Chiesa

di Raffaele Dicembrino

La visita del Papa ad Assisi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Circa tre ore da trascorrere insieme a 500 poveri di tutta Europa, un tempo breve, ma intenso di ascolto e preghiera. Sarà questo il programma della giornata di Francesco del prossimo 12 novembre. Un’attenzione che proseguirà anche domenica 14 novembre nella Messa in San Pietro, per la Giornata mondiale dei poveri.

Al suo arrivo Francesco - secondo il programma reso noto dalla Sala Stampa vaticana - sarà accolto sul Sagrato della Basilica di Santa Maria degli Angeli oltre che dal saluto delle Autorità, dall’abbraccio dei poveri. Un gruppo di circa 500 persone provenienti da diverse parti dell’Europa che gli consegneranno simbolicamente il mantello e il bastone del Pellegrino, a indicare che tutti sono venuti pellegrini nei luoghi di San Francesco, per ascoltare la sua parola. Da lì insieme, in processione verso la Basilica. In un primo momento Francesco, ripercorrendo i gesti del Santo di Assisi si soffermerà a pregare presso la Porziuncola, luogo tra i più importanti nella vita del frate, che in quel tempo amava accogliere i suoi confratelli, i numerosi poveri e dove Santa Chiara decise di consacrarsi al Signore. Lì, compirà anche un gesto significativo: alla fine della celebrazione benedirà una pietra precedentemente prelevata dalla Porziuncola per essere donata ad alcuni rappresentanti del rifugio per i senzatetto “Rose di San Francesco” di Tersatto, fondato nel 2007 dalla fraternità locale dell’Ordine Francescano Secolare di Tersatto, nella città di Rijeka – Fiume, in Croazia.

Sempre in Basilica lo spazio per l’ascolto: le testimonianze di sei poveri (due francesi, un polacco, uno spagnolo, due italiani) alle quali il Papa risponderà. Quindi alle 10:30 un momento di pausa per offrire un ristoro ai presenti e alle 11:00 il rientro nella Basilica per un momento di preghiera e la distribuzione del dono del Santo Padre ai poveri. Dopo i saluti Francesco in elicottero farà rientro in Vaticano mentre i 500 presenti saranno ospitati per il pranzo dal vescovo di Assisi, monsignor Domenico Sorrentino.
Questo momento del Papa con i poveri - spiega il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione - prepara, insieme ad una serie di iniziative, la prossima Giornata mondiale del 14 novembre voluta da Francesco proprio per sollecitare la Chiesa e i fedeli a “uscire” per incontrare la povertà nelle varie accezioni in cui nel mondo moderno si manifestano e tendere la mano verso chi è più bisognoso. Filo conduttore sarà il motto scelto per la Giornata: “I poveri li avete sempre con voi” (Mc 14,7). Il folto gruppo che sarà ad Assisi proviene dalle diocesi dell’Umbria guidate dalla Caritas, dall’Associazione francese “Fratello” e da una delegazione proveniente da Roma composta dall’Elemosineria Apostolica e dalle associazioni Caritas Diocesi di Roma, Circolo S. Pietro, Comunità di Sant’Egidio, Coordinamento Regionale Famiglia Vincenziana, Centro Astalli, Acli di Roma. Alla fine della giornata a ciascuno dei partecipanti saranno donati 500 zaini prodotti nell’ambito del progetto “+Three”, che promuove realizzazioni nel rispetto della sostenibilità ambientale ed economica.

L’abbraccio del Papa ai poveri proseguirà anche domenica 14 novembre quando, in occasione della Giornata mondiale a loro dedicata, Francesco presiederà la celebrazione eucaristica nella Basilica vaticana alle 10.00 con la partecipazione di 2 mila persone in rispetto delle norme sanitarie, assistite dalle varie Associazioni di volontariato presenti sul territorio di Roma. Saranno loro ad animare la celebrazione con letture e preghiere dei fedeli, per poi concludere insieme con la distribuzione di pasti caldi.

In vista della Giornata sono tante le iniziative organizzate a favore dei poveri. Una particolare attenzione andrà a circa 40 Case-famiglia presenti sul territorio della diocesi di Roma con la distribuzione di alimenti - circa 5 tonnellate di pasta, 1 tonnellata di riso, 2 tonnellate di passata di pomodoro, 1.000 litri di olio e 3.000 litri di latte- e di circa 5mila kit di ausili sanitari alle famiglie bisognose per la salute e la cura della persona. Ancora, per sopperire alla mancanza del presidio mobile che tradizionalmente era allestito in Piazza San Pietro per erogare gratuitamente numerose prestazioni e servizi medici alle persone povere, sarà realizzata, come è già stato fatto in passato, l’iniziativa “Alla ricerca del Virus”. Un camper attrezzato a effettuare dei test in grado di valutare la presenza del virus HCV (epatite C) e del virus HIV, sarà presente in Piazza San Pietro durante la Giornata dei Mondiale dei Poveri, il 14 novembre. Il servizio sarà disponibile dal momento in cui il Santo Padre terminerà la recita dell’Angelus, poco dopo le ore 12:00, fino alle ore 18:00. Potranno accedere a questo servizio immediatamente tutti i poveri che si recheranno presso il camper. Infine oltre al sostegno attraverso la distribuzione di alimenti e medicinali, questa celebrazione della Giornata Mondiale dei Poveri si caratterizza anche per un’ulteriore iniziativa resa possibile per la generosità di UnipolSai. Per circa 500 famiglie che hanno difficoltà economiche e che spesso si rivolgono a centri caritativi, sarà possibile corrispondere al pagamento delle utenze del gas e della corrente elettrica. Tali spese gravano sulle famiglie che per poter accedere a questi servizi spesso tralasciano il cibo o altre spese mediche, come ha scritto Papa Francesco nel Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri: “Alcuni Paesi stanno subendo per la pandemia gravissime conseguenze, così che le persone più vulnerabili si trovano prive dei beni di prima necessità. Le lunghe file davanti alle mense per i poveri sono il segno tangibile di questo peggioramento”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: siamo chiamati a testimoniare l’amore di Dio

All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco si concentra sul tema della giustificazione: l’amore di Cristo ci ha salvato tutti “gratis”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “mai stancarsi di fare il bene”

Vaticano - All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco conclude il ciclo di catechesi sulla Lettera ai Galati e soffermandosi sulla figura di san Paolo e sulla sua “parresia” invita i fedeli a non cedere alla “tentazione di tornare indietro, alle vecchie schiavitù”: “Nei momenti di difficoltà, svegliare Cristo. Lui guarda oltre le tempeste”. Ecco le sue parole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano