{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Società

di Nathan Algren

La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La psicologa Guendalina Graffigna ha provato a capire i motivi dietro la sfiducia generale che c’è in Italia verso la prosecuzione della campagna vaccinale: “All’inizio della campagna vaccinale, per convincerci a partecipare, ci avevano illuso che i vaccini ci avrebbero portato fuori dalla pandemia quasi con un colpo di bacchetta magica. Dalla crisi stiamo effettivamente uscendo grazie ai vaccini, ma come tutti i farmaci, anche loro hanno dei limiti. Se ne avessimo parlato onestamente fin dall’inizio, citando tra l’altro l’effetto temporaneo della protezione, non ci troveremmo di fronte a un senso di frustrazione così diffuso. Anche perché non è la prima volta che ci viene prospettata l’uscita dal tunnel. E troppe volte siamo stati disillusi.”

Graffigna, che è anche direttrice del centro di ricerche EngageMinds Hub, ha parlato degli studi effettuati da inizio 2020, sui comportamenti delle persone legati alla pandemia: “Parlando di vaccini, nei mesi abbiamo visto scendere la percentuale degli esitanti, mentre lo zoccolo duro dei cosiddetti no vax è sempre rimasto costante, intorno al 9% da marzo a oggi. Ora, esaurita o quasi la spinta per le prime dosi, vediamo comparire un nuovo ostacolo, quello di chi resiste alla terza.”

La differenza tra la situazione italiana e quella negli altri Paesi soprattutto europei è, secondo la psicologa, dovuta al modo in cui i vaccini sono stati raccontati dalle autorità: “Quel che accade negli altri Paesi, dove i numeri dei positivi giornalieri raggiungono valori anche molto alti, aiuta a mantenere alto il livello di allarme. Ma il patto tacito fra scienza e cittadini si è incrinato. Ci era stata ventilata un’uscita immediata dalla pandemia qualora ci fossimo vaccinati. Questo sta effettivamente avvenendo, ma con qualche ritardo. E’ normale, i miracoli non esistono, ma sarebbe stato meglio chiarirlo fin dall’inizio, invece di strizzare l’occhio a scenari troppo belli per essere veri. La scienza, che con l’arrivo delle prime dosi era stata idealizzata, ora viene demonizzata”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/11/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

Storie

Ecco la pillola anti Covid

Una pillola che si può prendere a casa, ai primi sintomi della malattia. E che potrebbe dare la svolta decisiva a una campagna vaccinale ormai stagnante da settimane: l’obiettivo del 90% di popolazione immunizzata con due dosi è ancora lontano.

Leggi tutto

Chiesa

Müller: stanno sfruttando la pandemia per diffondere il pensiero totalitario

IL CARDINALE TEDESCO: “I VESCOVI NON POSSONO OFFRIRSI COME CORTIGIANI E PROPAGANDISTI DEI GOVERNANTI”

Leggi tutto

Società

Aborto maggiore causa di morte nel 2021, non il COVID

Ecco un commento sui dati pubblicati da Worldometers e quelli reperiti su ISTAT.

Leggi tutto

Politica

Buoni e cattivi

Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché.

Leggi tutto

Società

Bambini con HIV e terapie salvavita

A livello globale, solo la metà (il 52%) dei bambini che vivono con l’HIV riceve terapie salvavita, molto indietro rispetto agli adulti, i tre quarti dei quali (ovvero il 76%) ricevono antiretrovirali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano