Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa: le culture autoreferenziali si ammalano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa - Inaugurando una nuova sala espositiva della Biblioteca Apostolica Vaticana, Francesco sottolinea il valore della bellezza che non è l’illusione fugace di un’apparenza o di un ornamento.

Alla presenza di Papa Francesco si è aperta ufficialmente la nuova sala espositiva del Palazzo sistino, realizzata con il sostegno degli eredi dell’imprenditore e filantropo statunitense Kirk Kerkorian. Nella storica sede del Cortile del Belvedere, il Papa ha visitato anche la mostra “Tutti. Umanità in cammino” con le opere dell’artista Pietro Ruffo, un percorso che attraverso mappe fisiche e allegoriche restituisce la necessità di trovare nella complessità del presente punti di riferimento per riorientarsi.

Il Papa prende la parola dopo il saluto del bibliotecario di Santa Romana Chiesa, il cardinale Tolentino de Mendonça. Il riscontro della comune radice dei termini “bello” e “buono” Papa Francesco lo esprime riprendendo il Vangelo di Giovanni, laddove l’aggettivo kalòs (bello) è usato esclusivamente con riferimento a Gesù e alla sua missione. E cita l’appellativo cristologico “Io sono il bel pastore” (10,11), che noi traduciamo abitualmente “Io sono il buon pastore”. In effetti, Gesù - ricorda il Papa - è il pastore buono, ma anche bello. Poi cita il Vangelo di Matteo dove, invece, Gesù così parla della bellezza dei suoi discepoli: li sfida a risplendere, a rendere visibile la bellezza delle loro opere come una forma di lode a Dio: «Risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere belle e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli» (5,16).

Il Vescovo di Roma si augura che la luce della Biblioteca dei Papi “risplenda attraverso la scienza, ma anche attraverso la bellezza” e precisa che la bellezza “non è l’illusione fugace di un’apparenza o di un ornamento: nasce invece dalla radice di bontà, di verità e di giustizia che sono suoi sinonimi”. E aggiunge:

Ma non dobbiamo tralasciare di pensare e di parlare di bellezza, perché il cuore umano non ha bisogno solo di pane, non ha bisogno solo di quello che garantisce la sua immediata sopravvivenza: ha bisogno anche di cultura, di quello che tocca l’anima, che ravvicina l’essere umano alla sua dignità profonda. Per questo la Chiesa deve testimoniare l’importanza della bellezza e della cultura, dialogando con la particolare sete d’infinito che definisce l’essere umano.

Il Papa quindi elogia il bel risultato del lavoro portato avanti dalla BAV e la finalità di bene con cui viene realizzato. Si sofferma sulla mostra di Ruffo che è un percorso di riflessione sull’Enciclica Fratelli tutti concepito come un dialogo tra antico e presente, tra un patrimonio inestimabile custodito in cinque secoli di storia e l’espressione artistica dell’oggi. Una “scommessa”, questa, che è piaciuta a Papa Francesco, che ricorda:

La vita è arte dell’incontro. Le culture si ammalano quando diventano autoreferenziali, quando perdono la curiosità e l’apertura all’altro. Quando escludono invece di integrare. Che vantaggio abbiamo a farci guardiani di frontiere, invece che custodi dei nostri fratelli? La domanda che Dio ci ripete è quella: “Dov’è il tuo fratello?” (cfr Gen 4,9).

Inoltre Francesco condivide il senso di disorientamento dell’epoca che viviamo e che la pandemia ha accelerato: “L’umanità ha bisogno di nuove mappe per scoprire il senso della fraternità, dell’amicizia sociale e del bene comune - afferma - la logica dei blocchi chiusi è sterile e piena di equivoci”. Sottolinea l’urgenza di quella che definisce “una nuova bellezza” di cui pone in risalto le peculiarità:

Che non sia più il solito riflesso del potere di alcuni, ma il mosaico coraggioso della diversità di tutti. Che non sia lo specchio di un antropocentrismo dispotico, ma un nuovo cantico delle creature, dove trovi effettiva concretezza un’ecologia integrale. Fin dall’inizio del mio pontificato ho chiamato la Chiesa a farsi «Chiesa in uscita» (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 20-24) e protagonista della cultura dell’incontro. La stessa cosa vale per la Biblioteca. Tanto meglio essa serve la Chiesa se, oltre a custodire il passato, osa essere una frontiera del presente e del futuro.

Il Papa conclude con un richiamo alla responsabilità di “tenere vive le radici, la memoria, sempre protesi verso i fiori e i frutti” sognando insieme “nuove mappe”. E conclude accennando alla necessità di passare dall’analogico al digitale, di tradurre sempre più il nostro patrimonio nei nuovi linguaggi. Si tratta di affrontare una sfida storica “con saggezza e audacia” per “tradurre il deposito del cristianesimo e la ricchezza dell’umanesimo nei linguaggi dell’oggi e del domani”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/11/2021
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

NEANCHE UN PRETE PER CHIACCHIERAR

Il periodo autunnale è una stagione di avvicendamenti in campo ecclesiale e nelle varie diocesi italiane è tutto un via vai continuo di sacerdoti che cambiano repentinamente parrocchia.

Leggi tutto

Società

Stop ad armi e tecnologie fuori controllo

Alle Nazioni Unite di New York, l’osservatore della Santa Sede monsignor Gabriele Caccia è tornato a parlare di armamenti e sicurezza internazional

Leggi tutto

Chiesa

Un oltre fecondo a 360 gradi

Tratto qui di una innovativa pista che si è da decenni rivelata feconda a tutto campo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’8 Dicembre

Torna l’8 dicembre l’evento pubblico con il Papa a Piazza di Spagna, a Roma, per la festa dell’Immacolata Concezione. L’atto di venerazione alla Madonna si terrà alle ore 16.

Leggi tutto

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Chiesa

Chi sono i santi della lettera sulla santità di Papa Francesco?

È vero, si parla tanto di “santità della porta accanto”, in Gaudete et exsultate, resa nota ieri da Papa Francesco. Tuttavia per forza di cose i personaggi di cui si citano le parole e/o i gesti appartengono alla cerchia dei “santi famosi”. Passiamo in rassegna l’Esortazione apostolica alla ricerca dei modelli che il Santo Padre offre alla coscienza dei fedeli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano