Storie

di Roberto Signori

Borsellino, per la Cassazione “strage mafiosa e zone d’ombra”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una strage di chiara matrice mafiosa quella costata la vita al giudice Paolo Borsellino e agli uomini della scorta. Nessun dubbio sulla paternità dell’attentato - scrivono i magistrati della Corte di Cassazione nelle motivazioni della sentenza di conferma per le condanne all’ergastolo dei boss Salvatore Madonia e Vittorio Tutino - anche se ci sono «anomalie» come il coinvolgimento del Sisde e «zone d’ombra» legata alla scomparsa dell’agenda del magistrato. Nello stesso verdetto sono stati condannati anche due finti pentiti per aver calunniato altri collaboratori e persone innocenti. Per gli “ermellini”, quanto emerso nel processo sulla trattativa Stato-mafia è di «sostanziale neutralità» e non ci sono «nuovi scenari», nonostante gli «abnormi inquinamenti delle prove».

«La strage di via d’Amelio rappresenta indubbiamente un tragico delitto di mafia, dovuto a una ben precisa strategia del terrore adottata da Cosa Nostra, in quanto stretta dalla paura e da fondati timori per la sua sopravvivenza a causa della risposta giudiziaria data dallo Stato attraverso il ‘maxiprocesso’, potendo le emergenze probatorie relative a quelle ‘zone d’ombra - in parte già acquisite in altri processi, in parte disvelate dal presente processo - indurre, al più, a ritenere che possano esservi stati anche altri soggetti, o gruppi di potere, interessati alla eliminazione del magistrato e degli uomini della sua scorta». È l’adesione di Madonia, attraverso il ‘consenso del silenzio’, alla ‘resa dei conti’ attraverso il progetto stragista indirizzato, in primo luogo, ai nemici storici di Cosa Nostra - e tra questi a Paolo Borsellino - a fondare il giudizio di sussistenza «nei cuoi confronti della fattispecie concorsuale, ossia quella partecipazione morale all’attentato stragista».

«L’uccisione del giudice Paolo Borsellino, ‘inserita nell’ambito di una più articolata strategia stragista unitaria’, risponde a più finalità di Cosa Nostra - spiegano gli ‘ermellini’ -. Viene così in rilievo una finalità prima di tutto di vendetta, che chiama in causa la vita professionale del magistrato, dalle iniziative adottate insieme con il capitano Emanuele Basile e dopo il suo omicidio fino al ruolo centrale rivestito maxiprocesso; in secondo luogo una finalità preventiva perseguita da Cosa Nostra in relazione ‘alla possibilità che il giudice Borsellino divenisse capo della Procura antimafia, ricevendo il testimone del giudice Giovanni Falcone nella lotta al crimine organizzato’. La Corte di assise di appello di Caltanissetta richiama la ‘finalità di destabilizzazione’ volta a ‘esercitare una pressione sulla compagine politica e governativa’ e ‘a mettere in ginocchio lo Stato’, di cui hanno riferito i collaboratori di giustizia».

«L’uccisione di Paolo Borsellino e il depistaggio sulla strage sono legati». Lo ha dichiarato l’avvocato Fabio Trizzino, legale della famiglia Borsellino e marito di Lucia Borsellino, commentando con l’Adnkronos, a nome della famiglia, le motivazioni della Cassazione sul processo Borsellino quater in cui è stata confermata la condanna per due boss e due finti pentiti che hanno calunniato altri collaboratori e persone innocenti. «In questo scenario bisogna anche collocare l’abnorme inquinamento probatorio di cui parla anche la Cassazione perché l’uccisione di Borsellino e gli agenti di scorta e il depistaggio sono legati - dice Trizzino - Anche quel depistaggio sicuramente ha una funzione». E aggiunge: «Che sia stato un delitto di mafia non c’è alcun dubbio, ma non solo, ci sono troppe zone d’ombra, come la scomparsa dell’agenda rossa». Poi l’avvocato Trizzino, che rappresenta la famiglia anche nel processo sul presunto depistaggio sulle indagini sulla strage di via D’Amelio in corso a Caltanissetta, parla ancora «delle cointeressenze di Cosa Nostra con importanti imprenditori e società del Nord, i cui sviluppi si sarebbero potuti meglio vedere solo attraverso una giusta valorizzazione del dossier mafia e appalti. Cosa che Borsellino non ha potuto fare…».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2021
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

L’ultima lettera di Paolo Borsellino

Paolo Borsellino e quell’ultima lettera

Leggi tutto

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

APPELLO APERTO A GIUDICI E MAGISTRATI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Appello ai giudici contro i soprusi del governo Draghi

Leggi tutto

Storie

Beirut: ‘assalto’ a una banca trasforma architetto in ‘eroina nazionale’

Sally Hafiz ha fatto irruzione in una filiale della Blom Bank con una pistola giocattolo e prelevato dal conto della famiglia 13mila dei 20mila euro depositati. Fingendosi incinta è riuscita a sfuggire alla polizia. Il denaro necessario per pagare le cure mediche alla sorella malata di tumore.

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Politica

Inammissibile referendum sulla cannabis, via libera a 5 quesiti di giustizia

Amato: «Il referendum non era sulla cannabis, ma sulle sostanze stupefacenti. Si faceva riferimento a sostanze che includono papavero, coca, le cosiddette droghe pesanti. E questo era sufficiente a farci violare obblighi internazionali»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano