Politica

di Giuseppe Udinov

ASSEGNO UNICO: DI MATTEO (PDF), “MEGLIO IL QUOZIENTE FAMILIARE”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nicola Di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), a proposito della prossima attivazione dell’assegno unico e universale per ogni figlio, sottolinea le problematiche di questa misura e indica le alternative e i correttivi che aiuterebbero realmente e in modo significativo le famiglie con figli: “Spiace innanzitutto constatare che la copertura finanziaria per questa misura è a nostro avviso insufficiente, ma il punto fondamentale che critichiamo è l’aver legato l’importo dell’assegno alla presentazione dell’ISEE, dimenticando così che una famiglia con figli da mantenere ha una più bassa capacità contributiva e l’assegno invece dovrebbe essere unico, uguale per tutti, dipendere solo dal numero dei figli e semmai crescere proprio in proporzione al numero dei figli. E questo è evidentemente iniquo perché le politiche di sostegno alla natalità e alla famiglia vanno fatte nei confronti di tutti i figli e di tutte le famiglie. L’aver deciso inoltre un assegno unico maggiorato per le famiglie in cui lavorano entrambi i genitori come incentivo per spingere il lavoro femminile è errato. Questa proposta è segno di chi al governo non comprende il ruolo della famiglia e delle scelte procreative, che sono scelte per il bene e il futuro del paese. E così, da una parte si incentivano con bonus vari l’acquisto di auto, bici, monopattini, ristrutturazioni (senza considerazioni sul reddito dei beneficiari), mentre dall’altra si trascura l’investimento ben più importante del futuro per questo paese che sono i figli. Ci siete passati con il Reddito di Cittadinanza, dove molte, moltissime richieste sono arrivate ed evase attraverso la presentazione di documentazione fasulla. Ora riprovate condizionando l’assegno universale ad un ISEE che sarà anch’esso difficilmente verificabile. Per questo come Popolo della Famiglia abbiamo proposto l’introduzione del Quoziente Familiare come riforma fiscale a favore della famiglia. Misura questa che considerando situazioni di fragilità, disabilità, numero di componenti il nucleo e percettori di reddito tra i vari fattori supererebbe la visione che il fisco e certa politica di questo Paese ha sulla famiglia e i figli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/11/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Dal Sinodo parole chiare, non collaboriamo con chi vuole distruggere la Chiesa

Le interpretazioni dei giornali, purtroppo talvolta affidate a cattolici, sono interessate e fuorvianti. Basta leggere la relazione finale

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Media

Frate Emiliano Antenucci Non sparlare degli altri

Il silenzio è importante perché siamo “malati” dal rumore dei media, delle parole, del chiasso e della confusione. Il silenzio è ordine, bellezza, armonia, pace. Dal silenzio nasce tutto: la scrittura, la musica, il cinema, il teatro etc. Dal Silenzio nasce la Parola e le parole. 2)Nella società del “frastuono” anche delle opinioni è fondamentale la “sospensione del giudizio”. Il saggio è colui che sà quello che dice, non dice quello che sa. Ogni parola deve essere ponderata dal silenzio, dall’ascolto e dalla prudenza. Sparlare degli altri è lo sport più praticato al mondo, ma è un peccato di lingua che ferisce più della spada.

Leggi tutto

Società

Mario Adinolfi a Marco Cappato sull’eutanasia attiva

Spero che queste parole ti interroghino e interroghino i congressisti di Bari, che noi verremo a contestare con le nostre bandiere del Popolo della Famiglia e con i nostri militanti disabili che vogliono vivere e non morire, non vogliono sentirsi dire che diventano “dignitosi” solo se scelgono di suicidarsi. Continuiamo a credere che quello sconosciuto depresso che sale su un parapetto per buttarsi giù vada convinto a non farlo, non vada spinto di sotto per aiutare la sua “libera autodeterminazione”. E continuiamo a pensare che una società che organizza la sua libertà attorno all’idea di liberamente sballarsi, drogarsi, uccidersi sia una società malata che necessita di una cura.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano