{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Società

di Nathan Algren

La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La psicologa Guendalina Graffigna ha provato a capire i motivi dietro la sfiducia generale che c’è in Italia verso la prosecuzione della campagna vaccinale: “All’inizio della campagna vaccinale, per convincerci a partecipare, ci avevano illuso che i vaccini ci avrebbero portato fuori dalla pandemia quasi con un colpo di bacchetta magica. Dalla crisi stiamo effettivamente uscendo grazie ai vaccini, ma come tutti i farmaci, anche loro hanno dei limiti. Se ne avessimo parlato onestamente fin dall’inizio, citando tra l’altro l’effetto temporaneo della protezione, non ci troveremmo di fronte a un senso di frustrazione così diffuso. Anche perché non è la prima volta che ci viene prospettata l’uscita dal tunnel. E troppe volte siamo stati disillusi.”

Graffigna, che è anche direttrice del centro di ricerche EngageMinds Hub, ha parlato degli studi effettuati da inizio 2020, sui comportamenti delle persone legati alla pandemia: “Parlando di vaccini, nei mesi abbiamo visto scendere la percentuale degli esitanti, mentre lo zoccolo duro dei cosiddetti no vax è sempre rimasto costante, intorno al 9% da marzo a oggi. Ora, esaurita o quasi la spinta per le prime dosi, vediamo comparire un nuovo ostacolo, quello di chi resiste alla terza.”

La differenza tra la situazione italiana e quella negli altri Paesi soprattutto europei è, secondo la psicologa, dovuta al modo in cui i vaccini sono stati raccontati dalle autorità: “Quel che accade negli altri Paesi, dove i numeri dei positivi giornalieri raggiungono valori anche molto alti, aiuta a mantenere alto il livello di allarme. Ma il patto tacito fra scienza e cittadini si è incrinato. Ci era stata ventilata un’uscita immediata dalla pandemia qualora ci fossimo vaccinati. Questo sta effettivamente avvenendo, ma con qualche ritardo. E’ normale, i miracoli non esistono, ma sarebbe stato meglio chiarirlo fin dall’inizio, invece di strizzare l’occhio a scenari troppo belli per essere veri. La scienza, che con l’arrivo delle prime dosi era stata idealizzata, ora viene demonizzata”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/11/2021
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Amadei: “L’epidemia accelera. Non si può perdere il nostro hub”

Il responsabile della sezione di Fano del Popolo della famiglia al sindaco: “Trovi il modo di reperire i fondi”

Leggi tutto

Società

Forze dell’ordine tra vaccinazioni e tessera verde

Covid, norme confusionarie, Conestà (Mosap): «Si faccia chiarezza, A cosa serve obbligo vaccinale se a chi è a contatto con positivo non si applica quarantena?»

Leggi tutto

Società

Regno Unito. Stop alle misure anti-covid, i vescovi inglesi si adeguano

In un documento sul sito della conferenza episcopale di Inghilterra e Galles vi sono le nuove indicazioni alle diocesi. Tornano il segno della pace e i canti. Non più obbligatorie le mascherine

Leggi tutto

Storie

160 milioni le bambine e i bambini lavoratori nel mondo

I dati internazionali sono allarmanti: secondo l’ILO sono 160 milioni i bambini e le bambine coinvolti in lavoro minorile. Per la prima volta in 20 anni, il fenomeno è in aumento a livello mondiale e il COVID ha esposto quasi 9 milioni di bambini in più al rischio di sfruttamento lavorativo.

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi, il cavaliere nero

Su Reteluna è uscita una lunga intervista, per chi è proprio molto curioso di alcuni dettagli sulla vita vita presente e passata di Mario Adinolfi: “Ho imparato che conta solo ciò che dura. Quanto alla visibilità, non l’ho mai cercata: mica ci guadagni nulla se finisci cento volte su Dagospia”.

Leggi tutto

Politica

Covid: dalla Commissione le 10 cure più promettenti

Si concretizza in queste ore una delle azioni principali della strategia dell’Ue sugli strumenti terapeutici contro il Covid-19 con la definizione da parte della Commissione di un portafoglio di 10 potenziali strumenti terapeutici contro il coronavirus

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano