Politica

di Mario Adinolfi

L’unica soluzione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

l 9 novembre è una data importante nella storia contemporanea: nel 1938 è la Notte dei Cristalli con la devastazione nazista dei negozi degli ebrei e delle loro sinagoghe, nel 1989 cade il Muro di Berlino. Nella piccola storia quinquennale del Popolo della Famiglia, il 9 novembre 2018 viene depositata in Corte di Cassazione (e poi pubblicata in Gazzetta Ufficiale) la proposta di legge sul reddito di maternità: mille euro al mese alle donne italiane a zero reddito che intendono lavorare nella cura e nella crescita dei figli e della propria famiglia. Mille euro per otto anni per il primo figlio (96mila euro complessivi), rinnovabili alla nascita del secondo figlio, vitalizi alla nascita del quarto figlio o di un figlio disabile.

I fondi necessari (tre miliardi di euro a regime, meno di un miliardo di euro il primo anno) da ritagliare dal reddito di cittadinanza che costa sette miliardi e non è un investimento nel capitale umano ma puro assistenzialismo. Il reddito di maternità invece consegnerebbe alle donne un vero e pieno nuovo diritto, potendo scegliere tra lavoro casalingo e lavoro esterno in piena autonomia e tranquillità, riconoscendo finalmente il faticoso ma sempre più decisivo lavoro casalingo di cura dei figli come lavoro a tutti gli effetti.

Il reddito di maternità è l’unica soluzione possibile alla principale tragedia italiana che è la denatalità, che una classe politica miope non riesce a inquadrare, ma che travolgerà l’intero sistema di welfare del Paese. Devono immediatamente tornare a nascere centinaia di migliaia di figli e questo avverrà solo con il reddito di maternità. Il 9 novembre 2018 il Popolo della Famiglia spiazzò l’intero mondo della politica presentando questa proposta di legge composta da un solo articolo. Siamo stati copiati (Giorgia Meloni ci fece la campagna elettorale del 2019 per le europee, ma Fratelli d’Italia non ha mai presentato la relativa proposta di legge, bastava fotocopiare la nostra consegnata alla Camera con oltre 52mila firme certificate), siamo stati attaccati, siamo stati irrisi e siamo stati imitati. Il Forum delle associazioni familiari sei mesi dopo la presentazione del reddito di cittadinanza annunciò trionfante nel 2019 con tanto di foto abbracciati a Luigi Di Maio l’istituzione dell’assegno unico per il figlio, siamo alle soglie del 2022 e ancora continua la presa in giro su questo pannicello caldo che mai risolverà i problemi della denatalità e manderà anzi le famiglie più numerose in difficoltà, mantenendo i parametri ISEE che serviranno a non erogarlo. Il tutto per non unirsi a noi nella battaglia per una soluzione semplice e carica di futuro, una rivoluzione di un articolo solo, il reddito di maternità che sarebbe peraltro una bomba anche contro la piaga dell’aborto. Prima o poi l’Italia dovrà piegarsi alla proposta del Popolo della Famiglia, l’unica razionale e di immediata applicazione.

Qualcuno nella storia ricorderà che l’avevamo messa a disposizione del Paese e delle famiglie italiane già dal 9 novembre 2018, già sarebbero nati centinaia di migliaia di figli che sarebbero stati le braccia della ricostruzione come i figli del Secondo Dopoguerra. Invece abbiamo battuto tre record consecutivi di denatalità. E continueremo a batterli ogni anno finché non ci si rassegnerà a copiare la legge di un articolo solo proposta dal Popolo della Famiglia, depositata in Cassazione e alla Camera, pubblicata in Gazzetta Ufficiale, denominata “reddito di maternità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Società

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita di Tafida Raqeeb

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita (prima che della famiglia) di Tafida Raqeeb. Per la prima volta in Regno Unito un giudice ha disposto il mantenimento del sostegno vitale di un paziente pediatrico in un caso di conflitto tra l’ospedale e la famiglia. La decisione è arrivata con una sentenza di non facile lettura - e per come vi è espresso il bilanciamento dei punti di vertenza e per l’estensione del testo (70 pagine, le prime 30 di sintesi delle posizioni delle parti) – e tuttavia estremamente netta a concludersi:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano