Una settimana, invece, per il poliziotto aggredito. Ora le indagini si concentrato nella ricostruzione del passato dell’uomo, per capire se abbia agito in quel modo solo perché alterato dall’alcol o se, invece, dietro possano esserci ragioni di radicalizzazione. Intanto la polizia ha scoperto che l’uomo era già stato oggetto di un decreto di espulsione firmato dal questore.

Nuovi guai in arrivo (richiesta di dimissioni) per il ministro Lamorgese che però ad oggi appare intoccabile!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2021
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Di Noto ed i drammi della violenza

Non tutti i giovani non amano, ma non è più tollerabile questa forma di violenza proprio tra le nuove generazioni – prosegue don Di Noto -. Nelle scuole, tra i giovani, nelle famiglie dobbiamo parlare della inviolabilità della vita umana, è una guerra offensiva silente e devastante”.

Leggi tutto

Chiesa

Non riuscivo neanche a pregare

Padre Bako Francis Awesuh ha raccontato ad Aid to the Church in need il mese in prigionia dopo il rapimento da parte di musulmani Fulani.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - La gente chiede al governo di proteggere le minoranze religiose

Leggi tutto

Storie

NIGERIA -  I veri motivi della strage nella chiesa di Owo

Leggi tutto

Chiesa

Il dolore dei vescovi di Haiti

La Chiesa di Haiti condivide la sua crescente preoccupazione per il “deterioramento generale” della situazione in “questo Paese dove il popolo sta soffrendo così tanto”.

Leggi tutto

Storie

Cambogia e traffico di esseri umani

Phnom Penh, complicità di alto livello nella tratta degli esseri umani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano