Politica

di Roberto Signori

Il Regno Unito primo ad approvare il farmaco anti-Covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo la partenza accelerata dei vaccini lo scorso inverno, il Regno Unito diventa anche il primo Paese al mondo ad approvare ufficialmente un “farmaco” anti Covid. Si tratta del molnupiravir, sviluppato dalle aziende americane Merck, Sharp and Dohme (MSD) e Ridgeback Biotherapeutics. Può essere preso in casa e la somministrazione si compone di due pillole al giorno. “È un giorno storico”, ha detto il ministro della Salute britannico Sajid Javid

II molnupiravir era stato inizialmente sviluppato contro l’influenza ma poi alcuni studi successivi avrebbero dimostrato la sua efficacia antivirale anche contro il Coronavirus. È il primo “farmaco” contro il Covid che può essere preso per bocca, senza bisogno di ricorrere a somministrazioni endovenose. Secondo i primi studi, ridurrebbe di circa il 50% il rischio di morte o malattia grave per coloro affetti da Covid.

Il Regno Unito ha già ordinato 480mila dosi di molnupiravir e ha fatto lo stesso per 250mila dosi di un farmaco simile di Pfizer che però è ancora in fase di sperimentazione. In ogni caso, lo stesso governo britannico sottolinea che il molnupiravir non è un sostituto dei vaccini, che restano vitali per contenere la pandemia del Coronavirus.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/11/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Covid e fake news

Il tema della comunicazione, dell’informazione e delle fake news durante la pandemia relativamente al Lazio, sono al centro del rapporto “Fake news e sfiducia, il ruolo delle associazioni consumeristiche per la ripartenza”, promosso dall’Unione Generale Consumatori

Leggi tutto

Politica

Buoni e cattivi

Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché.

Leggi tutto

Politica

Mascherine, obbligo fino al 30 settembre sui mezzi pubblici

Mascherine, obbligo fino al 30 settembre sui mezzi pubblici. Raccomandata per cinema, teatri e maturità

Leggi tutto

Storie

CNR - Covid-19 nuovo test per identificare gli anticorpi neutralizzanti

Un’analisi sierologica, sviluppata dall’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Cnr e dall’Inmi Lazzaro Spallanzani, rende possibile identificare gli anticorpi neutralizzanti del virus SARS-CoV2 in ambienti di prelievo a bassi livelli di biosicurezza. La tecnologia, descritta su Frontiers in Immunology, potrà essere utilizzata anche nello sviluppo di molecole in grado di inibire l’infezione virale

Leggi tutto

Storie

Tavistock chiuderà perchè non sicura

La decisione è arrivata dopo che i funzionari che avevano condotto la revisione della clinica hanno rivelato che i medici del Tavistock si sentivano “sotto pressione” per assecondare e portare sempre avanti il cambio di genere dei minori senza passare attraverso il normale processo di valutazione clinica dei giovani pazienti.

Leggi tutto

Società

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano