Storie

di Tommaso Ciccotti

Capitale italiana della Cultura 2024: le candidate

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono 23 le città che hanno presentato il dossier di candidatura a Capitale italiana della cultura per l’anno 2024.

Le candidature saranno valutate da una commissione composta da 7 esperti del mondo della cultura, delle arti, della valorizzazione territoriale e turistica, che sarà istituita a breve con decreto del Ministro della Cultura Dario Franceschini.
Entro il 18 gennaio 2022, la commissione esaminerà le candidature e selezionerà i 10 progetti finalisti che saranno invitati a delle audizioni pubbliche che si svolgeranno presso la sede del Ministero della cultura entro il 1° marzo 2022. Le città finaliste avranno a disposizione trenta minuti per presentare la propria candidatura, seguita da una sessione di ulteriori trenta minuti per le domande della commissione. Entro il 15 marzo 2022, la commissione proporrà al Ministro della cultura la candidatura ritenuta più idonea a essere insignita del titolo di Capitale italiana della cultura per l’anno 2024.

Le 23 città candidate e il titolo dei dossier
1. Ala (Trento) - Ala. La cultura che avvolge
2. Aliano (Matera) - Aliano sguardi oltre confine
3. Ascoli Piceno - La cultura muove le montagne
4. Asolo (Treviso) - Asolo 2024 Capitale italiana della cultura
5. Burgio (Agrigento) - Ubertosissima civitas: Burgio città della ceramica e delle campane
6. Capistrano (Vibo Valentia) - Capistrano, la cultura ci ripopola
7. Chioggia (Venezia) - Chioggia, sale di cultura
8. Conversano con l’Area metropolitana di Bari (Bari) - Conversano 2024. Una nuova dimensione della cultura
9. Diamante (Cosenza) - Diamante 2024. La Storia ha un futuro brillante
10. Gioia dei Marsi (L’Aquila) - Il fiore tra le macerie
11. Grosseto - Grosseto 2024, naturalmente culturale
12. La Maddalena (Sassari) - La Maddalena Capitale italiana della cultura 2024
13. Mesagne (Brindisi) - Umana meraviglia
14. Pesaro (Pesaro e Urbino) - La natura della cultura
15. Pordenone - Pordenone, la porta si apre
16. Saluzzo con le Terre del Monviso (Cuneo) - Saluzzo Monviso 2024. Una montagna di futuro
17. Sestri Levante con il Tigullio (Genova) - Atlante culturale del Tigullio. Includere e valorizzare secondo l’ispirazione “baudelairiana”: luxe, calme et volupté
18. Siracusa - Siracusa 2024. Città d’Acqua e di Luce
19. Unione Comuni Montani Amiata Grossetana (Grosseto) - Amiata 2024. Il respiro della cultura, la cultura respira
20. Unione Comuni Paestum-Alto Cilento (Salerno) - La Cultura dell’Unione
21. Viareggio (Lucca) - Viareggio la cultura si sente
22. Vicenza - Vicenza 2024. La cultura è una bella invenzione
23. Vinci (Firenze) - Vinci 2024. Cultura dell’impossibile

La Capitale italiana della cultura è stata istituita nel 2014 e ha tra gli obiettivi quello di sostenere, incoraggiare e valorizzare l’autonoma capacità progettuale e attuativa delle città, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, la crescita e lo sviluppo economico.

Il titolo di Capitale italiana della cultura è conferito per la durata di un anno e la città vincitrice riceverà un milione di euro. Negli anni precedenti il titolo è stato assegnato alle Città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018, Parma nel 2020 che è stata prorogata al 2021 dal Dl Rilancio. Lo stesso Decreto ha proclamato, in segno di solidarietà per le vittime della pandemia, Bergamo e Brescia Capitali italiane della Cultura per il 2023. Nel 2022 la Capitale sarà Procida

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Politica

Quirinale - Onorificenza alla memoria dell’Ambasciatore Attanasio

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha consegnato questa mattina al Quirinale l’onorificenza di Gran Croce d’Onore dell’Ordine della Stella d’Italia, alla memoria dell’Ambasciatore Luca Attanasio, ucciso nella Repubblica Democratica del Congo nel febbraio 2021.

Leggi tutto

Politica

APPUNTI PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Rivisitiamo il lavoro de Il Popolo della Famiglia impegnato a cambiare la storia di questa nostra Italia governata da personaggi inadeguati

Leggi tutto

Politica

TOSCANO E DE MARI ORA CHE DICONO?

Il post di Marco Rizzo che stappa “la migliore bottiglia” per celebrare la morte di Gorbaciov (a cadavere caldo, col cinismo di cui sono capaci solo i comunisti), il quale Gorbaciov sarebbe reo d’aver fatto ammainare la bandiera con la falce e martello dal pennone del Cremlino nella notte di Natale del 1991, bandiera che significava oppressione e morte per milioni di russi ed europei, mi fa chiedere: Toscano brinda con lui?

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Società

Rapporto 2021 Caritas - In Italia meno stranieri e meno vaccinati

Presentato a Roma il 30.mo Rapporto Immigrazione di Caritas italiana e Fondazione Migrantes, dal titolo “Verso un noi sempre più grande”. Gli stranieri regolari nella Penisola sono oggi poco più di 5 milioni, quasi 300mila in meno rispetto ad un anno fa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano