Politica

di Roberto Signori

Polonia: è allarme migranti dalla Bielorussia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Centinaia di migranti sono arrivati a piedi al confine tra Bielorussia e Polonia per richiedere asilo politico a Varsavia e il cordone della polizia e dei militari li ha respinti. Si tratta migranti che stavano tentando di entrare illegalmente nella zona a sud del passaggio della frontiera a Kuznica Bialostocka, dicono fonti del ministero degli Interni.

Siamo pronti a difenderci”, ha detto su Twitter il ministro della Difesa Mariausz Blaszczak ricordando che nella zona ci sono 12mila soldati. Si riunisce intanto l’unità di crisi con il ministro Pawel Soloch dell’Ufficio sicurezza nazionale per stabilire un piano d’azione.

Migliaia di soldati dispiegati ai confini - La situazione sta diventando incandescente e sono state dispiegate le unità anti-terrorismo per fronteggiare l’arrivo di oltre mille richiedenti asilo che. Il viceministro dell’Interno polacco Maciej Vonsik ha spiegato che ci sono unità aggiuntive della Guardia di frontiera e unità anti-terrorismo. Secondo un portavoce della Commissione frontiere statali di Minsk, Anton Bychkovsky, sentito da Sputnik, “gli stranieri che sono vicino al confine hanno dichiarato l’intenzione di entrare nel territorio ed esercitare il diritto a fare richiesto per lo status di rifugiati nell’Ue”.

Dura con la Bielorussia l’Unione europea sulla situazione allarmante dei migranti. Il portavoce Ue ricorda che “nelle ultime settimane Varsavia ha riferito di 3mila attraversamenti illegali del confine ogni settimana”

Diversi video sui social immortalano l’arrivo dei profughi. Tra gli altri, ce n’è uno postato su Twitter da Sviatlana Tsikhanouskaya, politica e attivista bielorussa, che scrive: “Il regime bielorusso intensifica la crisi dei confini: i migranti vengono spinti al confine da uomini armati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/11/2021
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ed il bello dell’ascoltare

Messaggio di Francesco per la 56.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali: “Tanta sfiducia verso l’informazione ufficiale ha causato anche una ‘infodemia’, dentro la quale si fatica a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione”.

Leggi tutto

Storie

Francia, caos migranti. L’inchiesta choc

Si scoprono gli altarini di chi vorrebbe dare lezioni di solidarietà all’Italia

Leggi tutto

Politica

Migranti: Gb, ministro Interno, ‘Ruanda Paese sicuro’

Il Ruanda è un Paese sicuro per i migranti. Lo ha ribadito la ministra degli Interni britannica, Suella Braverman, durante un programma alla Bbc, nonostante siano state presentate le prove che 12 rifugiati congolesi sono stati uccisi dalla polizia nel 2018. “Non conosco il caso”, ha risposto la ministra. “E comunque - ha aggiunto - qui si parla di tre anni fa, oggi guardiamo al 2023 e oltre”.

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna il tribunale costituzionale polacco

Il Parlamento europeo condanna il tentativo di minare il primato del diritto comunitario e chiede al Consiglio e alla Commissione di proteggere il popolo polacco e l’UE.

Leggi tutto

Storie

La lettera di Wojtyla sull’amico Szczęsny

Custodita a Roma, a San Bartolomeo, Memoriale dei martiri del XX e XXI secolo, la lettera che Karol Wojtyla scrisse nel 1958, quando fu nominato vescovo ausiliare di Cracovia, in risposta alla famiglia del suo più caro amico nel seminario clandestino della città polacca, Szczęsny Zachuta, ucciso dai nazisti nel 1944

Leggi tutto

Storie

I migranti “trasferiti” grazie a un lauto compenso

«Se non entrano quelli (i 125mila dell’armatore danese per il trasbordo dei migranti, ndr) stiamo nella cacca». È il messaggio chiaro e netto di Beppe Caccia, capo missione della nave Mare Jonio, all’ex disobbediente Luca Casarini. I soldi, sequestrati su richiesta della Procura di Ragusa, sono il compenso pagato alla Idra social shipping per il recupero, l’11 settembre 2020 dalla petroliera danese Maersk Etienne, bloccata da un mese, di 27 migranti poi sbarcati a Pozzallo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano